Recensione: Gelsomina Verde – Cineuropa

Questo primo lungometraggio del documentarista Massimiliano Pacifico segue la corsa teatrale dell’omicidio di una giovane donna a Napoli per mano della camorra

Madalena Storniolo in Green Gelsumina

Cinque attori si recano a Polverigi, nelle Marche, e si incontrano al Teatro Villa Nappi, una meravigliosa istituzione che accoglie compagnie e artisti da tutto il mondo per partecipare al festival teatrale locale. Li attende una grande uscita, Napoli. David YodisCon chi si imbarcherà in un progetto teatrale, che lui stesso definisce “delicato e pericoloso”. Madalena Storniolo E il Giuseppe D’Ambrosio Entrambi provengono da Napoli – dagli inquieti quartieri di Scampia e Sanità, per la precisione – durante Margarita Laterza Unisciti a loro da Roma e Pietro Casela E il Francesco Latarolo Da Torino. Come ha spiegato David Yodis, la storia di Gelsomina Verdi è “controversa, piena di luci e ombre”. Questa produzione teatrale è al centro dell’attenzione Green Gelsumina, Il primo lungometraggio diretto da Massimiliano Pacifico, Che in precedenza ha firmato il suo nome per video d’arte e documentari che esplorano questioni sociali e il mondo del teatro, tra cui due su Toni Servillo: 394 – Tripla nel mondo E il Teatro in azione [+see also:
interview: Massimiliano Pacifico
film profile
]
.

(L’articolo continua qui sotto – informazione commerciale)

Catena di corde

È attraverso le parole Francesco Verdi Siamo venuti a conoscenza per la prima volta del tragico caso: “Mia sorella è morta il 21 novembre 2004. Era domenica sera, nel quartiere di Scandigliano a Napoli. La sua morte è avvenuta alle 23. È stata torturata, poi le hanno sparato in testa prima che le dessero fuoco dentro la Fiat 600 che le ho comprato “. Gelsomina, o Mina come era conosciuta nella zona, era una donna di 22 anni che lavorava in un negozio di pelletteria, aiutava i bambini del suo quartiere a fare i compiti e dava una mano alle famiglie bisognose. Nel novembre 2004 è stata rapita e torturata. I suoi rapitori volevano sapere dove si trovava Gennaro Notorno. L’unica cosa di cui era colpevole era uscire con Notorno per diversi mesi, l’uomo che ha scelto la parte sbagliata durante la guerra che la camorra ha intrapreso all’epoca.

READ  Drake ignora la fan che aspetta pazientemente di essere schiacciata contro di lui: guarda

Per trasmettere la complessa geografia di questa storia, Davide Iodice chiede ai suoi attori di correre dei rischi e improvvisare, per evidenziare le contraddizioni che circondano questi eventi accaduti vent’anni fa. Mina è stata tradita dalle stesse persone che stava aiutando che erano responsabili di nascondere gli assassini. È stato abbandonato e lasciato alle fiamme. La troupe del teatro è divisa in vittime, autori e astanti. Massimiliano Pacifico filma le prove, l’attività dietro le quinte, le interruzioni nella procedura, la costruzione, gli esercizi audio, le revisioni della sceneggiatura, le istruzioni del regista, il confronto e il conflitto. Attraverso Cesar ApollitoEdito in collaborazione con Diego LeguriE con l’aggiunta di alcuni ritagli di materiale d’archivio, il teatro si trasforma in un film. La scrittura è pulita e diretta, arricchita da un’affermazione che non sembra mai retorica. Basato sulla lavorazione del prodotto Gianluca ArcopentoE il Walter de Mago, Pacifico stesso e consultando Francesco Verdi, sceneggiatore di Massimiliano Pacifico Dario de Natale Mi è sembrato un “atto necessario” poiché Arcopento, insieme al fratello di Gelsomina e diverse associazioni napoletane, ha deciso di fondare nel 2014 il Gruppo MENA in onore di Gelsomina Verdi. “Lo dobbiamo alle persone che stanno ancora combattendo, perché lo Stato non l’ha ancora riconosciuta come vittima innocente”.

Green Gelsumina È un grande esempio di teatro e cinema civile che prende come punto di partenza una situazione specifica e, senza approfondire dettagli e concetti giuridici, riesce ad aprire una discussione più ampia sul pericoloso deterioramento del tessuto sociale in alcune regioni del sud Italia . Come ha sottolineato Maddalena Storniolo nel suo primo monologo, “Gelsomina mi ha insegnato a restare in posizione. Non muovermi. Perché è più facile operare. L’importante è restare senza soccombere alla rabbia. Riempire gli spazi vuoti. Fare rumore” .. È anche il ruolo del film.

READ  Il Bolzano Film Festival si sposta su Weighten tramite Internet

Green Gelsumina Prodotto da Lama Film e Bartleby Film con RAI Cinema, e disponibile in Italia su 1985 Piattaforma, con il permesso di Pablo.

(L’articolo continua qui sotto – informazione commerciale)

(Tradotto dalla lingua italiana)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.