Ricorda il primo Il Lombardia del 1905

Ricorda il primo Il Lombardia del 1905

Nell’ottobre del 1952, un quotidiano sportivo italiano La Gazzetta dello Sport Ha pubblicato la guida di 32 pagine alla 46esima edizione de Il Lombardia, o Giro di Lombardia come si chiamava all’epoca. Tra i racconti di Fausto Coppi, Gino Bartali e del vincitore del 1951 Louison Bobbitt, c’era una retrospettiva di una pagina e un’intervista al vincitore della prima edizione della corsa, Giovanni Gerbi, dal titolo “1905: Il diavolo sulle rotaie ”.

Gerbi aveva 67 anni quando lo scrittore del racconto, Ulisse Cornu, venne a parlare del giorno in cui entrò nei libri come primo vincitore de Il Lombardia. “Come hai vinto?” si chiede retoricamente Gerbi nell’articolo. ‘L’ho vinto [as I] Ho vinto altre gare con il mio tiro migliore: sono stato bravissimo com.finisseur. Arrivati ​​a due o trecento metri era finita: nessuno riusciva a prendermi. Ma come ha fatto esattamente Gerbi a ottenere quei primi metri? “Suggeriamo alcuni trucchi”, ha scritto Curnow, conoscendo la leggenda delle corse. A questo suggerimento “il volto di Gerby si oscura”.

“Che cosa sia successo esattamente, non lo so.”

Domenica 12 novembre 1905, intorno alle 16, Gerbi corse da solo alla volta di Milano per vincere la prima edizione di quello che oggi è l’ultimo Monumento della stagione. Erano passate più di nove ore da quando lui e altri 53 passeggeri erano partiti dalla città in condizioni fredde e umide. Da Milano la corsa si è diretta ai checkpoint di Crema, Bergamo e Lecco prima di tornare a Milano per concludere la gara.

Mentre usciva da Milano sotto un cielo pesante, Gerbi – che si era guadagnato la reputazione di corridore preparatore di gare esplorando percorsi per luoghi strategici da attaccare – sapeva esattamente dove si sarebbe trasferito: Crema, a soli 30 chilometri circa di distanza. Nella corsa sapeva che le linee del tram attraversavano la pista.

READ  L'IIS Ramadan Festival ad Abu Dhabi prende il via con un'entusiasmante serie di attività

Scriverà poi il direttore di corsa Eugenio Costamagna: “Sulla strada di Crema, ad un certo punto di una curva, i corridori incontrarono una carrozza”. Non so cosa sia successo esattamente, ma probabilmente è stato a causa di una manovra sbagliata di qualcuno che sono caduti quasi tutti… Ho visto chiaramente che le bici venivano tirate fuori da sotto il carro, e un cavaliere che risaliva il dirupo del fosso è caduto in, [meanwhile] Prova e [Giovanni] koniolo, [Andrea] Masseroni e [Battista] Barini è scomparso.

Astuzia e circostanze

Gerbi aveva capito durante le sue numerose ricognizioni che lo svincolo di Crema poteva essere un punto chiave della corsa, un punto dove, se fosse riuscito a sconvolgere il gruppo e uscire da solo, avrebbe potuto fare un tentativo a lungo termine per la gloria. I resoconti sono ancora diversi su come lo fece: alcuni dicono che guidò il gruppo ad alta velocità fino ai binari del tram e poi usò una rampa di argilla compattata che aveva costruito il giorno prima per scendere nel posto giusto, lasciando gli altri a dibattersi. Tra le sbarre altri sostengono che abbia condotto rapidamente altri ciclisti in una sezione abbastanza larga per un solo pilota, prima di fingere un meccanico e poi farsi strada attraverso l’inevitabile carneficina.

Abbonati alla rivista Cyclist

Qualunque cosa sia accaduta, Gerby è rimasto solo dopo soli 30 chilometri grazie al suo diabolico piano. Dopo quindici chilometri era cinque minuti avanti. A Lecco non era ancora a metà strada, aveva 20 anni. Quando è arrivato a Milano – “in perfette condizioni”, secondo lui. Niente StampaCronaca della Gara – Il vantaggio di Gerbi è di oltre 40 minuti su Giovanni Rossignoli, secondo.

READ  Le sei meraviglie del Milan in Football Manager 2022: Maldini, Adly

“Ovviamente ho sempre avuto bisogno di tempo per studiare un piano dettagliato”, disse Gerby a Curnot tanti anni dopo. “Per me è stato molto importante nella preparazione studiare il percorso, ogni volta stabilivo in anticipo il momento dell’attacco e il più delle volte riuscivo a portarlo a termine come previsto.

Cosa fare e cosa non fare

Gerby, soprannominato il “Diavolo Rosso” da un prete per aver corso durante una cerimonia religiosa indossando una camicia scarlatta, divenne professionista nel 1903 dopo aver registrato notevoli risultati come dilettante. Tra le sue vittorie ricordiamo la Milano-Torino, dove trionfò sui professionisti e arrivò al traguardo così presto che “nessuno della giuria di gara mi aspettava”.

Gerbi ripeté la vittoria della Lombardia del 1905 due anni dopo. Ma questa volta il risultato non è stato coerente. Ancora una volta è scappato per circa 30 chilometri durante la gara, ma i suoi sostenitori lo hanno aiutato bloccando gli incroci, spargendo chiodi e chiodi sulla strada e accelerando dai compagni di allenamento una volta che era da solo. Il direttore della Peugeot, Léopold Alibert, rimase stupito da ciò che vide.

“Per il futuro delle corse in Italia, è importante rimuovere quest’uomo malvagio dalla scena del ciclismo”, ha detto. Lato. Gerbi è retrocesso all’ultimo posto ed è stato squalificato per due anni, poi ridotti a sei mesi.

Ripensando alla sua carriera nel 1929, Gerbe rifletteva sul 1907 con sentimenti contrastanti: “È stata la mia vittoria più bella perché sono arrivato nettamente primo, ma anche la mia sconfitta più schiacciante perché la giuria ha deciso di squalificarmi”. È stata una tipica dimostrazione di ciò che si può ottenere con un allenamento quotidiano costante e persistente perché sono riuscito a percorrere da solo una distanza di 200 chilometri a circa 30 chilometri all’ora su strade fangose.

READ  Sagan accelera alla vittoria in Italia, Bernal è ancora in testa

Per Gerbie, la sua prestazione di quel giorno fu “il classico esempio del mio approccio alla competizione, che si basava su: conoscenza precisa dell’intero percorso; ideazione e preparazione di uno o più piani di battaglia…; fuga; e continuare questa fuga senza preoccuparsi tutt’altro che il traguardo.” Senza cambiare idea, cioè mantenendo la fuga fino alla fine, dando tutta me stessa.

• Questo articolo è apparso originariamente nel numero 145 della rivista Fagiano rivista. Clicca qui per iscriverti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *