Una sensazione dell’inevitabilità dell’Italia che si qualifica per la Copa America

Matthew Sheehan riporta dal molo di Auckland, dove Luna Rossa Prada Pirelli ha sconfitto per 7-1 gli inglesi e si è aggiudicata il loro posto in Copa America.

Dalle prove del tour della Prada Cup, c’erano tutte le ragioni per aspettarsi che la finale della Prada Cup tra la squadra britannica INEOS e Luna Rosa Prada Pirelli si ritirasse mentre le due squadre gareggiavano per diventare le concorrenti ufficiali della Copa America. .

Ma alla fine, non credo sia ingiusto affermare che alla fine della serie c’era una sensazione di inevitabilità sul risultato. È sempre più facile vedere cosa stava succedendo dopo che il risultato finale è stato consegnato, se non altro questa è la prima volta che usciamo dalla bolla e guardiamo la serie nel suo insieme.

La verità è che Ben Ainsley ei ragazzi hanno fatto due partenze adorabili mentre hanno dimostrato di avere l’intuizione e le capacità per mescolare le cose e lasciarsi alle spalle gli italiani famosi durante la partenza.

Il problema era che in entrambe le gare, il vantaggio iniziale britannico è stato eliminato a malapena a un terzo del percorso nella prima tappa.

Non c’è da stupirsi che Spithill e Bruni fossero così a loro agio nelle interviste post-gara e nelle conferenze stampa: sapevano di avere la velocità per bruciare. Sapevano di avere un’altra marcia nella scatola del cambio dove potevano uscire dai guai, sopravvivere nella sporcizia o premere “finché non fa male e trasforma gli inglesi”.

E, naturalmente, lo sapevi anche tu. (In caso contrario, e desidera 3 minuti per vedere cosa è successo nelle ultime due gare).

READ  Montreller in Italia avverte della terza ondata - video

Ma c’è anche da dire che la prestazione di Luna Rossa è stata impressionante. Mentre gli altri due contendenti erano sulle montagne russe durante il periodo di pre-coppa, si sono seduti nel mezzo, non hanno detto niente, non hanno mostrato nulla e sono stati consegnati sul conto.

Quando hanno superato le semifinali della Prada Cup e hanno mandato American Magic, abbiamo pensato che dovessero parlare in modo imbarazzante per la Coppa. Sicuramente avrebbero preferito avere più tempo nel capannone. Questo si è rivelato sbagliato e scendere dalla pista è stato un buon modo per ottenere la forma fisica della partita e sviluppare le proprie abilità per il prossimo showdown.

L’articolo continua di seguito …


Le squadre ci sono, le barche sono in, e finalmente due mesi dopo l’AC75 di Auckland, per …

Gli AC75, barche dell’America’s Cup, stanno attualmente gareggiando nella Prada Cup che sarà utilizzata il prossimo mese …


Si scopre anche che uno dei loro grandi problemi era la comunicazione tra Bruni e Spithill e il trimmer Breeze monitor / mainboard Pietro Sibello. Non hai bisogno o vuoi stare nel capanno per praticare questo tipo di sviluppo, le ore in acqua sono ciò che conta.

Per quanto riguarda gli inglesi, sospetto che il problema fosse più hardware. La loro prestazione nella finale della Prada Cup ha dimostrato che possedevano le abilità della vela ma non avevano l’attrezzatura per supportarla. E anche se è possibile apportare modifiche e miglioramenti, le modifiche alle frasi sui dispositivi richiedono tempo.

Passiamo alla Coppa America

Da qui gli italiani affronteranno per la seconda volta i neozelandesi come concorrenti della Copa America. Mi ci sono voluti 21 anni per tornare in questo posto [the two teams last raced an America’s Cup match against each other in 2000], Che fornisce una prospettiva per coloro che stanno attualmente completando le loro regole. Quindi, gli italiani possono farlo?

READ  Italia vs Irlanda del Nord: qualificazioni ai Mondiali in diretta streaming, canali TV, come guardare online, notizie, quote, tempo

Anche in questo caso nessuno può immaginare, ma ciò che è interessante pensare è come i neozelandesi si stanno preparando per i prossimi giorni.

Team Emirates Airline New Zealand e Luna Rosa Prada Prada in gara nella Coppa del Mondo USA. Foto: COR 36 / Studio Borlenghi

Forse l’aquila che ti perseguita si è chiesta perché il team Emirates Airline New Zealand sia entrato in pista subito prima e dopo la gara negli ultimi due giorni. Hanno perso l’attenzione dei media? Non la penso così.

Certamente il motivo è raccogliere dati sulla futura concorrenza.

Entrare in pista e andare al diavolo per la fustigazione ti dà un sacco di dati per creare un database in cui confrontare le prestazioni dei concorrenti. Sai cosa puoi fare date le circostanze, ma com’è giusto?

Ottenere i loro dati è facile. Inoltre, a differenza delle gare di allenamento o delle prove, sai che stavano spingendo al massimo da quando era in gioco il loro passaggio nella coppa. I dati sono reali.

Poi, quando gli sfidanti finiscono di battersi a vicenda, ricominciano la pista nelle condizioni in cui sono arrivati ​​e stabiliscono alcuni parametri di riferimento.

Si dice spesso che il problema nell’essere il difensore è che non puoi giocare con l’avversario finché non viene contato e che si è adattato al processo. Non sono sicuro che sia il caso questa volta.

Quindi, dopo tre mesi passati a guardare la 36a Coppa, penso che sia ora di adattare anche il mio approccio.

Guardando i miei appunti e la mia confusione da quando sono arrivato qui a dicembre, ho deciso che la cosa migliore da fare in futuro è annotare i miei sentimenti istintivi e poi scommettere l’esatto contrario … quella era l’imprevedibilità di questo torneo di Coppa America.

READ  Nico Magnion giocherà per l'Italia nelle qualificazioni olimpiche

Abbiamo meno di due settimane in cui potrebbe facilmente cambiare ciò che pensiamo di sapere ora.

Firmerò con un’altra idea.

Foto: COR 36 / Studio Borlenghi

Vincendo la finale della Prada Cup, Luna Rossa e il loro club, il Circolo della Villa Cecilia, sono la seconda squadra / club nella storia della Coppa ad essere un difensore da record a qualificarsi per la stessa coppa in una competizione multiplayer. Evento. L’unica altra occasione è stata il primo record Challenger, il Royal Sydney Yacht Squadron nel 1970 con Gretel II. Hanno battuto il rimanente contendente, il barone Marcel Beach del sindacato francese 4: 0 (altri due si sono ritirati), ma hanno perso contro coraggioso Andiamo alla tazza.

Di conseguenza, alcuni vedono essere un World Records Challenger come una coppa tossica, ma se gli italiani riusciranno a vincere il trofeo questa volta, saranno i primi sfidanti a farlo.

Puoi leggere altri appunti di Matthew da questa Coppa America sul suo account Blog su Planetsail.org E guarda i suoi video, come quello qui sotto, su Il suo canale Youtube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *