Ramon Vega esorta Watford a firmare Ashley Young

Ramon Vega crede che il potenziale ritorno di Ashley Young a Watford sarà “romantico” per i fan dato il rapporto speciale del giocatore con il club dove tutto è iniziato per lui.

Young proveniva dai ranghi del Watford prima di diventare una leggenda al Manchester United attraverso un fruttuoso periodo all’Aston Villa.

La giovane squadra dell’Inter ha vinto il suo primo titolo di Serie A in undici anni, ma l’ex nazionale inglese ha faticato a ottenere il tempo della partita a San Siro, iniziando solo tre delle ultime 14 partite di campionato con l’allenatore Antonio Conte a cui Ivan Perisic ha spesso dato un annuisci a sinistra. – Apparve Wing.

Young, che compirà 36 anni a giugno, ha scaduto il contratto quest’estate con le intenzioni dell’Inter riguardo a un nuovo accordo poco chiaro e il Watford è interessato alle sue dimissioni.

L’ex Hornet, Vega, ha insistito sul fatto che l’età del terzino e la mancanza di tempo di gioco regolare non dovrebbero impedire al Watford di riportarlo a Vicarage Road, dove i giovani giocatori potrebbero beneficiare della sua esperienza.

Ma dal momento che il giocatore non è più nel pieno della sua giovinezza e gli anni migliori sono alle spalle, l’ex nazionale svizzero ritiene che il club non dovrebbe offrirgli più di un anno di contratto.

“Per Latford, non è un grosso rischio perché può aiutare i giocatori più giovani con la sua esperienza e per di più è un buon giocatore. Ama il club, ha iniziato lì la sua carriera e sa tutto del club. Per lui, è come tornare a casa e per i fan “, ha detto Vega. Sarebbe romantico.

READ  Il ritorno del calabrone che abbatte le barriere con la stessa facilità con cui entra ... Incontra Paulo Oudojo

“Ma non dovrebbero offrirgli un contratto per più di un anno perché ha 36 anni. Dovrebbero prima vedere come se la caverà fisicamente”.

Nonostante la sua ammirazione nella sua prima stagione all’Inter, l’influenza di Young sulla squadra è diminuita poiché ha trovato opportunità difficili da ottenere per la prima volta con Perisic, il corridore della Coppa del Mondo croato, che lo ha tenuto fuori dalla formazione titolare come Conte side ha proseguito la marcia verso il 19 ° Scudetto.

“Ho giocato in Italia e conosco la posizione degli italiani. Là è diverso. Per gli stranieri come Ashley Young, che non parlano italiano, potrebbe essere molto difficile. Inoltre, il calcio in Italia è molto più intenso di quanto non sia. in Inghilterra “, ha aggiunto Vega. Per un giocatore è molto difficile adattarsi tatticamente e tecnicamente alla cultura calcistica italiana, ma anche, in generale, ambientarsi in una squadra è difficile. Ma Young ha ancora qualcosa da dare al calcio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *