Questi paesi si uniscono agli Stati Uniti nello sfruttamento delle loro riserve petrolifere di emergenza

In una dichiarazione rilasciata martedì, la Casa Bianca ha affermato che Cina, Giappone, India, Corea del Sud e Regno Unito si uniranno all’iniziativa dopo settimane di discussioni per elaborare un piano per arginare l’aumento dei prezzi.

L’Agenzia internazionale per l’energia, che monitora le forniture globali di petrolio per conto delle principali economie mondiali, ha affermato di rispettare le decisioni prese dai singoli paesi sul “modo migliore per rispondere alle sfide e alle circostanze specifiche che ciascuno deve affrontare”.

“Riconosciamo che l’aumento dei prezzi del petrolio sta gravando sui consumatori e sta aumentando le pressioni inflazionistiche durante un periodo in cui la ripresa economica rimane irregolare e affronta una serie di rischi”, ha affermato l’agenzia in una nota.

stato unito Rilascerà circa 50 milioni di barili Dalla Strategic Petroleum Reserve, dove il petrolio dovrebbe arrivare sui mercati a dicembre. Ecco cosa sappiamo finora su ciò che stanno facendo gli altri paesi:

India

L’India ha accettato di rilasciare 5 milioni di barili, da concordare con gli altri cinque Paesi.

“L’India ha ripetutamente espresso la sua preoccupazione per l’adeguamento artificiale delle forniture di petrolio al di sotto dei livelli di domanda da parte dei paesi produttori di petrolio, portando a prezzi più elevati e conseguenti conseguenze negative”, ha affermato il governo indiano in una nota poco dopo l’annuncio della Casa Bianca.

Ha detto che molti governi statali indiani hanno già adottato “passi difficili” per ridurre le tasse locali sul carburante.

“Nonostante il pesante onere finanziario per il governo, [they] Ha aggiunto: “È stato preso per aiutare le persone”.

Corea del Sud

Il governo sudcoreano ha affermato in una dichiarazione che la dimensione e i tempi del rilascio delle sue riserve di petrolio sarebbero stati decisi attraverso consultazioni con altri paesi, ma ha affermato che ci si aspettava che fosse a un livello “simile ai precedenti casi di cooperazione internazionale”.

Durante la crisi libica nel 2011, quando la guerra civile ha interrotto le forniture globali di petrolio prima Porta offline fino a 1,8 milioni di barili al giornoHa affermato che la Corea del Sud ha rilasciato quasi 3,5 milioni di barili, ovvero circa il 4% delle riserve petrolifere del paese.

“Il governo sudcoreano ha deciso di partecipare alla proposta degli Stati Uniti per liberare le riserve di petrolio dopo aver tenuto conto della necessità di cooperazione internazionale per il recente forte aumento dei prezzi mondiali del petrolio e l’importanza di questo [South Korea]L’alleanza americana e la partecipazione dei principali paesi.

READ  Nicolo Zaniolo, amico di Maddalena Guinea, è bloccato in situazioni controverse! Cosa ha fatto nella galleria fotografica di Capodanno

Regno Unito

Il governo del Regno Unito ha dichiarato in una dichiarazione che consentirà alle aziende di “liberare volontariamente” riserve di petrolio fino a 1,5 milioni di barili, in quello che ha definito un “passo ragionevole e misurato per sostenere i mercati globali mentre emergono dalla pandemia”.

“Come abbiamo detto prima, lavoreremo a stretto contatto con i nostri partner internazionali per fare il possibile per sostenere l’economia globale durante la transizione post-pandemia”, ha affermato un portavoce del governo.

Cina

La seconda economia più grande del mondo e il più grande importatore di petrolio ha dichiarato venerdì alla CNN che stava lavorando a un rilascio strategico di petrolio. Un portavoce dell’amministrazione cinese per le riserve alimentari e strategiche ha affermato che la Cina “sta andando avanti con il lavoro sulla produzione di petrolio greggio in questo momento”.

Il portavoce ha rifiutato di commentare se la mossa fosse in risposta a una richiesta degli Stati Uniti di lavorare insieme per affrontare la crisi dell’approvvigionamento.

La CNN ha riferito Il mese scorso, la Cina non ha rilasciato molti dati sulle sue riserve petrolifere, ma nel 2017 ha affermato di aver istituito nove importanti basi di riserva in tutto il paese, con una capacità combinata di 37,7 milioni di tonnellate.

Giappone

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha detto ai giornalisti sabato che il suo paese “sta studiando cosa possiamo fare sulla base della nostra cooperazione con gli alleati” quando gli è stato chiesto della possibilità di liberare il petrolio dalle sue riserve in collaborazione con gli Stati Uniti e altri paesi.

Secondo la US Energy Information Administration, a giugno 2020 il Giappone aveva 388 milioni di barili di riserve strategiche totali di petrolio greggio. Ha detto che il 76% sono azioni del governo e circa il 24% sono azioni commerciali.

READ  Le aziende cercavano manager capaci di adattarsi a situazioni inaspettate

Le prospettive per gli Stati Uniti, e per altri grandi consumatori di energia, di rilasciare barili di emergenza hanno già contribuito a far scendere i prezzi del petrolio, almeno nel breve termine. Dopo aver superato gli 85 dollari al barile a fine ottobre, i prezzi del petrolio negli Stati Uniti sono scesi di circa il 10%. Questo, a sua volta, ha contribuito a frenare l’aumento dei prezzi della benzina.

Tentativo di coordinare dopo una decisione prima OPEC+ per ignorare le chiamate Per accelerare il recupero del gruppo dei rifornimenti tagliati al culmine dell’epidemia.

L’ufficio di Pechino della CNN, Manvina Suri, Emiko Jozoka e Yongong Seo hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *