Schiffrin ha lasciato, furioso l’inizio è stato rinviato dopo che Vlova ha vinto in casa

Michaela Schiffrin ha criticato i regolatori slovacchi dopo lo slalom gigante femminile di domenica, definendoli “poco professionali” perché l’hanno fatta aspettare al cancelletto di partenza prima del suo ultimo round quando si sentiva troppo a lungo.

Chevrin, con un debole vantaggio dalla tappa iniziale, era pronta a partire quando ha dovuto aspettare due minuti mentre gli addetti al corso sostituivano il cancello rotto.

Alla fine, le è stato permesso di andare, e l’americana ha segnato il più veloce 11 volte ed è scivolata al terzo posto, 0,37 dietro la vincitrice, Petra Vlhova della Slovacchia.

“Ci sono voluti [two] Per riparare il cancello, ha detto Shiffrin, dovrebbero volerci 30 secondi. “Mi sentivo come se fosse una pattinatrice abbastanza brava da vincere queste gare da sola e non aver bisogno di quell’atto non professionale di qualcosa su cui non ha controllo, io non ho controllo, ma solo per dire, ‘Oh, è in cima, diciamo vediamo se possiamo fare qualcosa per entrarci dentro [Shiffrin’s] Presidente.”‘

“Un po ‘ridicolo”

Mentre Schiffrin ha riconosciuto che le interruzioni sono una parte comune dello sport, ha detto che il ritardo prolungato non era necessario questa volta.

“Una cosa è se un atleta cade e si infortuna, un’altra è quando aggiusta il cancello ed è quello che ci vuole [two] Minuti con due persone e non sono riusciti a trovare la bandiera, o non so cosa stesse succedendo “.

“Era un po ‘ridicolo e questo è molto chiaro”, ha aggiunto. “Questo non è un modo professionale per affrontare questa situazione […] Toglie anche dalla sua performance. Può essere orgogliosa del modo in cui ha pattinato, ma questa è una situazione difficile “.

READ  Euro 2020: Angelo Ogbona 'sorpreso e amareggiato' dopo il disprezzo per il Ct dell'Italia Roberto Mancini

Schiffrin ha anche ammesso che dovrebbe “gestire meglio la situazione” dopo aver raggiunto la sua partenza in ritardo.

Ha detto: “Stavo bene, mi sentivo solo pazza, e questo è qualcosa da cui posso imparare”. “Faccio ancora abbastanza bene per la maggior parte delle mie corse, ma non abbastanza”.

La canadese Cassidy Gray è arrivata 27 ° mentre la collega canadese Val Grenier non ha concluso il suo secondo round.

Sconfiggendo il suo avversario, Vlova ha ribaltato la situazione su Chevrin il giorno dopo aver colpito l’americana in uno slalom.

Vlova è caduta sulla schiena per festeggiare non appena il leader della prima gara Chevrine non è riuscito a superare il suo tempo.

Prima vittoria in una gara casalinga professionale

Flofa si è alzata e ha piegato le lacrime dopo la sua 19a vittoria in carriera, ma prima nella corsa in casa sulla collina dove si allena regolarmente.

“Questo è fantastico perché tutti coloro che guardano il nostro sport sanno che le ultime gare di slalom gigante non sono state in gran forma. [a] Piccola crisi. “

Vlhova è arrivato 10 ° e 12 ° nelle ultime due gigantesche gare di Coppa del Mondo e 12 ° nei Campionati del Mondo il mese scorso.

Ha detto: “Ma mi sono allenato molto. Sei venuto a casa mia e hai cercato di mantenere una grande quantità di forza in me”. “Alla fine, sul pendio di casa mia, ho vinto. Quello era il mio sogno.”

Schiffrin ha negato alla Vlova una vittoria casalinga nella gara di slalom di sabato quando è tornata da dietro per battere la sua avversaria slovacca nell’ultimo round.

READ  Mbaye Diani: West Brom sta cercando un prestito per l'attaccante del Galatasaray | notizie di calcio

Jasna non è una tappa regolare del circuito della Coppa del Mondo femminile. Le gare precedenti si sono svolte nel resort nei Bassi Tatra nel 2016, quando anche Schiffrin ha vinto lo slalom.

Vlhova sprint il ciclo durante il primo round di domenica. (Gabriel Vaciotti / Associated Press)

Domenica, la neozelandese Alice Robinson è balzata dal settimo al secondo posto, a 0,16 dal primo posto.

Marta Pacino, che ha vinto quattro gare di slalom gigante in questa stagione, ha vinto il titolo di disciplina agonistica.

L’italiana si è piazzata quarta in classifica davanti alla sua unica concorrente rimasta, la francese Tessa Worli, che ha concluso al decimo posto.

Il risultato ha dato a Pacino un vantaggio di 148 punti su Worley con solo GS rimanenti nelle finali della Coppa del Mondo in Svizzera.

Pacino è diventato il quarto pattinatore artistico italiano a vincere il titolo GS, dopo Deborah Compagnione nel 1997, Denis Carbon nel 2008 e Federica Brignoni lo scorso anno.

La campionessa del mondo Lara Gott Behrami era fuori dai giochi per la vittoria dopo un fallo costoso all’inizio del suo primo turno e la pattinatrice svizzera 1.69 è finita al nono posto.

Nella classifica generale, Vlova ha chiuso il vantaggio sulla capolista Jute Bahrami a 36 punti, con uno slalom in Svezia in rialzo venerdì e sabato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *