Un boicottaggio olimpico canadese dei Giochi di Pechino appare improbabile nonostante le tensioni con la Cina

È improbabile che il recente appello del Canada a considerare un boicottaggio delle Olimpiadi di Pechino 2022 possa motivare Ottawa ad affrontare le tensioni con la Cina nell’arena olimpica, a causa dell’apparente mancanza di sostegno a tale approccio tra la maggior parte dei partiti politici.

dopo la vigilia Un’attesa convocazione per le elezioni federaliI principali partiti politici canadesi esprimono persistenti preoccupazioni sui diritti umani in Cina, compresa la loro gestione. La minoranza musulmana degli uiguri – anche La situazione dei canadesi Entrarono in conflitto deteriorando le relazioni tra i due paesi.

Mancano meno di sei mesi ai Giochi invernali di Pechino e ho dovuto affrontare ripetute chiamate al boicottaggio Sulle questioni dei diritti umani, anche dal leader del Partito conservatore federale Erin O’Toole all’inizio di questa settimana.

O’Toole ha rinnovato l’invito di Ottawa a Pensa al boicottaggio Winter Games, citando preoccupazioni per la sicurezza dei canadesi in Cina in mezzo a una manciata di arresti di alto profilo Includere i cittadini canadesi – si incontra a condanna a morte.

“So quanto sia difficile allenare i nostri atleti a Pechino”, ha detto O’Toole ai giornalisti martedì. “Ma ci stiamo avvicinando a un punto in cui non sarà più sicuro per i canadesi, compresi gli atleti olimpici, viaggiare in Cina”.

Guarda | Il leader del Partito Conservatore afferma che il Canada dovrebbe prendere in considerazione un boicottaggio olimpico:

Il leader conservatore afferma che il Canada dovrebbe prendere in considerazione il boicottaggio delle Olimpiadi di Pechino 2022

Il leader del partito conservatore Erin O’Toole ha affermato che il Canada dovrebbe prendere in considerazione un boicottaggio delle Olimpiadi di Pechino del 2022 dopo che i tribunali cinesi hanno confermato la condanna a morte di Robert Schellenberg per traffico di droga. 1:31

READ  I tedeschi stanno lanciando un "mega progetto". I centri vaccinali apriranno a metà dicembre, ma manca il vaccino Covid Aeroslas

CBC News ha chiesto al Comitato Olimpico Internazionale (CIO) di rispondere ai commenti di O’Toole. Sabato, il team addetto alle relazioni con i media ha dichiarato via e-mail che “la sicurezza di tutti i partecipanti ai Giochi è una priorità assoluta… e abbiamo tutte le garanzie richieste dai nostri ospiti cinesi che la Carta olimpica e il contratto della città ospitante saranno rispettati. .”

Il Cio ha anche affermato che “riconosce e sostiene i diritti umani” nella sua Carta olimpica e sta lavorando per garantire che “tutte le parti interessate” rispettino la Carta “nel contesto dei Giochi, e gli organizzatori cinesi lo hanno fatto”.

Non c’è bisogno di boicottare i liberali, il Partito Nazionale

Nonostante i commenti di O’Toole, né gli sforzi di boicottaggio canadese sembrano avere slancio politico, né i liberali né i neodemocratici chiedono tale azione.

L’ufficio del ministro del patrimonio Stephen Gelbolt ha dichiarato a CBC News in una e-mail che il governo federale è “profondamente preoccupato per le spaventose segnalazioni di violazioni dei diritti umani contro gli uiguri e altre minoranze etniche nella regione autonoma dello Xinjiang” e ha notato sanzioni contro “quelli coinvolti nella repressione.”

Un dipendente passa davanti alle macchine per il ghiaccio per le Olimpiadi invernali di Pechino 2022 a Zhangjiakou, in Cina, il mese scorso. Pechino ha anche affrontato richieste di boicottaggio prima dei Giochi estivi del 2008. (Noel Seles/AFP/Getty Images)

L’ufficio ha affermato di riconoscere l’indipendenza dei comitati olimpici e paralimpici canadesi ed è fiducioso che “continueranno a considerare la durata della vita degli atleti di allenamento e dedizione alla preparazione per i Giochi e l’impegno del Canada per i diritti fondamentali di tutti i popoli in qualsiasi futuro decisione che porta ai Giochi”.

Jack Harris, critico per gli affari esteri dell’NDP, ha affermato che un boicottaggio sarebbe “devastante” per gli atleti.

“Come abbiamo visto a Tokyo quest’estate, le Olimpiadi danno al mondo l’opportunità di riunirsi su qualcosa di positivo, che è davvero importante”, ha detto Harris in una dichiarazione via e-mail.

Ha detto che il Canada dovrebbe lavorare con altri paesi per convincere la Cina che il suo attuale approccio alle relazioni estere non funziona.

“Detenere arbitrariamente le persone è un approccio sbagliato e non si fermerà mai a meno che il mondo non si unisca per mostrare alla Cina che ci sono modi migliori per difendere i loro interessi”.

Inviti a spostare i Giochi di Pechino 2022

Alexis Brunel Ducep, membro del parlamento per il blocco del Quebec e portavoce del partito sulle questioni dei diritti umani, ha affermato di sperare ancora di spostare i Giochi invernali, cosa che lui e dozzine di altri membri del parlamento avevano. Il Comitato Olimpico Internazionale ha esortato a fare.

A febbraio, il leader del Partito dei Verdi Annamy Paul e diversi parlamentari del Partito dei Verdi hanno invitato il Canada a sostenere lo spostamento dei Giochi di Pechino 2022 e hanno persino suggerito Il Canada può ospitare.

Gli attivisti di Dharamsala, in India, indossano le maschere del presidente del Comitato olimpico internazionale Thomas Bach e del presidente cinese Xi Jinping durante una protesta di strada a febbraio contro le Olimpiadi invernali che si terranno a Pechino il prossimo anno. (Ashwini Bhatia/The Associated Press)

La prospettiva del porting dei giochi sembra lontana. I funzionari olimpici veterani del Canada hanno detto mesi fa che lo era Troppo tardi per considerare uno scenario del genere.

Gli appelli al boicottaggio delle Olimpiadi non sono nuovi, anche a Pechino, che ha anche affrontato richieste di boicottaggio prima dei Giochi estivi 2008.

Oltre alla mancanza di volontà politica, ci sono più livelli di organizzatori olimpici che vogliono andare avanti con questi giochi, ha affermato Russell Field, professore associato presso la School of Kinesiology and Recreation Management presso l’Università del Manitoba.

“Non credo che il CIO permetterà che ciò accada, non credo che gli organizzatori olimpici di Pechino lo permetteranno e non credo che il Comitato olimpico canadese permetterà che ciò accada”, ha detto Field a CBC News.

Ha sottolineato che c’è una lunga storia dei Giochi Olimpici e degli sport amatoriali Stanno cercando di isolarsi dalla politica Le tensioni diplomatiche del Canada con la Cina, ha affermato, “sono esattamente il tipo di politica da cui il CIO vuole rompere”.

Il team di relazioni con i media del Cio ha affermato che l’organizzazione “deve rimanere imparziale su tutte le questioni politiche globali” a causa della sua “diversa partecipazione ai Giochi olimpici”.

boicotta la “politica simbolica”

Lynette Ong, professore associato di scienze politiche all’Università di Toronto, ha affermato che l’uso di un boicottaggio porterebbe, in teoria, il confronto con la Cina a un altro livello.

“Il boicottaggio è una politica simbolica, che indica critiche internazionali contro il paese ospitante”, ha detto Ong in una e-mail, riferendosi ai riflettori che punta su un problema, con l’intento di diffamare e incolpare il suo obiettivo.

Resta da chiedersi se porterà a un comportamento desiderabile o a un contraccolpo.

I visitatori sono visti vicino a una statua di pattinaggio artistico alla fine del mese scorso fuori dalla sede del Comitato Organizzatore dei Giochi Olimpici di Pechino 2022. (Tingshu Wang/Reuters)

Tuttavia, il semplice fatto che una tale proposta sia stata avanzata da O’Toole non attirerebbe necessariamente una reazione da parte del governo cinese.

La Cina prende queste cose nel contesto e comprende che i politici canadesi subiscono pressioni da parte degli elettori su varie questioni, ha affermato Guan Wang, professore associato di scienze politiche alla McGill University.

Ma ha detto che la questione del boicottaggio potrebbe essere sollevata da entrambi i lati delle relazioni bilaterali.

“Potrebbe essere un chip che entrambe le parti usano per fare le loro affermazioni”, ha detto Wang, concordando sul fatto che un boicottaggio di questi giochi sembrava altamente improbabile.

L’ex olimpionico dice che gli atleti devono scegliere

Funzionari olimpici canadesi Argomento che interrompe “non funziona” Tende a punire gli atleti piuttosto che il bersaglio designato.

Angela Schneider, direttrice dell’International Center for Olympic Studies presso la Western University e medaglia d’argento nel canottaggio alle Olimpiadi estive del 1984, concorda sul fatto che i boicottaggi olimpici di solito non sono efficaci.

Il Canada è stato tra più di 60 paesi che hanno partecipato a un boicottaggio guidato dagli Stati Uniti dei Giochi estivi del 1980 a Mosca. Quanto sopra mostra la fiamma olimpica nel suo calderone allo stadio Luzhniki durante le gare di atletica di quei Giochi. (Sergey Kevrin/Reuters)

“Penso che la storia dei boicottaggi dimostri che sono davvero inutili”, ha detto, citando l’esempio del boicottaggio guidato dagli Stati Uniti dei Giochi di Mosca del 1980 in segno di protesta contro l’invasione dell’Afghanistan da parte dell’Unione Sovietica.

Canada e dozzine di altri paesi Partecipa in quella provinciaMa le forze sovietiche non finirono per lasciare l’Afghanistan Fino al 1989.

Anche il team di relazioni con i media del CIO ha fatto riferimento al boicottaggio stesso Contro-boicottaggio post-1984.

“Questi due boicottaggi sportivi hanno distrutto i sogni e le carriere di migliaia di atleti provenienti da tutto il mondo e hanno privato questi atleti dei loro diritti, ma non hanno raggiunto nessuno degli obiettivi politici previsti dai governi”, ha affermato il team di relazioni con i media del CIO.

Schneider ha affermato che la maggior parte degli atleti ottiene “un calcio nel barattolo” e crede che gli atleti, non i politici, dovrebbero prendere la decisione se partecipare a un boicottaggio.

“Se è una scelta morale, allora le persone dovrebbero essere libere di scegliere”.

È facile invitare gli atleti a partecipare al boicottaggio, ha affermato Schneider, ma è difficile creare una politica per guidare il cambiamento in Cina.

“Non usarli come pedine.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *