Un sopravvissuto allo spirito del ciclismo ricorda le gare acquistate e vendute – VeloNews.com

“],” Filtro “: {” nextExceptions “:” img, blockquote, div “,” nextContainsExceptions “:” img, blockquote “}}”>

“Non portare il tuo cuore sulla manica, amico!” Il leggendario Miles Davis era solito parlare ai suoi musicisti con una voce forte e ruvida. Anche se non è certo se la leggenda del ciclismo belga Freddy Mertens sia considerato uno dei personaggi migliori GazeboNon importa davvero. Non avrebbe comunque ascoltato Miles, perché, beh, Maertens non è mai stato uno che nascondeva i suoi sentimenti.

Maertens, che ha vinto 176 gare nella sua carriera, è uno dei concorrenti più sexy di questo sport e uno dei suoi più grandi campioni. E non solo ha vinto, ma ha preso il controllo. Il fatto che fosse più bello che stupendo – che fosse il classico set di Flandria che ha indossato per la maggior parte della sua carriera, o la splendida Colnago su cui ha guidato più tardi nella sua carriera – non ha fatto molto male neanche.

Tuttavia, nonostante il suo innegabile successo – è uno dei dieci migliori ciclisti nella storia di questo sport – Mertens ha anche subito un’umiliante sconfitta dentro e fuori dalla bici. C’era la World Series del 1973, dove l’italiano Felice Jimondi lo ha portato agli ostacoli mentre i due si avvicinavano alla serie di vittorie. Ci fu un incidente a chilometro chiuso per la Parigi Roubaix nel 1976. E, naturalmente, ci fu il famigerato Tour del 1977 nelle Fiandre in cui i Maerten furono apparentemente squalificati nel mezzo della gara, ma gli fu permesso di continuare a guidare per la seconda volta.

E poi ci fu una lunga serie di guai finanziari, spesso citati dalla stampa belga, che persistevano a lungo dopo la sua carriera.

Maertens è stato forse il più grande concorrente classico di sempre a vincere una delle cinque pietre miliari di questo sport. Foto: James Start

Tuttavia, nonostante tutto, la risata sociale di Maertens e il suo sorriso disinvolto sono rimasti sostanzialmente gli stessi. Oggi, il 69enne Maertens vive modestamente con la moglie Karen in una minuscola casa ai margini della sua città natale, Roeselare, dove non potrebbe essere più felice. La sua risata insaziabile non era lontana, e parla facilmente della sua lunga carriera, di vittorie incredibili e di sconfitte folli. “L’unica cosa che posso dire è che ho fatto del mio meglio”, ha detto. VeloNews Durante una tranquilla visita pomeridiana lo scorso inverno. “Ne sono orgoglioso.”

Freddy Martins considera molte cose, ma è sicuramente il più grande concorrente classico che non ha mai vinto uno dei cinque traguardi di questo sport. Un corridore veloce, che aveva anche paura di provare il tempo, Maertens non era diverso da Wout Van Aert di oggi. La sua versatilità gli è valsa due volte una maglia arcobaleno per il campione del mondo, per non parlare della maglia verde al Tour de France e una vittoria alla Vuelta a España. Ma per il ciclista che indubbiamente possedeva tutti gli ingredienti per vincere uno dei cinque monumenti del ciclismo, vincere a Ghent-Wevelgem è stata la partita più vicina.

READ  Lega delle Nazioni, sesto turno

La Ghent-Wevelgem è stata promossa vicino al monumento, ma il giorno di Maertens è stata una modesta gara infrasettimanale, una sorta di preparazione per la Parigi-Roubaix. Tuttavia, le reali implicazioni rimasero sfuggenti per Mertens.

A volte la vittoria sembrava effettivamente garantita, solo per essere spazzata via. C’è stato uno strano incidente con la finale dello Speedway televisivo del 1976 alla Parigi-Roubaix, che è stato magistralmente documentato nel leggendario documentario di Jorgen Leth, In una domenica all’inferno. “Stavo per lasciare il mio compagno di squadra Mark Demier. Stava per portarmi fuori. Ma poi all’improvviso questa motocicletta televisiva è spuntata dal nulla e mi ha portato. Mark è andato a vincere, ma le mie possibilità sono state perse. era proprio come è successo con Julian Alavelippi durante il tour delle Fiandre. [in 2020]. “

L’italiano Francesco Moser, che è arrivato secondo quell’anno e ha vinto la Roubaix in tre occasioni, ricorda: “Eravamo tutti in prima fila quando è caduto”, ha detto Moser. VeloNews. “In realtà non ho visto l’incidente. Tutto quello che so è che se Freddy fosse venuto in pista con noi, Freddy avrebbe vinto. Non c’erano dubbi. Era il più veloce”.

Alla fine, naturalmente, ci fu il Flanders Mystery Tour nel 1977.

La bici Maertens, con il suo kit Shimano, sembra pronta per gareggiare decenni dopo. Foto: James Start

Quel giorno, secondo quanto riferito, un ufficiale di gara a metà gara gli sarebbe stato detto che sarebbe stato squalificato a causa di un cambio bici illegale a Cobbenberg. Perplesso, ha seguito gli ordini del suo team manager Guillaume Dreissens, noto per il suo approccio mercenario allo sport, e ha stretto un accordo con il rivale Roger de Vlaymenck. L’accordo, rapidamente concordato lungo la strada, prevedeva che Maertens continuasse a ritirarsi per assicurarsi la vittoria di De Vlaeminck. Secondo Myrtens, è stato concluso un accordo finanziario del valore di 300.000 franchi belgi. Ma non è stato onorato da De Vlaeminck. “Mi deve ancora 150.000 BF!” Dice Maertens sfacciatamente.

Maertens ricorda quella strana giornata: “Ai piedi di Koppenberg ho cambiato moto, come tanti piloti, ma a quanto pare ho fatto 20 metri prima che fosse consentito”. Almeno questo è quello che ha detto il funzionario. Ma dopo solo 35-40 chilometri dall’inizio della gara, l’ufficiale è arrivato e ha detto che ero squalificato. Di solito se sei escluso vieni subito licenziato. A quel punto avevo già avuto un impatto sulla gara. A quel punto ero già in testa con de Vlaeminyck. Sono tornato dal mio team manager e gli ho chiesto cosa avrei dovuto fare. Mi ha detto di fare un patto con de Vlaimenck, così l’ho fatto “.

READ  Sexton inizia mentre l'Irlanda apporta sette modifiche all'Italia

Rivedendo i filmati di questa gara epica, non ci sono annunci in TV di squalifica, ma Maertens chiaramente non è in corsa per la vittoria. Stava guidando il ritmo senza sosta, diminuendo Eddie Merckx De Vlaimenck ha dato una piccola possibilità persino di ritirarsi.

“Ho percorso quasi 80 chilometri, sapendo di non poter vincere. Ad un certo punto, ho pensato di attaccare Roger sul Muur van Geerardsbergen, ma ho concluso l’affare. Alla fine, Roger è andato verso la vittoria. La cosa peggiore è stata che è stato così. era prima del chilometro. “All’ultimo della gara, lo stesso funzionario è venuto da me e mi ha detto:” Freddy, visto che hai guidato bene oggi, puoi correre per la vittoria “. Ho detto,” Cosa? sei pazzo? Hai appena percorso 80 chilometri! “

Alla fine, De Vlaeminck esulta sulla linea di porta. A sua volta, Maertens, scendendo, continua a cavalcare. Nessun segno di protesta, nessun segno di sconfitta, solo rassegnazione.

Ma mentre Martens ammette di essere rimasto deluso per non aver mai vinto un memoriale, altre vittorie hanno compensato il vuoto, in particolare due titoli mondiali. È veloce a qualificarsi, “Sicuramente non cambierò uno dei miei titoli mondiali per un memoriale!”

Semmai, Maertens è altrettanto frustrato perché è riuscito a vincere i mondiali già nel 1973, una sconfitta che sostiene sia stata il risultato di una rivalità emergente tra i produttori di componenti Shimano e Campagnolo. “Quello è stato il primo anno in cui Flandria ha guidato Shimano, e prima dell’inizio della gara, Campagnolo ha chiarito che non volevano che il pilota Shimano vincesse. Non lo dimenticherò mai. Eravamo tutti in allenamento giovedì e il boss Campagnolo è venuto da noi e ci ha spiegato: “Shimano potrebbe non vincere!” “

Secondo Martens, durante la gara si sono verificati una serie di eventi che hanno solo cementato uno scenario del genere. “Ho attaccato la prima Merckx presto, forse a 80 chilometri dalla fine, ed ero l’unico fantino ad arrivarci. Ma appena mi ha visto lì, ha smesso di guidare. Non ho capito perché prima della gara ce l’ho fatta. chiaro che sarei cavalcato tra le mie mani. Gli ho detto. Sarei felice quando lei vincerà e io finirò secondo “.

Le complicazioni sono continuate in finale quando Martens si è ritrovato con l’italiano Felice Jimondi, lo spagnolo Luis Ocania e Merx, che correvano tutti su bici equipaggiate con Campagnolo. “Merckx prima mi ha chiesto di guidare lo sprint, ma Eddie non poteva girare con me. Poi Gimondi mi ha guidato fino alle barricate. Ovviamente mi ha interrotto. Ma quando sono andato dalla mia squadra a lamentarmi e chiedere loro di protestare, semplicemente ha detto “No, non possiamo farlo ai nostri amici. Gli italiani”. Non è una risposta! Ed è stato molto frustrante in quel momento. Ma hey, dopo ho vinto due volte! “

READ  Sorpresa! La stampa italiana ha scoperto chi è, infatti, il tecnico che sta negoziando il nuovo contratto di Radu Dragusin con la Juventus. "Lo aiuta da quando è arrivato!"

In effetti, era la sua seconda vittoria nel 1981 che Mertens insisteva fosse la più soddisfacente della sua carriera. Quell’anno a Praga, molti consideravano Maertens in declino. E pochi lo considerano un vero favorito. Ma ha corso nella corsa della sua vita per ribaltare la situazione su una grande squadra italiana, per non parlare della sua squadra belga.

Freddy Martens ha battuto Giuseppe Saroni e Francesco Moser nei Campionati del Mondo 1981. Foto: James Start

“Nessuno pensava che avrei potuto vincere”, ricorda Maertens. “Non dimenticherò mai la squadra che si è riunita la sera prima che mi chiedessero quali piloti pensassero di poter vincere e io ho alzato la mano. Ma quando hanno chiesto chi corre per me, non c’era nessuno. Ma cosa posso dire? I belgi sono sempre stati contro di me. “.

Tuttavia, Maertens ha rivolto la sua attenzione alla squadra italiana e li ha manipolati. “Avevo nove italiani al mio fianco”, dice ridendo. “Eravamo un gruppo di 21 passeggeri davanti, con tutti gli italiani. Ho chiesto a uno di loro quale fosse il loro piano e lui ha detto che la squadra stava guidando Giuseppe Saroni e Francesco Moser. Difenderanno le possibilità di Moser se riuscirà a scappare, ma negli ultimi tre giri tutto è andato a favore di Saroni: “Quindi mi sono seduto al volante di Saroni per gli ultimi tre giri. Ad un certo punto c’erano cinque italiani che lo hanno eliminato. Ero subito dietro di lui”.

Mentre i Campionati del mondo del 1981 sarebbero stati la sua vittoria più soddisfacente, sarebbe stata anche la sua ultima vittoria significativa, e mentre ha continuato a correre fino al 1987, era solo l’ombra di se stesso.

La sua carriera è da tempo alle spalle, continua a dedicarsi allo sport. “Guardo tutte le gare”, dice. “Amo Van Aert, van der Poel e anche Pogačar. E amo Peter Sagan. Corrono tutti con quell’abilità, piuttosto difficile. Ma a volte non sono un grande fan di Remco Evenepoel. Penso che sia diventato molto presuntuoso, dicendo dove e quando vincerà. “Ha anche detto alla stampa belga quest’inverno che ci sarebbe sempre stato un posto nella sua squadra per Wout van Aert, sostenendolo. Questo è davvero molto. Ha detto che lo scorso inverno sulla stampa belga era davvero sopravvalutato. ” Poi ha aggiunto con un momento di riflessione. “Non puoi essere troppo fiducioso in questo sport.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *