Uno degli strumenti di veicoli spaziali solari orbitanti della NASA ha catturato il suo primo video di espulsione di una massa coronale

Uno strumento a bordo del Solar Orbiter, una sonda costruita dall’Agenzia spaziale europea (ESA) e dalla NASA, ha catturato il suo primo video dell’espulsione di una massa coronale mentre orbita attorno all’altro lato del sole a febbraio. Il Solar Orbiter, lanciato all’inizio del 2020, ha rilevato queste massicce esplosioni di energia in passato, ma l’esplosione catturata nel febbraio di quest’anno è stata una prima elettrizzante per la NASA.

La NASA ha costruito il Solar Orbital Imager, o SoloHI Solar Module. Recentemente ha catturato una tempesta attiva di plasma solare in streaming dalla superficie della stella mentre la navicella spaziale si aggirava intorno al sole. Gli scienziati non si aspettavano che il veicolo spaziale inviasse di nuovo immagini eccitanti a questo punto: i dati sono lenti a raggiungere la Terra da una distanza così lontana e la missione principale di Solar Orbiter non inizierà fino a novembre.

La prima espulsione di massa coronale catturata da un fotografo eliosferico (SoloHI).
ESA e NASA / Solar Orbiter / SoloHI team / NRL

Ma SoloHI ha consegnato comunque il carico, uscendo da dietro il sole e tornando in linea di vista della Terra, riportando quello che la NASA ha descritto come un “incidente felice”. Altri due dispositivi a bordo dell’orbita solare, l’imaging ultravioletto ultravioletto (EUI) e il CoronMetis, potrebbero aver catturato visioni diverse dell’eiezione di massa coronale all’incirca nello stesso momento.

Gli scienziati stanno ancora raccogliendo immagini dai vari strumenti per avere un quadro chiaro di ciò che stava accadendo vicino al sole quel giorno. Più o meno nello stesso periodo SoloHi registrò il Prima scoperta dell’estrusione di massa coronale, EUI e METIS rilevati Un paio di eiaculazione di massa coronale. Anche altri veicoli spaziali focalizzati sull’energia solare hanno scattato foto e video delle esplosioni quel giorno.

Lo stesso strumento SoloHI del Solar Orbiter con espulsione di massa coronale catturato dal Solar Earth Relations Observatory della NASA, uno dei due veicoli spaziali lanciati nel 2006.
NASA / STEREO / COR2

Un’espulsione di massa coronale è un’esplosione di plasma dal vivo che invia onde d’urto geomagnetiche attraverso il sistema solare. I più grandi incroci con la Terra possono distruggere i satelliti nello spazio, potenzialmente interrompendo la trasmissione wireless o (per satelliti davvero rari e voluminosi). Il plasma rilasciato da questi proiettili colpisce la magnetosfera protettiva della Terra, scivola nelle sue regioni polari, si scontra con l’atmosfera e dà origine all’Aurora Settentrionale e Meridionale.

La missione principale di Solar Orbiter è studiare da vicino il sole, aiutando gli scienziati a comprendere le cause del vento solare e come influisce sulla Terra. L’imbarcazione delle dimensioni di un minivan, che si trova a circa 26 milioni di miglia vicino al Sole, è tra gli oggetti costruiti dall’uomo più vicini all’esplorazione della stella. È seconda solo alla Parker Solar Probe della NASA, progettata per avvicinarsi ancora di più, spostandosi intorno al sole a una distanza di soli 3,8 milioni di miglia.

Nel luglio dello scorso anno, un fotografo ultravioletto estremo nel modulo solare in orbita ha scattato alcune riprese ad alta risoluzione di ciò che gli scienziati hanno chiamatoFuochi da campoPiccole esplosioni superficiali sono formalmente chiamate nanoflares.

READ  L'imminente aria artica significa che sarà una settimana fredda in tutta la British Columbia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *