Studi globali mostrano che la variante omicron ha un rischio di ospedalizzazione inferiore rispetto al delta

Questa immagine al microscopio elettronico mostra la variante omicron di un coronavirus che è stata isolata con successo presso l’Istituto nazionale di malattie infettive. (Foto per gentile concessione dell’Istituto Nazionale di Malattie Infettive).

TOKYO – Mentre è stato segnalato che la variante omicron del coronavirus è più trasmissibile della variante delta, Sudafrica e Regno Unito hanno segnalato la possibilità che i pazienti infetti dalla prima abbiano meno probabilità di essere ricoverati in ospedale.

L’infezione con la variante omicron è stata confermata in più di 100 paesi e regioni e le informazioni sui casi gravi vengono gradualmente raccolte. Un team dell’Imperial College di Londra ha condotto uno studio che ha confrontato circa 56.000 persone con la variante omicron e 269.000 individui con la variante delta. I rischi di ricovero ospedaliero per i pazienti con variante omicron erano dal 15% al ​​25% inferiori rispetto ai pazienti con variante delta, mentre i rischi di ricoveri per una o più notti dovuti all’omicron variavano tra il 40% e il 45%. % in meno rispetto alla sua controparte.

Inoltre, un team dell’Università di Edimburgo ha analizzato i dati su circa 5,4 milioni di individui in Scozia e ha scoperto che c’era una riduzione di due terzi del rischio di ospedalizzazione a causa dell’infezione da omicron rispetto al delta.

Uno studio sudafricano ha riportato risultati simili, con i rischi di ricovero per Omicron inferiori dal 70% all’80% rispetto a quelli della variante delta e di altri ceppi di coronavirus. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti Omicron esaminati dal team dell’Università di Edimburgo apparteneva alla fascia di età compresa tra 20 e 39 anni e il team ha rilevato la necessità di tenere presente che lo studio ha esaminato una fascia di età con un rischio inferiore di sviluppare casi gravi. . rispetto ai pazienti anziani.

READ  Le immagini celesti brillano nel Concorso Nazionale di Astrofotografia

Nel frattempo, l’OMS e altri organismi hanno riferito che la variante omicron è più trasmissibile e ha un rischio di infezione più elevato rispetto alla variante delta. Si sospetta inoltre che Omicron riduca l’efficacia dei vaccini nella prevenzione delle infezioni.

Anthony Fauci, capo consulente medico del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, ha parlato della variante dell’omicron durante una conferenza stampa del 22 dicembre, affermando che c’era un rischio ridotto rispetto a Delta. Ma ha lanciato l’allarme e ha detto: “Non c’è dubbio che abbiamo a che fare con un virus altamente contagioso”.

Da quando la variante dell’omicron è stata annunciata per la prima volta in Sudafrica il 24 novembre, i casi si sono diffusi in 106 paesi e territori a partire dal 21 dicembre. Dato che la variante delta ha impiegato circa nove mesi per raggiungere oltre 100 paesi, spicca l’elevata portabilità dell’omicron. In una conferenza stampa del 22 dicembre, Takagi Wakita, capo dell’Istituto nazionale di malattie infettive, ha commentato: “È noto che una volta che un’infezione da oomicroni si diffonde, ne consegue un rapido focolaio. Perché è anche possibile che il sistema sanitario presto essere sotto pressione, dobbiamo prepararci”. .

(Originale giapponese di Naomi Hayashi, Lifestyle and Medical News Division)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *