Sue Gray: Boris Johnson condannato per “fallimenti di leadership” nel rapporto “Partygate”.

Il rapporto tanto atteso del servitore anziano Sue Gray ha condannato “un grave fallimento” nell’osservare gli standard del governo e ha affermato che una serie di raduni di massa era “difficile da giustificare” mentre milioni di persone non erano in grado di incontrare i loro amici e parenti.

Ha anche rivelato che la polizia sta indagando su almeno 12 eventi, inclusi almeno due Johnson che hanno partecipato e un terzo trattenuto nel suo appartamento che in precedenza aveva detto ai legislatori che non erano accaduti.

Il rapporto di Gray è stato pesantemente sterilizzato a causa di un’indagine simultanea della polizia, ma i suoi risultati generali erano abbastanza forti da lasciare la leadership di Johnson sul precipizio. Ha ascoltato in Parlamento che “lo risolverà” e ha promesso una serie di riforme relativamente modeste sulla sua insistenza sull’operazione, ma ha dovuto affrontare richieste da tutte le parti di dimettersi e ha perso pubblicamente il sostegno di più dei suoi stessi backbencher.

“Ci sono stati fallimenti di leadership e giudizio da parte di diverse parti del n. 10 e dell’Ufficio del Gabinetto in momenti diversi”, afferma il rapporto. “Alcuni degli eventi non avrebbero dovuto aver luogo. Altri eventi non avrebbero dovuto svolgersi come hanno fatto”.

“Almeno alcuni dei raduni in questione rappresentano una grave incapacità di osservare non solo gli standard elevati che ci si aspetta da coloro che lavorano nel cuore del governo, ma anche gli standard previsti dall’intera popolazione britannica in quel momento”, ha scritto.

Johnson inizialmente ha negato che una festa avesse avuto luogo a Downing Street, ma ha commissionato il rapporto dopo che una serie di articoli dei media hanno rivelato che si erano verificati diversi raduni. La scorsa settimana è stata avviata un’indagine di polizia separata, che ha impedito a Gray di includere dettagli nelle sue scoperte.

READ  L'Ucraina e le Nazioni Unite hanno denunciato l'attacco missilistico russo su Odessa a seguito di un accordo per revocare il divieto di esportazione di grano

Di fronte a parlamentari furiosi lunedì dopo la pubblicazione del rapporto ridotto, Johnson ha detto: “Mi dispiace per le cose che semplicemente non abbiamo ottenuto”. Ha quindi tentato di tracciare una linea sullo scandalo, dicendo che “sta andando avanti con il lavoro”.

Ma in un’apparizione livida alla Camera dei Comuni che è durata quasi due ore è stato trafitto da legislatori di tutte le parti. Il leader laburista Keir Starmer ha definito Johnson “un uomo senza vergogna”, lo ha esortato a dimettersi e ha detto ai parlamentari: “Non ci possono essere dubbi sul fatto che lo stesso Primo ministro del crimine sia ora oggetto di indagine”.

In un drammatico intervento, il predecessore di Johnson come Primo Ministro e collega conservatrice Theresa May si è rivolto a lui e ha detto: “O (lui) non aveva letto le regole, o non capiva cosa significassero, o non pensavano che le regole si applicassero a Numero 10. Quale era?” E il leader del Partito Nazionale Scozzese è stato rimosso dal Parlamento per aver affermato che il Primo Ministro aveva mentito alla Camera.

Johnson è apparso sulla difensiva e fuori punto; a un certo punto ha attaccato Starmer – un ex procuratore capo in Inghilterra – per non aver perseguito un famigerato pedofilo, una critica che è stata respinta da importanti avvocati. Ha ripetutamente evitato domande su quali eventi avesse partecipato e quando, dicendo che i legislatori dovrebbero aspettare la conclusione dell’inchiesta della polizia.

Resta da vedere se durerà fino ad allora; se un numero sufficiente di parlamentari conservatori attiverà un voto di sfiducia, avranno la possibilità di estrometterlo dall’incarico.

READ  Ha la bocca più grande di qualsiasi donna al mondo e ne è orgogliosa

E ci sono state ancora altre brutte notizie per Johnson lunedì, quando la polizia metropolitana ha rivelato che agli agenti che indagavano su “Partygate” sono state consegnate più di 300 fotografie e 500 pagine di informazioni da rivedere.

“Sono profondamente preoccupato per questi eventi”, ha detto in Parlamento il backbencher conservatore Andrew Mitchell. “Non gode più del mio sostegno”.

Una relazione più che pensata

Il rapporto di Gray ha tenuto Westminster ai ferri corti per settimane, date le sue implicazioni per le fortune politiche di Johnson. Ma quando lunedì mattina è stato consegnato a Downing Street nel suo formato spogliato, alcuni si aspettavano che il suo impatto fosse attenuato.

Invece, il documento di 12 pagine di Gray elencava una serie di carenze schiaccianti. “Sullo sfondo della pandemia, quando il governo chiedeva ai cittadini di accettare restrizioni di vasta portata sulle loro vite, alcuni dei comportamenti che circondano questi raduni sono difficili da giustificare”, ha affermato.

Sono stati indagati un totale di 16 eventi in 12 giorni diversi e tutti tranne quattro sono anche oggetto di indagine della polizia.

Gray ha accennato a una cultura del bere a Downing Street durante la pandemia e ha aggiunto che “il consumo eccessivo di alcol non è appropriato in un posto di lavoro professionale”.

Presentando le sue scoperte, Gray ha scritto: “Ogni cittadino è stato colpito dalla pandemia. Tutti hanno fatto sacrifici personali, alcuni dei più profondi, non essendo stati in grado di vedere i propri cari nei loro ultimi momenti o prendersi cura di familiari e amici vulnerabili”.

Perché le feste di blocco a Downing Street sono un grosso problema

Ha concluso il suo rapporto scrivendo che l’indagine della polizia “purtroppo” significava che era “estremamente limitata in quello che posso dire su quegli eventi”.

READ  La Francia apre un'indagine sul terrore dopo un incidente mortale con accoltellamento all'interno di una stazione di polizia

In Parlamento, Johnson ha ripetutamente rifiutato di dire che l’intero rapporto Gray sarebbe stato pubblicato quando le indagini della polizia fossero state completate, anche se pressato dai legislatori dalla sua stessa parte. Ma Downing Street in seguito ha fatto marcia indietro e ha detto che alla Gray sarebbe stato chiesto di fornire un aggiornamento al suo rapporto una volta terminato il processo legale. Tale aggiornamento sarebbe stato pubblicato, ha detto un portavoce.

Anche dopo i risultati ridotti, Johnson ha lottato per respingere gli interventi arrabbiati in Parlamento lunedì pomeriggio.

Ha detto ai legislatori che “sì, ci si può fidare” e ha elencato i risultati percepiti sulla Brexit e sul lancio del vaccino. Ha anche detto che stava “apportando modifiche” a Downing Street e al Gabinetto, creando un Ufficio del Primo Ministro con un segretario permanente, un alto funzionario pubblico, a guidare il Numero 10. Ma non ha fornito risposte a dozzine di domande su la serie di feste che una volta ha rifiutato di riconoscere sia mai avvenuta.

“Qualunque sia la tua politica, qualunque partito tu voti, l’onestà e la decenza contano”, ha detto Starmer. Ha aggiunto che molti dei colleghi di Johnson “sapevano nei loro cuori che saremmo inevitabilmente arrivati ​​a questo un giorno. E sanno che mentre la notte segue il giorno, continuare la sua leadership significherà ulteriore cattiva condotta, insabbiamento e inganno”.

Johnson dovrebbe visitare l’Ucraina martedì per rispondere ai timori che la Russia stia organizzando un’invasione. Ma prima andrà a ruba per mantenere il supporto dei suoi backbencher, che ora tengono il suo destino nelle loro mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.