Questa edizione di Lavoro e vita in Italia approfondisce la spiritualità afro-brasiliana di Simao Amista

Questa edizione di Lavoro e vita in Italia approfondisce la spiritualità afro-brasiliana di Simao Amista

N.d.R.: con il passare degli anni l’immigrazione verso altri paesi è diventata sempre più frequente, soprattutto per i nigeriani (e gli africani in generale). Jabba, chiamalo. Nelle prossime 10 settimane, Imo Ekanem, in collaborazione con BellaNaija Features, esplorerà com’è vivere in Italia come professionista africano.

Work & Life in Italy è una serie settimanale in cui parliamo di come gli africani vivono, lavorano, affrontano la discriminazione, ecc. Vi siete persi il terzo episodio con Kevin Bollier? Leggi qui.

La conversazione di questa settimana con Simão Amesta, italiano di origine afro-brasiliana nato in Brasile e cresciuto a Modena, Italia. Simao è il presidente della Millennium Society, che mira a diffondere le tradizionali filosofie africane e afrodisiache. È iniziato nel Candomblé di Quito, una tradizione spirituale afro-brasiliana della Matrice Yoruba. È un esperto di filosofie e tradizioni dell’Africa centro-occidentale e della diaspora americana, docente interculturale ed esperto di arte tradizionale dell’Africa occidentale.

Ciao Simao Amesta, grazie per esserti unito a noi oggi

Ciao, grazie per avermi ospitato.

Dacci uno sguardo al tuo background

Sono una persona adottiva. Afro-brasiliana, e quindi discendente da una grande diaspora e da una delocalizzazione forzata, chiamata anche schiavitù transatlantica. Quindi il mio bagaglio culturale e la mia affiliazione culturale sono molteplici. Sono stata cresciuta da genitori italiani e, anche grazie a loro, ho potuto nel tempo riconnettermi con la mia cultura nativa brasiliana e afro-brasiliana. Mi sono avvicinato alle mie radici africane e, nel tempo, alla spiritualità tradizionale chiamata Candomblé Quito, una tradizione afro-brasiliana di Matrice Yoruba.

Molto interessante. Quindi, com’era la vita in Italia come persona con molteplici affiliazioni culturali?

READ  Italia e Stati Uniti si qualificano agli spareggi

Non è stato facile. La società non ti rispecchia, e più scegli di vivere in contrasto con la norma – ad esempio vivendo e seguendo stili di vita o filosofie di vita afrocentriche – più la società si rivela ostile, proprio a questioni di diversa pelle colore. Durante i miei giorni a scuola, ho sperimentato il razzismo da parte dei miei compagni di classe e anche degli insegnanti. Nel calcio, questo mi è successo spesso. Anche dalla polizia nella mia vita quotidiana.

Come hai affrontato questa discriminazione?

A seconda della mia età e del momento storico della mia vita, ho agito in modi diversi. Ho iniziato a reagire in modo più efficace quando, col tempo, ho capito cosa significava essere neri e/o africani. Quando dico africano, non intendo specificamente nato nel continente, ma appartenente a una cultura africana o di origine africana. per me, Africa Non un colore ma una cultura. Così come si sente un occidentale – che sia nato in Francia, negli Stati Uniti o in Australia – una persona che vive la sua vita secondo schemi afro deve sentirsi africano ovunque viva o nasca. sospiroEssere consapevoli di se stessi, della propria storia e della propria cultura è essenziale per affrontare un mondo in cui il razzismo è strutturale.

In realtà! Raccontaci del tuo percorso professionale in Italia

La mia professione, i miei studi e il mio percorso lavorativo sono strettamente legati all’Africa e alle persone di origine africana. Sono un esperto di arte tradizionale africana e di filosofie e spiritualità dell’Africa occidentale e della diaspora africana nelle Americhe. Dal punto di vista artistico collaboro con musei, privati ​​ed enti del territorio italiano come il Black History Month di Firenze e altre associazioni. Sono anche insegnante e formatore di storia e filosofia interculturale, africana e afrodiscendente. Svolgo questa attività al Donald Study Center. J. Ottenberg è un libero professionista modenese.

READ  L'architetto di 'Palazzo Putin' dovrebbe pagare all'Italia una grossa tassa | Notizia

Questo è molto!

che esso.

Quali sono le sfide, le lezioni e i momenti importanti della tua carriera?

La sfida, soprattutto in ambito culturale e formativo/educativo, in relazione all’Italia, è il fatto di introdurre materie nuove, non sempre immediatamente comprese o ritenute essenziali/importate. La lezione ei momenti più importanti coincidono; Aver imparato a perseverare e a far capire quanto siano importanti certi temi e argomenti in Italia mi ha aiutato ad abbattere le barriere della diffidenza e a raggiungere anche luoghi inaspettati. Luoghi come l’Istituto Italiano di Cultura di Parigi dove sono stato chiamato a un convegno sulle culture africane in Italia.

wLi consideri gli ingredienti speciali della tua storia di successo?

Riassumerei tutto nella coerenza, nel rispetto della mia storia e dei miei antenati, nel voler conoscere e informare gli altri.

La mia storia ha iniziato a essere vincente quando mi sono riallineato con il mio nucleo mentre mi occupavo della mia storia, della mia cultura e dei miei antenati. Quando ho smesso di voler vivere una vita che non fosse la mia – una vita imposta da un mondo occidentale ed eurocentrico, quando ha pensato alle sue regole, valori e canoni estetici e morali, non ha pensato alla mia storia, alla mia cultura, la mia filosofia, la mia spiritualità e la mia estetica. I miei ingredienti segreti provengono da un’antica ricetta che proveniva dai miei antenati.

Quali piccole azioni possono intraprendere gli africani in Italia per aiutarli a prosperare?

Essere coerenti con se stessi, non avere obiettivi prefissati dagli altri, conoscere la propria storia per non farsi travolgere da ciò che gli altri pensano dell’Africa e degli africani, essere dinamici e avere spirito di adattamento.

READ  Austin stipula un accordo "storico" con Firenze, Italia

Quali sono le cose che gli africani che cercano di trasferirsi dovrebbero considerare?

L’Europa e l’Occidente in generale non sono la Terra Promessa. Che l’Africa e gli africani sono molto di più di quello che insegnano nelle scuole. Dobbiamo anche essere preparati e tenere conto delle regole legali e sociali dei paesi in cui vogliamo trasferirci.

Questi sono suggerimenti potenti! Grazie per essere parte di questo, Simao.

Grazie per avermi ospitato.

***

Molte grazie a Simao Amista per aver avuto questa conversazione con noi ea Imo Ekanem per aver reso possibile tutto questo. Guarda il prossimo episodio domenica prossima.

Vuoi essere presente sul sito web di BellaNaija o condividere i tuoi articoli con noi? Mandaci una email: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *