Tutto quello che c’e da sapere su Bastoni, il ‘nuovo Chiellini’ del Liverpool

Forse non ne hai sentito parlare, ma il Liverpool ha sofferto un po ‘per la crisi degli infortuni in questa stagione, soprattutto al centro della difesa.

Jürgen Klopp ha dovuto utilizzare 18 diverse combinazioni al centro della sua difesa, con Joe Gomez, Virgil van Dyck e Fabinho che hanno trascorso lunghi periodi.

Ciò ha portato artisti del calibro di Nat Phillips e Reese Williams a entrare nella prima squadra delle riserve mentre Ben Davis e Ozan Kabak sono stati reclutati a gennaio.

Entrambi i giocatori saranno probabilmente solo un punto di sosta per i Reds, tuttavia, data la loro scadenza per l’arrivo, ed è probabile che un difensore rispettato sarà sul loro radar in estate.

Il nome più recente da menzionare è Alessandro Bastoni dell’Inter – ecco tutto quello che c’è da sapere su di lui.

La storia così lontana

Il padre di Baston, Nicola, ha giocato un calciatore professionista e ha trascorso gran parte della sua carriera con la Cremonese (attualmente in Serie B).

Tuttavia, Alessandro ha trascorso 10 anni avanzando nell’Atalanta, ma è stato rapito dall’Inter nel 2019 dopo aver fatto solo nove partite con la prima squadra.

Nelle due stagioni trascorse con la squadra di Antonio Conte, ha partecipato a 64 partite, incluse tutte le partite di Serie A tranne tre in questa stagione, con l’obiettivo dell’Inter di conquistare il titolo di campionato italiano per la prima volta in più di un decennio.

L’anno scorso ha visto la squadra italiana di Roberto Mancini prendere d’assalto per la prima volta, avendo giocato in tre partite, e cercheranno di assicurarsi un posto nelle prossime qualificazioni alla Coppa del Mondo con l’avvicinarsi del Campionato Europeo.

READ  Solskjaer: La Coppa dei Campioni sarà una ricompensa per la difficile stagione

Mentre il Liverpool lo segue da mesi, secondo quanto riportato dalla Gazzetta Dello Sport, deve affrontare anche la dura concorrenza del Barcellona e dei campioni d’Europa del Bayern Monaco.

LEGGI: ​​Ad Alessandro Bastoni bastava un tocco per mettere CR7 nella tasca posteriore dei pantaloni

Stile di gioco

Da difensore mancino, Bastoni ha iniziato la sua carriera come terzino sinistro, ma è stato posizionato come difensore centrale che gioca la palla nelle ultime stagioni.

Conte lo ha coinvolto al centro delle tre difese di San Siro, aiutando l’Inter a pulire i 10 gol in Serie A finora in questa stagione. È giusto dire che il difensore prospera sotto il meticoloso famoso allenatore italiano.

Recentemente ha guidato Cristiano Ronaldo in un confronto con la Juventus e ha assistito Niccolò Barrilla con un eccellente passaggio dalla lunga distanza – quindi sarà interessante vedere come se la caverà nella squadra di Klopp con una ricchezza di attaccanti caldi.

In piedi a 6 piedi 2, è solo 3 metri più corto di Virgil van Dyck, e li sosterrà per formare una coppia incredibilmente maestosa se dovessero legarsi.

Cosa è stato detto

Roberto Mancini: “È giovanissimo, può migliorare molto e diventare il nuovo Bonucci o Chiellini, un grande difensore. Ci sono tanti bravi giocatori, bisogna farli giocare”.

Gian Piero Gasperini: “Ha un grande potenziale. L’hai fatto giocare a 17 anni, ma a vent’anni è un’altra cosa. A 22 o 23 anni la situazione potrebbe cambiare di nuovo. Una volta che appare un poche volte tutti gli volano sopra, soprattutto l’Inter, che è stata la prima a venire dopo il giocatore “.

James Horncastle (L’atleta): “Date le aspettative che derivano dal giocare per un contendente al titolo nelle fasi più impegnative, con un allenatore che tende ad andare con l’esperienza a meno che il talento emergente non sia davvero eccezionale – Paul Pogba, ad esempio – Bastoni merita un grande merito per essersi affermato al Inter La sua volontà di risalire e rompere le linee sia con un carico che con un passaggio deriva, in parte, dal suo passato di terzino “.

cosa ha detto

Sulla sua educazione: “Facevo tutti i giorni un viaggio di 260 chilometri andata e ritorno da Casalmagore a Bergamo, in macchina con mio padre, per andare agli allenamenti e alle partite delle giovanili dell’Atalanta. Questi rituali sono iniziati quando avevo sette anni, e se sono arrivato in Serie A, questo è grazie al sostegno della mia famiglia e ai sacrifici che mio padre ha fatto per aiutarmi a realizzare questo sogno. Non è stato facile neanche per me: ho lasciato la scuola presto, ho mangiato un panino nel macchina e poi non sono tornato a casa fino alle 20:00. “

READ  Grace Staberg ha vinto un bronzo verticale alla Coppa del Mondo di sci alpinismo italiano

Su Conte: “Tutti hanno elogiato Conte e io ho ricevuto solo conferme di quanto sia grande. Per quanto mi riguarda Conte è Messi per gli allenatori. È incredibile, ha idee calcistiche eccezionali e vuole sempre attaccare. L’allenamento. Il programma è davvero duro, ma Gian Piero Gasperini era così quando ho giocato. Per l’Atalanta “.


Altro da Planet Football

Classifica di tutti i 26 giocatori che hanno giocato per Milan e Inter dal 1995

Ricorda i quattro giorni di Andrea Dossena come campione del Liverpool

Puoi nominare il capocannoniere di ogni stagione in Serie A dal 1990?

Confronto della spesa netta totale del Manchester City e del Liverpool negli ultimi 10 anni

Storie di Planet Soccer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *