Una galassia lontana su cinque rimane nascosta ai nostri telescopi, mimetizzata dalla polvere cosmica

I ricercatori dell’Istituto Niels Bohr dell’Università di Copenaghen hanno scoperto due galassie inedite a 29 miliardi di anni luce dalla Terra. terra.

Le due galassie erano invisibili alla lente ottica del telescopio spaziale Hubble, nascoste dietro uno spesso strato di polvere cosmica che le circondava. Le due galassie invisibili sono apparse improvvisamente grazie al gigante Radiotelescopi ALMA (Atacama Large Millimeter Array) Nel deserto di Atacama in Cile, che può captare le onde radio emesse dalle profondità più fredde e oscure dell’universo.

“Stavamo osservando un campione di galassie molto distanti, di cui sapevamo già l’esistenza dal telescopio spaziale Hubble. Poi abbiamo notato che due di loro avevano un vicino che non ci aspettavamo affatto. Poiché entrambe le galassie vicine sono circondati dalla polvere, parte della loro luce viene bloccata, rendendola invisibile al telescopio Hubble”, Spiega il professore associato Pascal Auch del Cosmic Dawn Center presso l’Istituto Niels Bohr.

La nuova scoperta indica che è molto presto Universo Contiene molte più galassie di quanto ipotizzato in precedenza. Si trova semplicemente dietro la polvere costituita da minuscole particelle di stelle. Tuttavia, ora può essere rilevato grazie al telescopio ALMA altamente sensibile e al metodo utilizzato dai ricercatori.

Le due galassie nascoste finora sono chiamate REBELS-12-2 e REBELS-29-2. La luce delle due galassie invisibili ha viaggiato per circa 13 miliardi di anni per raggiungerci. Ora si trova a 29 miliardi di anni luce di distanza a causa dell’espansione dell’universo. Ricercatori utilizzati Alma Telescopio, che si basa su segnali radio.

ALMA combina la luce di tutte le 66 antenne per creare un’immagine ad alta risoluzione e spettri del cielo.

READ  Lo studio rileva che solo il 2% della Grande Barriera Corallina è sopravvissuto allo sbiancamento dei coralli

Confrontando queste nuove galassie con fonti precedentemente note nell’universo primordiale, circa 13 miliardi di anni fa, i ricercatori stimano che tra il 10 e il 20 percento di queste prime galassie potrebbe ancora essere nascosto dietro cortine di polvere cosmica.

La nostra scoperta mostra che fino a una su cinque delle galassie più antiche potrebbe mancare dalla nostra mappa del cielo. Prima di iniziare a capire quando e come si sono formate le galassie nell’universo, abbiamo bisogno di un calcolo adeguato”, dice Pascal Auch.

NASAe Questo è incredibileL’Agenzia spaziale canadese ha costruito un nuovo super telescopio, il James Webb Space Telescope, che dovrebbe essere lanciato in orbita il 18 dicembre 2021. Questo telescopio aiuterà a trovare galassie.

Con l’aiuto dei giganteschi radiotelescopi ALMA (Atacama Large Millimeter Array) nel deserto di Atacama in Cile, le due galassie invisibili sono apparse improvvisamente. Foto: NASA

Con la sua forza e la tecnologia migliorata, telescopio Scaverà più a fondo nell’universo e contribuirà con nuove conoscenze sulle sue origini.

“Il prossimo passo è identificare le galassie che abbiamo trascurato, perché ce ne sono molte più di quanto pensassimo. È qui che il telescopio James Webb farà un grande passo avanti. Sarà più sensibile del telescopio Hubble e in grado di esaminare le lunghezze d’onda più lunghe, che dovrebbero consentirci di vedere queste galassie facilmente nascoste”, Pascal Auch afferma, aggiungendo:

“Stiamo cercando di mettere insieme il grande mistero della formazione dell’universo e rispondere alla domanda fondamentale: ‘Da dove viene tutto questo?’ “Le galassie invisibili che abbiamo scoperto nell’universo primordiale sono alcuni dei primi elementi costitutivi delle galassie mature che vediamo oggi intorno a noi nell’universo. È qui che si trova tutto. sembrare. “

riferimento alla rivista

  1. Fudamoto, Y., Oesch, PA, Schouws, S. et al. Galassie ordinarie oscurate dalla polvere nell’era della reionizzazione. Natura 597, 489-492 (2021). DOI: 10.1038 / s41586-021-03846-z
READ  Edmonton Oilers a Calgary Flames (19/02/2021)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.