Si è conclusa a caldo la partita dell’Australian Open All-Italy tra Fabio Funini e Salvatore Caruso

Fabio Fonnini e Salvatore Caruso vengono esonerati da un supervisore del tribunale dopo che il primo singolare maschile agli Australian Open in Italia nell’era open si è concluso con un acceso scambio a Melbourne.

Hanno lottato nel corso di quasi quattro ore alla John Cain Arena e hanno giocato un emozionante tie-break nel set finale prima che la 16esima testa di serie Funini eliminasse un vincitore 4-6, 6-2, 2-6, 6-3, 7- 6 (12).

Ma la tradizionale stretta di mano in rete si è rapidamente trasformata in una discussione accesa quando Funini ha detto che Caruso è stato fortunato in alcuni punti della partita, suggerimento a cui il giocatore siciliano si è opposto.

Lo scambio di parole profane, scandito da tanti gesti, è proseguito vicino al campo fino a quando l’ufficiale non si è messo in mezzo ai giocatori.

“Siamo buoni amici”, ha detto Funeni, sorridendo in seguito ai giornalisti durante la conferenza stampa dopo la partita.

Quando gli è stato chiesto di nuovo dell’incidente, ha aggiunto: “Sono davvero felice perché penso di non aver giocato il mio miglior tennis oggi”.

“Quindi ho avuto più possibilità di lui al quinto posto, ma questo è lo sport. Sono stato anche fortunato … cose del genere a volte succedono sul campo”.

Fabio Funini e Salvatore Caruso hanno litigato mentre erano fuori dal campo dopo la partita del secondo turno.(

AP: Hamish Blair

)

Quando è stato premuto una terza volta, il sorriso di Funini si è incupito.

“Capisci o no le mie parole?” Egli ha detto.

“Puoi cambiare la domanda per favore? Domanda successiva, grazie.”

Caruso è stato altrettanto sfuggente quando gli è stato chiesto di discutere l’argomento post-partita.

Funini, che è arrivato da 1-5 in ritardo per vincere il tiebreak finale 14-12 e ha salvato il match point lungo la strada, è entrato in una discussione durante una partita a Melbourne Park lo scorso anno.

In quell’occasione, si è strappato la maglietta per protestare contro l’ingiustizia percepita, rifiutando un punto per essersi rifiutato di giocare durante la misera sconfitta del quarto turno contro Tenness Sandgren che l’americano ha definito “guerra”.

Il 33enne specialista sulla terra battuta affronterà nel terzo round l’australiano Alex de Minor, testa di serie.

“E ‘davvero dura”, ha detto Funini.

“Al momento è il favorito, perché non ha perso un set.

“Ora ho 33 anni, o quasi 34 anni, e spero che il mio corpo possa ancora riprendersi molto velocemente perché Alex penso sia uno dei giocatori più veloci sul ring”.

Reuters / ABC

READ  Zlatan Ibrahimovic condanna il razzismo dopo una lite con Romelu Lukaku

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *