Gli alberi d’Italia offrono uno sguardo ai tempi antichi

Gli alberi d’Italia offrono uno sguardo ai tempi antichi

Un meleto tra le rovine dell’antica città romana di Ercolano. (Foto di Pam Baxter)

L’estate scorsa, quando io e mio marito abbiamo iniziato a programmare un viaggio in Italia all’inizio di ottobre, sapevo che c’erano alcuni punti salienti che volevamo vedere. Per quanto mi riguarda, con sei anni di storia latina e romana alle spalle, sapevo di voler visitare il Colosseo e il Foro. Nonostante Charlie avesse visitato l’Italia diverse volte, sapevo che avrebbe voluto visitare nuovamente i Musei Vaticani e la Basilica di San Pietro.

Tuttavia, da sempre amante degli alberi, avevo in mente una missione precisa: volevo vedere il particolare tipo di pino che Plinio il Giovane aveva usato per descrivere la colonna di fumo e cenere che vide levarsi dal Vesuvio il giorno di quel evento fatale avvenuto nel 79 d.C. che cancellò le principali città di Pompei ed Ercolano oltre a tutte le altre abitazioni della zona.

Dalla villa di sua madre al di là del Golfo di Napoli, Plinio aveva una visione in prima fila, anche se un po’ distante, del fenomeno, sebbene non avesse idea di ciò che stava realmente accadendo più di chiunque altro. Ad esempio, gli abitanti di Ercolano, che si godevano un cielo terso e soleggiato dalla loro parte del Vesuvio, non avevano idea che la colonna che vedevano in lontananza stava piovendo mortalmente pomice e cenere su Pompei e presto sarebbe diventata mortale per loro poiché BENE.

Ecco cosa scrive Plinio, in una lettera allo storico Tacito, che richiedeva un resoconto dell’evento:

“Il 24 agosto, verso l’una del pomeriggio, sono andato a chiamare mia madre [my uncle] Osservare una nuvola che appariva di dimensioni e forma davvero insolite. … Si alzò immediatamente e andò su un terreno più elevato dove poteva vedere meglio questo aspetto sconosciuto. C’era una nuvola, di una montagna incerta, che si alzava a questa distanza (ma risultò che veniva dal Vesuvio), e non posso darvi una descrizione del suo aspetto più accurata di quella di un pino. Un albero, perché si elevava a grande altezza sotto forma di un tronco molto lungo, e si estendeva dalla cima in quelli che sembravano rami…” *

READ  “Gli otto monti” guida i vincitori dei David di Donatello italiani 2023 | Notizia

Questo rapporto ha suscitato il mio interesse. Innanzitutto perché è l’unica testimonianza oculare conosciuta dell’eruzione. In secondo luogo, a causa del riferimento al pino. Volevo vedere quegli alberi! Fortunatamente ne ho avuto abbastanza perché questi alberi sono ovunque a Roma. Si trovano nel Colosseo, nel Foro, all’ingresso dei Musei Vaticani, nei Giardini Vaticani e lungo molte strade di Roma. Era anche facile capire perché Plinio usasse questo albero per descrivere la forma di un pennacchio di cenere vulcanica.

Il pino in questione è il pino domestico (Pinus pinia), detto anche pino domestico. (Da non confondere con il pino domestico giapponese Sciadopitys verticillata, che è un albero endemico del Giappone e non in realtà un pino, sebbene sia una conifera.)

Quindi, quando ho visto questi pini, ero molto felice e li ho spuntati dalla mia lista dei “must see”. Ma le rovine di Ercolano sono state per me una sorpresa. E in mezzo a tutte queste pietre – i muri di pietra, i pilastri di pietra, le strade lastricate di pietra – c’era un piccolo meleto recintato, con le mele che maturavano sui suoi rami. La nostra guida archeologica ci ha detto che in quel sito avevano trovato semi di mela e in laboratorio erano riusciti a far germogliare alcuni di essi. Hanno poi piantato piantine dove gli alberi originali erano cresciuti 2.000 anni fa. Questa è l’unica cosa che ha reso vivo per me il sito come un luogo reale, con persone reali che vivono la loro vita quotidiana.

*Se vuoi leggere le lettere complete di Plinio a Tacito sull’eruzione, vai a https://tinyurl.com/yc4yyx3w

READ  Sorpresa di primavera per la coppia italiana che si qualifica per il sorteggio principale del FIVB World Tour a Cancun

Pam Baxter è un’appassionata coltivatrice di ortaggi biologici che vive a Kimberton. Invia un’e-mail direttamente a [email protected] o invia una posta a PO Box 80, Kimberton, PA 19442. I libri per bambini di Pam – Grandi lezioni di vita dai piccoli segreti della natura e Sulla spiaggia del nonno nel Maine – sono disponibili su Amazon, su Amazon.com / autore/pamelabaxter.

Visualizza ulteriori informazioni sulle notizie sui media principali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *