Sulle operazioni di trasferimento indagano le forze dell’ordine di Roma, Lazio e Salernitana

Sulle operazioni di trasferimento indagano le forze dell’ordine di Roma, Lazio e Salernitana

La polizia ha effettuato perquisizioni negli uffici dei club di Serie A Roma, Lazio e Salernitana mercoledì nell’ambito di un’indagine sui loro passati rapporti di trasferimento, secondo quanto riportato dai media italiani.

L’inchiesta sul caso Roma riguarda le cessioni avvenute tra il 2017-2019 e il 2021, mentre le perquisizioni effettuate in Lazio e Salernitana riguardano gli affari avvenuti tra questi due club tra il 2017 e il 2021 quando erano entrambi di proprietà della Lazio titolare Claudio Lotti.

L’imprenditore Lotito è stato costretto a cedere la Salernitana ai fiduciari nel giugno 2021 in seguito alla promozione dalla Serie B poiché le regole della federazione italiana gli impedivano di possedere due club nella stessa divisione.

A fine anno è stata fissata una scadenza per la cessione della nuova proprietà e il club sarebbe stato espulso dal campionato se l’offerta dell’attuale proprietario Danilo Ervolino non fosse stata accettata in extremis.

“L’attuale proprietà non ha nulla a che fare con i trasferimenti oggetto di indagine perché si riferisce alle stagioni precedenti il ​​trasferimento del club”, ha dichiarato la Salernitana in un comunicato diffuso mercoledì.

L’agenzia di stampa AGI riferisce che la Lazio è indagata per emissione di fatture transattive inesistenti e falso in bilancio.

La frode sui trasferimenti è diventata uno dei maggiori scandali del calcio italiano nell’ultimo anno, con la Juventus che ha raccolto 15 punti a gennaio per aver utilizzato i trasferimenti per aumentare artificialmente il proprio budget.

La Juventus è anche impegnata in un’indagine penale sulle sue finanze, accusando il club e un gruppo di ex dirigenti tra cui l’ex presidente Andrea Agnelli di una serie di reati finanziari.

READ  Murray si diverte a vincere, tornando a giocare al fianco di Brody agli Open d'Italia di doppio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *