Sono stati sequestrati 260.000 litri di olio d’oliva contraffatto e arrestate 11 persone

Sono stati sequestrati 260.000 litri di olio d’oliva contraffatto e arrestate 11 persone

italiano e autorità spagnole La polizia ha confiscato più di 260.000 litri di olio extra vergine di oliva contraffatto e ha arrestato 11 persone sospettate di aver mescolato olio di alta qualità con “olio lambant” di bassa qualità, precedentemente utilizzato come combustibile per le lampade a olio.

Le autorità italiane e spagnole hanno confiscato più di 260.000 litri di false olive extra vergini. (immagine: Guardia Civil/Ministero degli Interni, licenza)La qualità dell’olio d’oliva è determinata dalla sua acidità, che è legata alla conservazione dei benefici e dei nutrienti in esso contenuti. Maggiore è l’acidità, minore è la qualità, con la qualità più elevata che in genere ha un’acidità compresa tra 0,1% e 0,3%. Quando l’acidità raggiunge il 2% o più viene classificato come “olio lampante”.

secondo Norme di commercializzazione nell’Unione EuropeaL’olio lampante ha un odore sgradevole e non è destinato al consumo. Spesso è ottenuto da olive troppo mature e marce e viene utilizzato per scopi industriali.

Europol Lunedì è stato annunciato che l’operazione congiunta è iniziata il 23 novembre, quando le autorità spagnole e italiane hanno effettuato perquisizioni in più località di entrambi i paesi.

Nella regione spagnola di Ciudad Real, le autorità hanno arrestato sei sospetti e confiscato 12 barili contenenti olio contraffatto, per un totale di 260.000 litri (circa 68.708,84 galloni).

Gli agenti hanno anche sequestrato quattro veicoli per un valore di circa 91.000 euro (98.208,11 dollari americani) e hanno scoperto prove come documenti di fatturazione ed e-mail.

Inoltre, sono state condotte ispezioni nelle province spagnole di Jaén e Córdoba, prendendo di mira impianti e magazzini di riempimento di petrolio.

Nel frattempo, nelle province italiane di Sicilia e Toscana, gli investigatori hanno perquisito tre impianti petroliferi sospettati di pratiche illegali. Gli investigatori hanno ottenuto documenti finanziari, elenchi di clienti e campioni di olio. Inoltre, un’azienda è stata accusata di etichettatura irregolare.

READ  L’Italia sta pianificando una possibile evacuazione di massa mentre continuano i terremoti attorno a un enorme vulcano

“Vari fattori, come l’inflazione generale dei prezzi, il calo della produzione di olio d’oliva e l’aumento della domanda, hanno creato un terreno fertile ideale per i produttori fraudolenti”, ha affermato lunedì Europol in una nota.

“Questa pratica illegale potrebbe non solo causare un rischio per la salute pubblica, ma potrebbe anche minare la fiducia dei consumatori e quindi avere ulteriori ripercussioni economiche”, ha spiegato Europol.

Secondo un rapporto dell’UE, le regioni meridionali, tra cui Bari in Italia, Chania in Grecia e Jaen in Spagna, sono i principali mercati per l’olio d’oliva nell’UE, rappresentando insieme oltre il 60% della produzione globale di olio d’oliva. Olio d’oliva internazionaleun’organizzazione governativa internazionale.

I prezzi dell’olio d’oliva in questi tre paesi, soprattutto in Spagna, influenzano notevolmente altri paesi produttori di olio d’oliva e in particolare gli oli che intendono esportare.

Secondo il Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termineGiugno 2023 è stato il mese più caldo mai registrato a livello mondiale. I suoi eventi meteorologici estremi Impatto enorme sul settore agricolo In questo caso particolare, sulla produzione dell’olio d’oliva.

Di conseguenza, secondo Eurostatbattendo altri prodotti alimentari come patate, burro e uova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *