Sei Nazioni 2021: Inghilterra vs Italia – Come può migliorare l’Italia nella serie di sconfitte?

Non sarà molto più facile per Monte Euan (a sinistra), Paulo Garbisi (a destra) e l’Italia con due test contro la Nuova Zelanda in programma anche per il 2021.
Posto: Stadio di Twickenham Date: Sabato 13 febbraio Di partenza: 14:15 GMT
copertura: Ascolta il commento su BBC Radio 5 Live Sports Extra; Commento testuale dal vivo e video clip più importanti dopo la partita sul sito Web e sull’applicazione della BBC Sport.

L’orologio è rosso. Metà dell’esterno francese rilancia un passaggio lungo, cercando disperatamente una via per la difesa. L’ala lo prende velocemente. Ha percorso cinque metri. L’Italia la attraversa, trascinandola al tatto. Il fischio suona. Ventitré giocatori italiani saltano in cielo per festeggiare. Cinquantasettemila allo Stadio Olimpico ruggiscono sulle travi.

Quest’anno, scene come questa sembrano un sogno.

Sabato, davanti allo Stadio Olimpico vuoto di Roma, non c’è stato niente di quel choc e rumore. La Francia ha eseguito tre tentativi nella prima mezz’ora. A 60 minuti erano 42 punti di vantaggio. la vittoria – Alla fine una sconfitta per 50-10 – Non c’erano dubbi.

Ma questa realtà alternativa è stata soddisfatta.

Otto anni fa, L’Italia ha battuto la Francia a Roma. Così come sono due anni fa. Andrea Massey ha giocato quel giorno. I suoi 95 test includevano anche vittorie su Irlanda, Scozia, Giappone e Argentina.

Allora cosa è cambiato?

“È una domanda difficile e me lo chiedo sempre”, ha detto a BBC Sport il 39enne.

“Quando penso a otto o dieci anni fa, quando abbiamo avuto un grande successo con l’Italia, avevamo un gruppo di dirigenti davvero forte. Avevamo un gruppo di giocatori che avevano esperienza all’estero, che avevano partecipato a 90 o più partite internazionali e sapevano come fare. per gestire situazioni difficili.

“Questa squadra italiana è una squadra molto giovane con un buon potenziale, ma manca di esperienza.

“[Head coach] Franco Smith mette tutti questi giocatori di alto livello dimostrando molto coraggio, ma lottano duramente.

“Passare da una squadra molto esperta a una squadra davvero piccola è stato piuttosto brutale”.

Il divario generazionale è stato riempito con un vassoio pieno di cucchiai di legno. L’Italia è arrivata ultima negli ultimi cinque campionati a sei nazioni.

La loro ultima vittoria in un torneo è stata contro la Scozia nel febbraio 2015. Da allora hanno perso 28 partite consecutive nel Campionato delle Sei Nazioni, segnando 374 punti e subendo 1113 punti.

Questa serie ora grava su tutta una serie di giovani possibilità.

Stephen Farney e Paolo Garbisi, rispettivamente 19 e 20 anni, sono una grande coppia di difensori. Seconda fila Michelle Lamaro, 22 anni, che sa fare il totem. Jake Boldry, 25 anni, e Matteo Minozy, 24, aggiungeranno qualità quando finalmente torneranno in squadra.

Martin Castrogiovanni ricorda di aver debuttato in una giovane età simile in circostanze altrettanto difficili.

All’età di 20 anni, il giocatore è stato buttato giù dalla panchina in una sconfitta per 64-10 contro gli All Blacks ad Hamilton nel 2002. Ha fatto il suo ultimo debutto quel giorno – Sergio Baresi – a soli 18 anni.

Ha detto a BBC Sport: “Quando Paris, Gonzalo Canal e Bergamascos hanno iniziato insieme la nostra carriera internazionale, non abbiamo vinto molte partite”.

“Era l’inizio di un’era, un cambio generazionale.

“Ma se inizi qualcosa, devi finirlo. Questo è quello che succede [then coach] John Kirwan ha fatto con noi. Sergio lo ha reso l’ottavo giocatore più giovane del rugby internazionale e guarda cosa è successo “.

Ma, con l’evoluzione dell’attuale raccolto, anche le richieste di cambiamento, vale a dire l’introduzione dello sbarco.

“è abbastanza ,” Sam Warburton ha detto lo scorso fine settimana. “Non è affatto uno scherzo” Ha detto il collega della BBC, Ugo Monet.

Castrogovanni non è convinto dell’improvviso slancio che sta dietro all’idea.

“Se c’è una grande squadra lì non ne saranno sicuri”, ha detto, aggiungendo che qualsiasi modifica alle regole del torneo arriverà solo quando gli stakeholder – Italia compresa – rinnoveranno i loro termini tra qualche anno.

Ma sia lui che Massey credono che la retrocessione, o almeno la probabilità e il playoff, possano giovare all’Italia e al torneo in generale.

“Finora, abbiamo sempre dimostrato di essere i migliori nella prima divisione del Sei Nazioni, battendo Georgia e Romania”, ha detto Masi.

“Abbiamo dimostrato di poter controllare queste squadre molto comodamente – rilascerà molta pressione dalla squadra italiana.

“Aiuterà anche l’immagine sportiva in Italia. La fiducia in questa squadra sta diminuendo sempre di più. Alcune vittorie davvero buone cambieranno sicuramente le percezioni”.

Cambiare la realtà non è così facile.

Massi tornerà in Italia quest’estate per entrare in Benetton, dopo aver trascorso quattro anni ad allenare i giocatori della Wasps Academy.

Sarà affiancato da Marco Portolami e Fabio Ungaro, che hanno giocato fianco a fianco nell’era più potente d’Italia.

E a supervisionare tutto questo è Paul Gustard, ex allenatore della difesa dell’Inghilterra e dei Sarceni, che ha lasciato Harlkins a gennaio.

Andrea Massi e il resto della Nazionale italiana
Massi (estrema sinistra), Castrogiovanni (secondo da destra) e Paris (estrema destra) facevano parte della squadra italiana che ha vinto diversi campionati dal Sei Nazioni

“Paul avrà un impatto così grande, sia sullo sviluppo dei giocatori che sugli allenatori”, ha aggiunto Massi. “Sono rimasto molto colpito dalla sua visione, energia, comprensione ed esperienza”.

Ma lavoreranno tutti per superare grandi difficoltà.

Le squadre della fascia di età in Italia hanno dovuto affrontare grandi turbolenze. A gennaio 2020, la squadra U-20 Batti le loro controparti di Wells a Cullen Bay.

Spesso i gruppi di talenti in competizione possono lasciarli molto indietro.

È qualcosa che Massey conosce bene solo dal lavoro alla Wasp Academy che ha fatto nascere gioielli come Jack Willis e Alfie Barberry nelle ultime stagioni.

“In Inghilterra, a livello under 18, potresti avere 100 giocatori davvero bravi. In Italia potresti averne cinque”, dice.

Ora, questa disparità si traduce molto direttamente nel quadro di valutazione delle sei nazioni.

Leggi l'immagine del logo sulla BBC - bluPiè di pagina - blu

READ  Gran Premio di Spagna: il pilota della Mercedes Valtteri Bottas guida la prima sessione di allenamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *