Un adolescente italiano protesta quotidianamente davanti alla scuola per chiederne la riapertura

Una donna italiana di 12 anni cammina ogni giorno davanti alla sua scuola a Torino (Piemonte, nord-ovest) per chiederne la riapertura, secondo Agence France-Presse.

Dal 6 novembre, quando il governo ha designato il Piemonte “zona rossa”, Anita Iacovili, accompagnata dalla madre, ha camminato ogni giorno davanti alla Scuola Italo Calvino, chiamata in onore dello scrittore italiano, per prendere lezioni a distanza, collocate su una sedia e un banco che hanno portato con sé.

Per diversi giorni, Anita si è unita alla sua compagna di classe Lisa e a diversi studenti di un college vicino per difendere pacificamente l’accesso all’istruzione.

Ogni mattina Anita arriva con una sedia rosa e il suo tavolino pieghevole e si siede davanti alla scuola, accanto a un cartello che spiega la sua lotta: “Frequenta! La scuola in classe è un nostro diritto. Priorità scolastica!”

GT

Il ministro dell’Istruzione, Lucia Azulina, l’ha chiamata per assicurarle che le scuole apriranno presto.

“Mi ha chiamato e si è congratulato con me perché amava la mia lotta e mi ha detto che avrebbe fatto tutto quanto in suo potere per riaprire le scuole il prima possibile”, ha detto Anita all’AFP.

“Quando hanno annunciato che le scuole sarebbero state chiuse, ho pensato che non avrei potuto sopportare un altro anno di apprendimento a distanza. È difficile concentrarsi davanti a un computer e non puoi prendere lezioni come fai tu”, ha spiegato Anita.

L’Italia, il primo Paese europeo colpito dall’epidemia, ha segnalato più di 45.000 morti in più di 1,2 milioni di casi di COVID-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.