Uno sviluppatore domestico dell’Ontario è stato accusato di uno schema di frode da 37 milioni di dollari

Un importante imprenditore immobiliare dell’Ontario sta affrontando accuse scioccanti da parte di una banca Big Five secondo cui avrebbe orchestrato una frode “altamente sofisticata” della durata di un anno per un totale di oltre 37 milioni di dollari.

TD Bank ha citato in giudizio StateView Homes, con sede a Woodbridge, Ontario, a nord di Toronto, e guidata dai fratelli Carlo e Dino Taurasi, sostenendo che la società ha implementato uno schema di “kite check” dall’aprile 2022 al mese scorso.

La causa nomina anche 25 società associate, cinque amministratori di tali società e l’ex direttore finanziario di StateView Daniel Ciccone.

TD sostiene che gli imputati hanno scritto migliaia di assegni scoperti per ingenti somme da conti aziendali e conti personali presso altre banche, secondo una dichiarazione di reclamo depositata presso la Corte superiore di giustizia dell’Ontario a Toronto.

TD sostiene che gli imputati incasseranno gli assegni nei conti TD e TD rilascerà il denaro a condizioni prima che l’assegno venga cancellato. La banca afferma che gli imputati ritireranno rapidamente il denaro e quindi annulleranno l’assegno per impedire che il denaro venga effettivamente trasferito sul conto TD.

Nel corso dell’anno, quel TD rimasto doveva $ 37.028.055,73 più interessi, sostiene la banca.

“Una revisione della cronologia del conto ha rivelato quello che sembrava essere un controllo altamente sofisticato che coinvolge frodi che coprono circa 12 mesi e dozzine di conti e il coinvolgimento di più istituti finanziari”, afferma la banca nella sua richiesta.

L’azienda è gestita dai fratelli Dino, a sinistra, e Carlo Taurasi. Un dirigente di StateView afferma di non essere a conoscenza o di non partecipare al presunto piano e di collaborare con TD per rimborsare i soldi. (stateviewhomes.com)

Per evitare di essere scoperti, gli imputati effettuavano regolarmente queste “transazioni fantasma” su 22 conti per creare l’illusione che ci fosse nuovo denaro in arrivo, ha affermato TD.

Sebbene StateView non abbia depositato una dichiarazione di difesa, sembra avere una proposta di accordo transattivo con TD per rimborsare tutti i soldi entro luglio, secondo una copia firmata dell’accordo vista da CBC Toronto ma non contenuta nei documenti del tribunale disponibili al pubblico .

Un altro documento del tribunale visto da CBC Toronto indica che la causa è stata intentata per far avanzare la transazione.

Né TD né StateView commenteranno l’accordo.

Anche altri due istituti di credito stanno facendo causa per recuperare i 24 milioni di dollari che hanno prestato a StateView per uno sviluppo a Markham, Ont.

L’azione legale solleva interrogativi sul futuro di circa 1.400 case che StateView ha progettato nell’area di Toronto, molte delle quali sono già state vendute ma non ancora costruite.

Casa di città
Una vetrina di design per Nao Towns II di StateView Homes a Markham, Ontario, è attualmente in costruzione. (stateviewhomes.com)

Lo sviluppatore incolpa l’ex dirigente

In una dichiarazione alla CBC Toronto, il vicepresidente del marketing di StateView Daryl O’Rian, che non è stato nominato nella causa, ha affermato che Carlo e Dino Taurasi non erano a conoscenza o coinvolti nel presunto schema e stavano collaborando con TD per rimborsarli. soldi.

Orian ha affermato che la presunta frode è stata “commessa esclusivamente da” l’ex direttore finanziario della società, Ciccone.

quando sono stati avvisati della situazione [in March]Carlo e Dino hanno subito collaborato alle indagini e hanno prontamente rimosso il CFO dal suo incarico”.

“Né Carlo né Dino beneficiano finanziariamente di queste attività”, ha detto Ourian. “Questa situazione ha causato un grande sconvolgimento nella loro vita personale e ha creato grandi difficoltà per loro personalmente e per le loro famiglie mentre lavorano per una soluzione”.

Fila di case con macchine che passano
Residenza costruita e venduta da StateView Homes a Richmond Hill, Ontario. (Paolo Smith/CBC)

CBC Toronto ha tentato di contattare Carlo e Dino Taurasi tramite lo studio ei loro legali, ma non ha ricevuto risposta. Le e-mail e una telefonata a Ciccone sono rimaste senza risposta.

Nell’accordo proposto, fino al rimborso del denaro, TD prevede di mantenere 31 proprietà, inclusi almeno tre dei suoi progetti StateView pre-costruzione nell’Ontario meridionale: Nao Towns II a Markham, Bea Towns a Barrie e Elm & Co a Whitchurch- Stouffville.

StateView ha pianificato di costruire 600 case in quei progetti, secondo il suo sito web.

TD ha anche proposto di assumere il controllo di diverse case di lusso appartenenti a Carlo e Dino Taurasi a King City e Richmond Hill e di chalet sciistici a Collingwood.

Il secondo seme

Statview e le sue affiliate affrontano un’altra sfida finanziaria.

Lenders Atrium Mortgage Investment Corporation e Dorr Capital Corporation all’inizio di questa settimana hanno intentato una causa contro la società Nao Towns II di Carlo, Dino e Stateview, chiedendo il rimborso immediato di un prestito di 24 milioni di dollari per il progetto di 96 unità in costruzione a Markham.

È anche una delle tante proprietà di StateView che TD attende con impazienza.

Quando gli istituti di credito hanno appreso delle accuse di assegno cartaceo, hanno chiesto indietro i loro soldi a Stateview, hanno affermato nella dichiarazione di reclamo, anch’essa depositata presso la Corte superiore di giustizia dell’Ontario.

Gli istituti di credito affermano inoltre che Stateview non è riuscita a effettuare pagamenti mensili di interessi di $ 277.000 ad aprile e ha contratto ulteriori mutui su proprietà senza avvisare Atrium e Dorr.

Infine, i finanziatori chiedono ai tribunali di ordinare a un beneficiario di prendere il controllo di tutti i beni e le proprietà del progetto Nao Towns II e di venderli per saldare i debiti.

Stateview non ha ancora depositato una dichiarazione di difesa su quel caso.

E gli acquirenti di case?

Orian afferma che StateView capisce che acquirenti e finanziatori sono preoccupati. Ma ha detto che la società intende “completare tutti i progetti attualmente in costruzione”.

“Stiamo… lavorando attivamente con i nostri partner per portare avanti il ​​maggior numero possibile di progetti, riconoscendo anche la posizione dei nostri finanziatori”.

L’avvocato specializzato in insolvenza David Schatzker, che non è stato coinvolto nel caso, afferma che se gli istituti di credito riescono a convincere un beneficiario a prendere il controllo della proprietà di StateView, non c’è molto che gli acquirenti ansiosi possano fare.

Ha detto che il curatore fallimentare potrebbe consentire il completamento del progetto e gli acquirenti potranno completare i loro acquisti dalle loro case.

Tuttavia, se il destinatario ordina i progetti venduti per ripagare gli istituti di credito, gli acquirenti potrebbero non vedere le case che hanno acquistato o i loro depositi.

“Alla fine, potrebbero subire una perdita se il progetto non viene completato”, ha detto Schatzker.

“Potrebbero teoricamente citare in giudizio lo sviluppatore a un certo punto, ma la possibilità è che dopo che l’amministrazione controllata sarà completata, probabilmente non rimarranno molti soldi”.

READ  Il passeggero descrive momenti di tensione sul volo WestJet dopo un guasto al motore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *