Questa directory online crea spazio per le aziende di proprietà di neri a Toronto

Black Owned Toronto è passata da un popolare account Instagram a una directory online, un business center e presto un negozio fisico a Scarborough.


Keren John ha trasformato il suo account Instagram di Black Owned TO in una directory ricercabile online.

Quando Keren John ha aperto un account Instagram per evidenziare le attività commerciali locali di Toronto Black a maggio dello scorso anno, non aveva idea di quanto velocemente l’idea sarebbe decollata.

Poco dopo, l’omicidio di George Floyd da parte della polizia di Minneapolis ha riacceso un movimento di protesta globale sulle vite di importanti neri. Con la circolazione delle risorse online, le persone iniziano a fare affari e commerciare Elenchi di società di proprietà nera. E John’s Black di proprietà di Toronto di settimane fa (@ blackned.toL’account è esploso con nuovi follower e post.

“Non mi aspettavo che questo crescesse molto rapidamente e all’inizio non avevo molti grandi progetti”, dice John, che proviene da un background di grafica e fotografia. “Una volta capito quanto fossero enormi i miei follower, ho pensato, beh, ora devo fare qualcosa con questo.”

Nei mesi che seguirono, Black Owned Toronto si trasformò in un Directory in linea ricercabile, Un business center e un negozio online con venditori che producono cibo, gioielli, cura dei capelli, vestiti, giocattoli e altro ancora. C’è uno spazio studio conveniente per fotografi neri e persone creative. Organizza eventi (online o eventualmente di persona) e una directory proprietaria di leoni in Canada.

Il 29 maggio, John aprirà anche uno spazio di vendita fisico per Black Owned Toronto nel centro di Scarborough. Ora sta cercando fornitori per il vasto spazio e afferma che sarà in grado di aumentare la sua capacità di vendita da 20-30 fornitori a 250-300. Offriranno anche la consegna, come fanno ora.

READ  Call center in tempi di flessibilità

John dice di aver avviato Instagram perché ha deciso di sostenere da sola più aziende di proprietà di neri, ma ha avuto difficoltà a trovarla a Toronto.

“Sento che Toronto è una città unica in quanto abbiamo una grande popolazione nera”, dice. “Gli immigrati dai Caraibi e dall’Africa portano molta cultura”. “Ma ci manca lo spazio assegnatoci, soprattutto con la scomparsa di Little Jamaica”.

Quindi, Black Owned Toronto crea lo spazio più ampio possibile – sia letteralmente che figurativamente – per supportare il business dei neri, che John vede essere molto più profondo del semplice fare vendite. È legato alla storia e al razzismo sistemico.

“Storicamente non abbiamo la stessa quantità di risorse, ricchezza e supporto delle altre razze”, dice. Storicamente ci sono stati negati prestiti, alloggi e opportunità. Siamo ancora privati ​​di posti di lavoro basati sulla nostra razza, i nostri capelli e il modo in cui parliamo “.

“Quando sostieni aziende di proprietà nera, ci dai la possibilità di sostenerci da soli”, dice. “Siamo in grado di creare più posti di lavoro e opportunità, siamo in grado di assumere più persone nelle società nere e possiamo trasferire affari alle nostre famiglie. Questo è importante anche perché la ricchezza generazionale è qualcosa che molti di noi non hanno”.

“Contribuisci a costruire le nostre comunità”.

Incorpora un Tweet


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *