Sei Nazioni 2024: “La disperazione scozzese durerà quanto la gioia italiana”

Sei Nazioni 2024: “La disperazione scozzese durerà quanto la gioia italiana”
  • Scritto da Tom inglese
  • Scrittore sportivo senior della BBC Scotland

Spiegazione video,

Sei Nazioni 2024: l’Italia sbalza la Scozia ottenendo la prima vittoria casalinga in 11 anni

Mezz'ora dopo che l'Italia aveva ottenuto una vittoria sismica che avrebbe potuto riportare in vita tutte le statue di Roma, la folla per ripulire si è spostata allo Stadio Impico.

Sono state sollevate gru su ruote per abbattere i pali. Gli idranti hanno fatto saltare in aria le segnaletiche dello stadio. Le bandierine d'angolo sono state sventolate e il marchio è stato rimosso.

Se solo gli incubi della Scozia potessero scomparire in modo simile. Per quanto rimarrà la gioia italiana, altrettanto resterà la disperazione in Scozia.

Ventuno punti italiani senza risposta, sette rigori subiti consecutivi, 12 punti di vantaggio sprecati e una mancanza di disciplina che sarebbe davvero scioccante se non sapessimo già che la squadra di Gregor Townsend, pur essendo a tratti superiore, ha i suoi vantaggi. e bassi. Forse accadrà. Non perdere mai.

Flamboyance fa parte di questa squadra. La creatività, l'ambizione, l'impegno degli dei: tutto questo è un elemento di ciò che sono.

Possono fare grandi giocate e possono battere le squadre con risorse migliori. Possono emozionare, come hanno fatto nel primo tempo contro il Galles, come hanno fatto quando hanno segnato quelle meravigliose mete che hanno addormentato l'Inghilterra, come facevano abitualmente nell'era Townsend.

Ciò che c'è anche dentro di loro – e ciò che impedirà loro di essere veri contendenti in questo torneo – è la tendenza a crollare, a prendere decisioni insensate sotto pressione, a rinunciare ai rigori che mantengono la fiducia dei concorrenti, a esporre le loro debolezze e invitare rivali affamati. Per attaccarlo, come ha fatto l’Italia.

In termini di forza mentale, gli italiani hanno spazzato via il terreno con la Scozia.

Gli scozzesi hanno chiaramente un allenatore dalla forza mentale – e il suo titolo ufficiale potrebbe essere più alto – ma dove sono le prove che stia avendo un impatto? Crollo imminente a Cardiff e disintegrazione completa a Roma. E ora trasferta a Dublino contro gli infortunati irlandesi.

Siamo in un mondo che richiede che un allenatore della forza mentale assista un allenatore della forza mentale nei suoi tentativi di tenere la Scozia sollevata per la spinta finale in un torneo defunto?

E visto come sono andate le cose a Twickenham, se la Scozia avesse fatto il suo dovere a Roma, avrebbe avuto la possibilità di vincere il titolo a Dublino sabato prossimo. È stato un secondo duro colpo per l'enorme esercito di tifosi in visita, che contava 15.000 persone.

Gli operai cominciarono a lavorare fino a tarda notte. Hanno concluso che la Scozia poteva ancora vincere il torneo. Se il Galles battesse la Francia domenica e l’Inghilterra perdesse contro la Francia sabato prossimo, una vittoria di 39 punti sull’Irlanda all’Aviva probabilmente porterebbe a termine il lavoro.

Questo finché l'Irlanda non perde un punto. Archimede avrebbe annuito con approvazione all'aritmetica, ridendo della prospettiva.

“Le menti scozzesi si sono rivolte ai marshmallow”

La Scozia ha avuto una buona mezz'ora a Roma. Erano clinici e di controllo. Xander Fagerson ha guidato dopo che gli attaccanti scozzesi hanno messo sotto pressione insopportabile la loro controparte.

Kyle Steyn ha segnato un altro gol dopo una rapida riflessione in attacco e ottimi risultati da parte di Doohan van der Merwe e Jack Dempsey. Pierre Schumann è riuscito a concludere il tiro e quella era la sua terza meta dopo 27 minuti. La Scozia era avanti 22-10. Ed è stato quasi facile.

George Turner era in piena modalità tuono. Andy Christie sta attraversando una tempesta. Finn Russell non è stato particolarmente impressionante, ma è caduto in piccoli momenti di separazione, come il calcio del 50-22 che ha dato il via al punteggio per Shuman.

Sembravano una squadra fiduciosa, che scrollava di dosso il fatalismo che alcuni o molti dei loro tifosi avrebbero portato con sé alla Roma. Sembravano maturi. Una squadra di cui ti puoi fidare.

Poi mi sono voltato. È sciocco pensare che il rigore di Paolo Garbisi per il 22-13 al 35' avrebbe causato qualche preoccupazione in campo, ma così è stato. Turner ha finito per non essere rilasciato e Martin Page ha messo Rilo per altri tre punti.

L'Italia ha dominato i restanti minuti del primo tempo. Il pubblico di casa si è fidanzato dopo essere rimasto a lungo in silenzio.

La Scozia aveva bisogno di un palleggiatore e pensò di averne uno quando George Horne segnò al 2' del secondo tempo. È stato escluso, ed è giusto così. Due minuti dopo, Blair Kinghorn sferrò un calcio straordinario che fu il catalizzatore del gol di Lewis Lynagh.

L'Italia era indietro di un punto e da loro usciva odore di Cardiff.

Non che l’Italia fosse perfetta. Non lo erano. Non ne avevano bisogno.

La loro linea era un po' confusa e a volte i loro contrasti erano discutibili, ma hanno continuato ad andare avanti. Sarebbero stati consapevoli della crisi esistenziale che si stava verificando dall’altra parte.

La Scozia ha assegnato un rigore dopo l'altro e questa volta non ci sono state critiche per le pessime chiamate arbitrali. Questa era una squadra che perdeva la trama e rivelava l'altro lato della propria personalità.

Non riuscivano a prendersi cura della palla, non riuscivano a costruire fasi e pressione, non esercitavano alcun controllo e avevano l'aspetto di agnelli smarriti.

C'era un leader scozzese lì? C'è qualcuno che calma tutti e li rimette in carreggiata? Non sembra così.

C'era un leader italiano? A tonnellate. Juan Ignacio Brix, Michel Lamaro, Ross Vincent, Sebastian Negri. Questo è solo per cominciare.

Le sanzioni non arrivano nel vuoto. Succede perché il tuo avversario ti costringe a fare cose che non vuoi fare ma le fai comunque perché il gioco è in bilico, l'atmosfera è intensa e la disperazione è alta.

In quell'ambiente la mente può tornare ai marshmallow – ed è quello che è successo alla Scozia.

I rigori sono stati assegnati 5-4 contro di loro nell'intervallo, per un totale di 6-4, 7-4, 8-4, 9-4. Stephen Varney ha segnato per il 28-22 per l'Italia. I calci di rigore allungano al 10-4, 11-4, 12-4. Dov'erano in campo i risolutori di problemi scozzesi? Non esisteva.

Alla fine, Sam Skinner ha centrato il vincitore realizzando una partita da due punti a tre minuti dalla fine. La Scozia ha superato i 20 punti nella giocata finale, ma sapevi cosa sarebbe successo.

Una squadra che tira fuori la palla e fa delle mosse sbagliate non diventa una macchina crudele solo negli ultimi secondi. Kinghorn ha tentato un offload rischioso, la palla si è rovesciata e la partita è finita.

L'Italia se lo è meritato, e questo è un risultato straordinario del Sei Nazioni, e forse una vittoria per gli Azzurri.

Per la Scozia è la stessa vecchia cosa. Yo-yo vita. Molto di questo è buono, ma molto non è abbastanza buono. Nel migliore dei casi fanno cose che solo le squadre campione potrebbero fare, ma nel peggiore dei casi fanno cose che nessuna squadra campione potrebbe mai fare.

Torna al tavolo da disegno. di nuovo.

Spiegazione video,

Sei Nazioni 2024: la squadra di rugby della BBC risponde a brevi domande sugli Oscar

READ  Imogen Grant ottiene l'argento per la Gran Bretagna nel campionato europeo di canottaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *