Trudeau si reca in Islanda per incontrare i leader nordici prima della NATO, tra l’incertezza artica – Canada News

Trudeau si reca in Islanda per incontrare i leader nordici prima della NATO, tra l’incertezza artica – Canada News

Il primo ministro Justin Trudeau è in viaggio per incontrare i leader nordici in vista di un prossimo vertice della NATO e dell’incertezza che incombe sul futuro dell’Artico.

Trudeau si recherà in Islanda, che ospiterà i leader di Danimarca, Svezia, Finlandia e Norvegia, nei prossimi due giorni per un incontro annuale dei primi ministri nordici.

Alla conferenza partecipano anche leader della Groenlandia, delle Isole Faroe e delle Isole Aland.

Il governo islandese afferma che “la resilienza della comunità” sarà discussa durante l’incontro, che si sta svolgendo su un gruppo di isole noto come Vestmannayjar e coincide con il 50° anniversario di un’eruzione vulcanica.

Trudeau apparirà come ospite e il suo ufficio afferma che è un’opportunità per promuovere interessi condivisi con i paesi nordici, che vanno dalla protezione ambientale e lo sviluppo di energia pulita per affrontare le sfide della sicurezza.

I colloqui avvengono poco più di due settimane prima che i leader si rechino in Lituania per incontrare gli alleati della NATO e discutere dell’invasione russa dell’Ucraina, iniziata nel febbraio 2022.

I leader mondiali hanno anche assistito al conflitto interno in Russia questo fine settimana, dopo che il comandante mercenario Yevgeny Prigozhin ha guidato le forze del suo gruppo Wagner in una rivolta armata mentre chiedeva il rovesciamento del ministro della Difesa del paese.

La mossa sembrava destinata a minacciare la decennale presa sul potere del presidente Vladimir Putin, ma le tensioni si sono allentate rapidamente sabato dopo che il Cremlino ha annunciato un accordo che ha fermato la marcia di Prigozhin verso la capitale, Mosca. L’accordo vedrebbe il trasferimento della protezione una tantum di Putin in Bielorussia ed eviterebbe il processo per il suo ruolo nell’insurrezione di breve durata, mentre le truppe del gruppo Wagner sarebbero tornate in Ucraina, dove avevano combattuto a fianco dei soldati dell’esercito russo.

READ  Aggiornamento: la guida è ancora rischiosa

Il Canada seguirà da vicino la situazione, ha detto Trudeau sabato, e i ministri degli Esteri del G7 hanno tenuto una chiamata per discutere la situazione prima di annunciare l’accordo.

“C’è una collaborazione in corso tra questi paesi”, ha detto Roland Paris, ex consigliere senior di Trudeau e direttore della Graduate School of Public and International Affairs presso l’Università di Ottawa, dell’incontro dei leader in Islanda. “L’Artico sta diventando una parte strategicamente più importante del mondo con lo scioglimento dei ghiacci.

“Ciascuno di questi paesi del nord ha un chiaro interesse a garantire la sicurezza e la sovranità dei propri territori”.

I paesi nordici, inclusi Canada e Stati Uniti, hanno smesso di collaborare con la Russia attraverso il Consiglio artico dopo la sua invasione dell’Ucraina.

Parigi ha affermato che ciò mette in dubbio la forma di cooperazione nella regione.

La questione rimane “fragile”, ha affermato Mathieu Landriault, direttore dell’Osservatorio per la politica e la sicurezza dell’Artico, aggiungendo che senza la cooperazione con la Russia – che ha un’enorme costa artica – il consiglio non dispone di dati su come il cambiamento climatico influenzerà gran parte del Paese. Regione.

Landriault ha suggerito che l’invasione russa dell’Ucraina abbia spinto il Canada a “rivalutare” la sua posizione nell’Artico.

Parigi ha aggiunto che la NATO sta prestando crescente attenzione alla regione artica alla luce dell’aggressione sia della Russia che della Cina.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha avvertito di tali minacce durante una visita a una base militare nel nord dell’Alberta la scorsa estate, osservando che la Cina si è dichiarata un paese “vicino all’Artico” e che il cambiamento climatico sta aprendo la porta per l’accesso alla regione.

READ  La regina partecipa a un raro doppio battesimo reale a Windsor

Trudeau, che ha accompagnato Stoltenberg in quella visita, ha pubblicizzato piani per spendere miliardi per rafforzare l’esercito canadese, incluso l’aggiornamento del vecchio sistema NORAD canadese-statunitense di monitoraggio dello spazio artico.

Paris ha detto che si aspetta che Trudeau attiri l’attenzione su quegli stessi impegni durante la sua visita in Islanda.

“La realtà è che siamo molto indietro rispetto a dove dobbiamo essere per proteggere l’Artico in un mondo in cui ci sarà sempre più spazio per la competizione geopolitica”.

Islanda, Finlandia, Svezia, Danimarca e Norvegia hanno espresso sostegno all’Ucraina da quando la Russia ha lanciato il suo attacco.

Appartengono tutti alla NATO, tranne la Svezia, che sta cercando di aderire. Il Canada è stato il primo paese a ratificare la sua domanda. Ha inoltre sostenuto l’adesione della Finlandia, che è stata ufficialmente riconosciuta ad aprile.

Landreault ha affermato che l’incontro in Islanda è stata un’opportunità per il Canada ei paesi nordici di mostrare il loro sostegno all’adesione della Svezia alla NATO, che la Turchia e l’Ungheria non hanno accettato.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha parlato con i leader nordici a maggio e Trudeau ha fatto una visita a sorpresa a Kiev all’inizio di questo mese.

Oltre a un interesse condiviso per la sicurezza, il governo canadese ha anche interessi commerciali con i cinque paesi nordici, con scambi bilaterali per un totale di quasi 13 miliardi di dollari l’anno scorso.

Il Canada ospita anche il maggior numero di immigrati e discendenti islandesi al di fuori di questo paese.

I due paesi si considerano affini e condividono interessi su una serie di questioni, tra cui lo sviluppo della tecnologia di cattura e stoccaggio del carbonio e la protezione degli oceani.

READ  L'Iran avverte che gli Stati Uniti dovranno affrontare "problemi" con i piani della task force sul Mar Rosso Notizie Houthi

La visita di Trudeau segue quella del presidente islandese Guðni Th. La recente visita di Johansson in Canada, dove la coppia ha discusso dell’espansione della cooperazione nei settori dell’energia verde, della tecnologia oceanica e dell’acquacoltura.

Quel viaggio, la visita del governatore generale Marie Simon in Finlandia all’inizio di quest’anno e l’accordo del 2022 tra Canada e Danimarca per risolvere la disputa sul confine sull’isola di Hans, ha affermato Landriault, erano tutti segnali che il Canada stava cercando di rafforzare la sua attenzione diplomatica sui paesi nordici .

“È probabile che aumenti”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *