Rinviata a lunedì la seconda Coppa del Mondo femminile a Courchevel


Marta Pacino ha vinto la gara sabato
© APA (AFP)

Il fine settimana di Coppa del Mondo di sci femminile di Courchevel ha segnato una svolta domenicale non prevista il giorno prima. Il secondo slalom gigante della stazione sciistica francese è stato posticipato di circa 24 ore a lunedì a causa delle cattive condizioni delle piste, e l’orario di inizio è alle 10:00 e alle 13:00. La formazione della rampa ha così danneggiato la pista che correre in queste condizioni era fuori discussione.

La gara di sabato con la vincitrice italiana Marta Pacino è salita sul palco con una bella visuale del terreno e una leggera nevicata, poiché il bianco splendore cadeva costantemente dal cielo. “Ma è sempre difficile fare la scelta giusta in caso di brutto tempo”, ha detto a ORF Christian Mitter, direttore delle gare femminili dell’ÖSV. “Devi provare qualcosa. Lo sappiamo molto bene dall’allenamento.”

I pistoni non hanno tolto manualmente la neve dallo scivolo perché era semplicemente troppa. Mitter: “Ecco perché scelgono la macchina. Una volta entrati nella macchina, rischi di farla a pezzi.” La Stiria ha avvertito di danni alla rampa durante la riunione dei capisquadra la sera prima. “Alcuni degli obiettivi sono stati raggiunti bene, ma alcuni non possono essere superati. Non c’è abbastanza umidità nella neve”, ha detto.

Fondamentalmente, la soluzione di lunedì è la migliore. “Preferiremmo una gara sicura e leale a un sottaceto”, ha detto il direttore delle corse austriaco. Mitter non vede alcun rischio che problemi simili si verifichino lunedì. “Ora semplicemente non c’è abbastanza umidità per la gara. Ma ora puoi farcela dopo 24 ore per andare a prendere l’acqua. La temperatura non è così importante, ma la notte limpida cade la neve”.

READ  Cos'è il nuovo Ministero italiano per la trasformazione ambientale?

Con la luce del sole e le bellissime escursioni sugli sci, i corridori ovviamente hanno dato le loro idee per questo. “Hanno incasinato la diapositiva”, ha detto Stephanie Brunner dal Tirolo, che sabato era al settimo posto. La sua collega Francesca Gritsch, il 14 del giorno precedente: “Sono felice che la FIS stia vedendo tutto questo lentamente e poi prendendo la decisione giusta. La salute degli atleti è della massima importanza”.

La squadra vuole costruire sulla prestazione di sabato con tre nei primi dieci e cinque nei primi 14 – più recentemente ad Aspen 2014. “Sono stato contento. L’approccio è stato un po ‘tortuoso”, riferendosi allo stile di leadership audace della sua squadra. “Hanno attaccato di nuovo nel secondo round. E ‘stata una gara molto difficile dal punto di vista e dalle circostanze. Ti sei davvero preso il cuore ed eri molto orgoglioso”.

Con tutta la neve alta intorno alla pista da corsa, il team ÖSV ha trovato una pista su cui potersi allenare liberamente domenica. Mitter: “Lo stesso vale per tutti e non vediamo l’ora che arrivi domani. Adesso probabilmente le condizioni delle piste saranno buone”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *