Questa distilleria del sud del Colorado rivive il passato della famiglia Colorado

La sede futuristica della San Luis Valley Distillery. Immagine per gentile concessione di San Luis Valley Distillery
mangiare e bere

La San Luis Valley Distillery, che produrrà vodka con patate locali, quinoa e carote, onora la famiglia che ha ottenuto la prima licenza statale per vini e liquori.


Nick Chambers è cresciuto ascoltando storie sulla storia della sua famiglia italiana: come il suo bisnonno, Anthony Carboni, viaggiò dall’Italia all’America da preadolescente e nel 1903 avviò un’attività di successo a Denver per importare e vendere vino, pasta, olio d’oliva e altri generi di prima necessità.

Ma è stato solo molto più tardi, molto più tardi, quando Chambers aveva poco più di quarant’anni, che quelle storie hanno davvero iniziato a risuonare e hanno contribuito a far nascere un’idea nella sua mente. Ora, le tradizioni della famiglia Carbone servono da ispirazione per una nuova distilleria e centro comunitario a Mosca, una piccola comunità non incorporata nella contea di Alamosa, non lontano dall’ingresso del Parco Nazionale delle Great Sand Dunes.

Chambers, 44 anni, sta ristrutturando una palestra storica degli anni ’30 con la speranza di lanciare la distilleria della valle di San Luis la prossima primavera. Con la nuova impresa – che includerà una sala degustazione che serve cucina locale e venderà bottiglie di vino con la storica etichetta “Carbone Brand” della sua famiglia – spera non solo di onorare la sua eredità, ma anche di mostrare i prodotti agricoli coltivati ​​in Colorado e le pratiche di sostenibilità. Una volta che la distilleria sarà operativa, Chambers progetta di produrre vodka utilizzando patate, quinoa e carote coltivate nella zona; Gli spiriti porteranno il marchio della San Luis Valley Distillery (precedentemente chiamata Distilleria Del Valle).

READ  La startup rumena Frisbo espande le operazioni in cinque nuovi paesi e diventa la più grande rete di e-commerce in Europa con consegna il giorno successivo | InCont
vino di carbonio
Vino di carbonio. Immagine per gentile concessione di San Luis Valley Distillery

Nel frattempo, ha anche stretto una partnership con Palisade Winery Spettro Sauvage Per creare una collezione di vini rossi in etichette d’epoca bottiglie dei primi del ‘900 dal lavoro di suo nonno. Dopo la fine del proibizionismo nel 1933, lo stato concesse alla loro azienda la prima licenza di vino e liquori in Colorado. A. Carbone and Company è diventata la loro “Enoteca No. 1 Bonded”, un fatto che stampano con orgoglio su vecchie e ora nuove bottiglie di vino. Chambers prevede di vendere presto vino online e presso la distilleria, ed è anche in trattative per collaborazioni simili con altre cantine locali. “Una volta che ho raccontato loro la mia storia—”Ehi, questa è la licenza numero uno per i liquori del Colorado”—erano davvero curiosi, e la storia va molto lontano”, dice Chambers.

Il bisnonno di Chambers, Anthony Carboni, è cresciuto ad Avellino, in Italia, dove la sua famiglia possedeva un vigneto. Dopo la morte di suo padre, Anthony si trasferì a Boston per vivere con i suoi parenti quando aveva 11 anni. Alla fine è diventato uno sviluppatore immobiliare e ha creato una famiglia con cinque figli. Si trasferì in Colorado e nel 1903 fondò la A. Carbone and Company, un’azienda italiana di importazione e distribuzione di prodotti alimentari e vino. Quando Anthony morì, suo figlio maggiore, John, assunse la gestione dell’azienda, che sopravvisse al proibizionismo, scoppiò un grave incendio nel magazzino dell’azienda in Wasy Street e, secondo la leggenda di famiglia, anche minacce di mafia. Chambers afferma che l’azienda era un tempo il più grande distributore di vino e liquori a ovest del Mississippi.

READ  Muncy Bank Financial, Inc. Assumi un nuovo manager | Notizie, sport, lavoro

I Carbones vendettero l’azienda nel 1953, ma mantennero il nome, motivo per cui Chambers riuscì a rivitalizzare il marchio. “Sono felice e pieno di gioia perché vuole onorare la nostra famiglia nel modo in cui lo fa, e so che se mio padre fosse qui, sarebbe molto orgoglioso di tuo figlio – e siamo tutti così orgogliosi di tuo figlio”, dice la madre e socia in affari di Chambers, Claudia Carboni (figlia del compianto John Carbone).

Per Chambers, che lavora nella distribuzione di cibo locale e insegna al Santa Fe Community College, la distilleria aiuterà anche a sensibilizzare la gente del posto e i turisti che visitano le dune sui meravigliosi agricoltori, coltivatori e produttori di cibo della valle. Chambers spera anche che il sito serva da modello e centro educativo per pratiche sostenibili. Ha in programma di incorporare quanta più tecnologia possibile per le energie rinnovabili, compresa l’energia solare, la digestione anaerobica dei rifiuti alimentari e la gassificazione dei trucioli di legno.

“Costruire una distilleria e collegarla con propano ed elettricità non è stato molto interessante per me”, afferma Chambers, che sta anche lavorando con i suoi fratelli Dave e Mike al nuovo progetto. “Voglio che sia un luogo in cui possiamo dimostrare la nostra capacità di risparmiare calore ed energia e gestire alcune operazioni commerciali leggere e rendere le persone consapevoli di come l’energia si muove e scorre attraverso le nostre vite e come trattarla con rispetto. Sì, potremmo serviamo cocktail nei fine settimana, ma nei giorni feriali potremmo organizzare tour per i bambini delle scuole.”

Soprattutto, la distilleria – che è stata inserita nel registro storico dello stato nel settembre 2020 – vuole essere un luogo di ritrovo della comunità. “Vogliamo fare qualcosa per tutti”, dice. “Mamma e papà e i bambini, vecchi e giovani che bevono, non bevono. Diventeremo un punto caldo freddo. È un’esperienza. Soprattutto di questi tempi, l’unica cosa che non puoi copiare o mettere online è le esperienze. Sarà una destinazione.”

READ  Le elezioni federali potrebbero non avere un chiaro vincitore lunedì sera: ecco perché

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *