La storia di un giovane italiano bloccato in Giappone da quasi due anni

TOKYO – Un uomo italiano che ha visitato il Giappone, la culla degli anime, nel febbraio 2020 come regalo di diploma di scuola superiore, ha perso il viaggio di ritorno a casa nell’aprile dello stesso anno a causa della pandemia di coronavirus. Non è riuscito a tornare a casa solo con l’attrezzatura da viaggio e senza contanti in tasca. Un anno e nove mesi dopo, un giornalista del Mainichi Shimbun segue le orme di un 21enne in difficoltà in una terra sconosciuta.

Alla fine di febbraio 2020, il diciannovenne Leo Okuda Tomiseli è arrivato in Giappone con un compagno di liceo affascinato dalla cultura giapponese. Hanno programmato visite turistiche per circa un mese. All’epoca, nessuno intorno a lui nella sua piccola città in Italia aveva il coronavirus.

Ma mentre visitava i siti turistici di Tokyo, tra cui Akihabara, e soggiornava a casa della sua famiglia ospitante nella città di Ajio, nella vicina prefettura di Saitama, l’infezione si è diffusa. I viaggi da e per l’estero sono stati sospesi e il suo volo di ritorno prenotato per il 1 aprile 2020 è stato cancellato.



Misao Ito, al centro, insegna cucina a Leo Okuda Tomicelli, a sinistra, e al suo amico venuto dall’Italia, ad Ajio, prefettura di Saitama, 15 aprile 2020 (Mainichi/Kazuko Hamada)

Liu apprese dall’ambasciata italiana che un volo speciale avrebbe lasciato il Giappone alla fine di aprile di quell’anno. Ma sua madre gli ha detto che se fosse tornato a casa ora, non sarebbe stato in grado di uscire di casa a causa del blocco e che sarebbe dovuto rimanere in Giappone fino a quando la situazione non si fosse stabilizzata. A quel tempo, l’Italia stava affrontando un grave focolaio. Molti morirono, gli ospedali traboccarono e la depressione risultante lasciò molti disoccupati.

Mentre il suo amico è riuscito a imbarcarsi su un volo speciale, Leo è rimasto in Giappone. La sua ospite, sua madre, l’ottantenne Misao Ito, gli ha permesso di continuare a rimanere gratuitamente, ma Leo ha dovuto guadagnare soldi per pagare il cibo e altre spese.

READ  I luoghi più famosi del mondo. Notizie da Google

Nato e cresciuto in Italia da padre italiano e madre giapponese, Leo non ha ancora 22 anni, l’età alla quale bisogna scegliere una nazionalità secondo l’attuale sistema giapponese. Ha la cittadinanza italiana e giapponese, che gli consente di lavorare come giapponese. Il suo problema è la lingua giapponese. Sebbene possa parlarlo bene, non può leggerlo o scriverlo. Liu ha fatto domanda per una serie di lavori part-time, tra cui un ristorante Geodon Beef, un ristorante di sushi, un’azienda di trasporti, un supermercato e un minimarket, ma nessuno di loro lo ha assunto.

“Forse hai più possibilità di trovare un lavoro part-time a Tokyo? Perché non risparmiare e andare al college o alla scuola professionale in Giappone?” Misao propose a Liu. Poi, nel luglio 2020, Leo si è trasferito nella casa di Chikaku Ito, conoscente di 68 anni di Misao, a Inagi, Tokyo.

Chikaku ha detto: “La prima cosa che ho fatto è stata abituarlo al giapponese. Poi l’ho aiutato a diventare indipendente in modo che potesse vivere da solo. Inoltre, ho sostenuto Leo in termini di salute mentale e fisica mantenendo i contatti con i suoi genitori. Fondamentalmente, ho dovuto crescere Leo per essere una persona pienamente qualificata.



Leo Okuda Tomicili, a sinistra, è visto mentre fa colazione a Inagi, Tokyo, il 20 novembre 2021. “È fantastico che mangi qualsiasi cosa”, ha detto Chikaku Ito. (Mainichi / Kazuku Hamada)

Chikaku, un ex membro dell’assemblea locale, conosce molte persone. Ha portato Liu a un corso di scambio internazionale in una scuola elementare locale, nonché a un evento in una fattoria di nativi.

Il suo primo lavoro part-time riguardava le pulizie in un ospedale. Sebbene le sue capacità di lettura e scrittura in giapponese non fossero state messe alla prova, rimase molto deluso. Leo si è diplomato in un liceo specializzato in informatica. Lui e i suoi amici partecipavano a concorsi di programmazione ogni anno e al terzo anno vinse il secondo posto in un concorso regionale. Se possibile, voleva lavorare con i computer.

READ  Calvin Phillips di Leeds ha rivelato di aver visto l'Italia celebrare la vittoria nella finale di Euro 2020 "per scoprire come ci si sentiva a vincere una grande coppa" dopo il crepacuore di un calcio di rigore in Inghilterra.

“Ma non importa quanto tu sia bravo con i computer, sono sicuro che molte persone in Giappone sono al tuo livello”, ha detto Chikaku a Liu.

Un negoziante nelle vicinanze ebbe pietà della sua situazione e lo assunse. Liu ha finito per lavorare part-time in un centro di riciclaggio per lo smistamento di bottiglie di plastica e in un ristorante per lavare i piatti di maiale.

Intorno a gennaio 2021, Leo improvvisamente disse a Chikako: “Non è un lavoro ingrato per me”. Ha dimenticato di lasciare la spazzatura nella pulizia dell’ospedale. Nel negozio, ha smarrito gli articoli e si è dimenticato di dare il resto ai clienti. Che si tratti di smistare bottiglie di plastica o lavare i piatti, hai perso la concentrazione e hai impiegato troppo tempo per completare le attività. Gli è stato detto più volte che alla fine è stato licenziato.

Chikako ha deciso di legare Leo a un lavoro part-time presso un’azienda IT tramite un conoscente. È iniziato nel maggio 2021 presso GIB Japan, una società di sviluppo di sistemi con sede vicino allo stabilimento JR Shin-Okubo a Shinjuku Ward.



Manga disegnato da Leo Okuda Tomiselli sul suo PC visto a Inagi, Tokyo, il 20 novembre 2021. Realizza anche giochi e sogna di raggiungere il successo globale. (Mainichi / Kazuku Hamada)

“Liu è molto bravo”, ha detto il presidente Kiichiro Miyamoto con un sorriso. Nella società giapponese, gli anni di esperienza sono spesso usati come metro di giudizio, ma Leo è visto come una persona che ha una buona testa sulle spalle, indipendentemente dalla sua mancanza di esperienza.

Miyamoto ha detto: “Può imparare le cose in fretta. Penso che crescerà molto”.

Leo costruisce siti web e sviluppa sistemi mentre Miyamoto guarda il suo schermo e dà consigli.

“È il tipo di attività che mi interessa e non mi sento a disagio con l’atmosfera aziendale”, ha detto Liu.

READ  Il capo del British Council in Italia vince la corte per le accuse di ubriachezza

Leo è stato assunto come dipendente a tempo pieno nel dicembre 2021. Quella notte, Chikako e suo marito hanno preparato un pan di spagna alla fragola con abbondante panna montata e riso con ostriche e quiche per celebrare il nuovo status di Leo.

Ma Liu ha detto: “Pensavo che la torta fosse per il mio compleanno, ma è stato un po’ di tempo fa. A proposito, ho dimenticato di dire ai miei genitori che avevo un lavoro a tempo pieno”. Sembra che la connessione non sia ancora perfetta.

L’anno 2021 passò e Leo celebrò il secondo capodanno in Giappone. “Ho avuto molte esperienze e penso di essere cresciuto un po'”, ha detto.

(Originale giapponese di Kazuko Hamada, Centro di correzione di bozze)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *