Potrebbe raggiungere quota 20.000 il bilancio delle vittime dell’alluvione di Derna in Libia: sindaco | Notizia

Potrebbe raggiungere quota 20.000 il bilancio delle vittime dell’alluvione di Derna in Libia: sindaco |  Notizia

I residenti della devastata città libica di Derna hanno cercato i loro parenti scomparsi, mentre i soccorritori hanno chiesto più sacchi per cadaveri, dopo le catastrofiche inondazioni che hanno ucciso migliaia di persone e ne hanno trascinate molte in mare.

Vaste zone della città mediterranea sono state distrutte da un torrente d’acqua provocato da un forte temporale che domenica sera ha spazzato il letto di un fiume solitamente asciutto, facendo crollare le dighe sopra la città. Gli edifici a più piani sono crollati con le famiglie che dormivano all’interno.

Mercoledì, il portavoce del Ministero dell’Interno, il tenente Tariq Al-Kharraz, ha dichiarato all’Agence France-Presse che finora nella città mediterranea sono stati registrati 3.840 morti, di cui 3.190 già sepolti. Tra loro c’erano almeno 400 stranieri, la maggior parte provenienti dal Sudan e dall’Egitto.

Nel frattempo, Hisham Abu Shekiwat, ministro dell’Aviazione civile nell’amministrazione che governa la Libia orientale, ha dichiarato all’agenzia di stampa Reuters che finora sono stati contati più di 5.300 morti e che il numero è destinato ad aumentare in modo significativo e forse a raddoppiare.

Il sindaco di Derna Abdel Moneim al-Ghaithi ha dichiarato al canale televisivo Al Arabiya di proprietà saudita che il numero stimato di morti nella città potrebbe essere compreso tra 18.000 e 20.000, in base al numero di aree distrutte dalle inondazioni.

Vista che mostra un’auto danneggiata [Esam Omran Al-Fetori/Reuters]

Mahmoud Abdel Karim, residente a Derna, ha detto al giornalista Moataz Ali a Tripoli di aver perso sua madre e suo fratello, dopo che non sono riusciti a evacuare in tempo il loro appartamento al primo piano dopo il crollo di una diga.

“Si è rifiutata di lasciare il suo posto… Non immaginava che la situazione sarebbe stata così terribile e glielo ha detto [Abdulkarim] “Era semplicemente una pioggia normale”, ha detto Ali durante un evento organizzato per la comunità Darwani a Tripoli.

READ  Una persona è stata uccisa la terza notte di attacchi di droni russi a Kiev | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Secondo Abdul Karim, quando sua madre e suo fratello hanno finalmente deciso di lasciare il loro appartamento, sono stati travolti dalle acque dell’alluvione proprio mentre raggiungevano le strade per scappare.

Mabrouka Al-Mismari, una giornalista che ha potuto lasciare Derna martedì, descrive la città come un “disastro su vasta scala”. “Non c’è acqua, elettricità e benzina”, ha detto ad Al Jazeera. “La città è stata rasa al suolo”.

Ha aggiunto che gli edifici residenziali che ospitavano le famiglie sono stati spazzati via dall’acqua. “C’è un’ondata di sfollamenti mentre le persone cercano di fuggire da Derna, ma molti sono bloccati perché molte strade sono chiuse o sono scomparse”, ha detto Al-Mismari, aggiungendo che alcune famiglie si sono rifugiate nelle scuole.

Le autorità stimano a diecimila il numero delle persone scomparse. L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari ha affermato che il numero è di almeno cinquemila.

Vestiti, giocattoli, mobili, scarpe e altri oggetti erano sparsi sulla spiaggia a causa del torrente.

Le strade erano coperte di fango profondo e disseminate di alberi sradicati e centinaia di auto distrutte, molte delle quali ribaltate su un fianco o sul tetto. Una delle auto è rimasta bloccata sul balcone del secondo piano di un edificio distrutto.

La devastazione è visibile dai punti più alti sopra Derna, dove il centro cittadino densamente popolato, costruito lungo il letto di un fiume stagionale, è diventato un’ampia e piatta mezzaluna di terra con distese di acqua fangosa che brillano al sole. Gli edifici furono spazzati via.

Sforzi di salvataggio

Il sindaco di Derna Al-Ghaithi ha detto che squadre di soccorso sono arrivate da Egitto, Tunisia, Emirati Arabi Uniti, Turchia e Qatar.

READ  Il nuovo video dei droni mostra veicoli militari e forze russe in Bucha Street disseminati di cadaveri di civili

Ha detto: “In realtà abbiamo bisogno di squadre specializzate per recuperare i corpi”. “Temo che la città venga contagiata dall’epidemia a causa del gran numero di corpi sotto le macerie e nell’acqua”.

Charles Stratford di Al Jazeera, riferendo da Bengasi, ha detto che l’ospedale da campo fa parte del contributo del Qatar a “quello che sembra essere un crescente sforzo di aiuto internazionale per la Libia”.

“Questo è uno dei tre aerei cargo militari del Qatar che dovrebbero arrivare a Bengasi oggi”, ha detto Stratford.

Membri della Mezzaluna Rossa libica salvano le auto dalle inondazioni [Handout/Libya Red Crescent via EPA]

Stratford ha affermato che gli aiuti includono anche “attrezzature mediche, medicine, cibo e tende”. “Tutti gli aiuti verranno trasferiti qui a Derna il più rapidamente possibile”.

Inoltre, Malik Trina di Al Jazeera, riferendo da Tripoli, ha detto che c’è stata un’ondata di sostegno da parte degli stessi libici da tutto il Paese.

“Non vedevamo questo tipo di unità da molti anni qui nel paese”, ha detto Trina.

Ha aggiunto che grandi convogli governativi che trasportavano attrezzature dalla Libia occidentale sono arrivati ​​a est. Anche convogli di volontari carichi di aiuti si stanno dirigendo verso est.

“Ora vediamo anche volontari e persone che offrono tutto ciò che possono: acqua, cibo, medicine, qualsiasi cosa possano fornire”.

Le operazioni di salvataggio sono complicate dalle profonde divisioni politiche nel Paese di sette milioni di abitanti, privo di un forte governo centrale e teatro di guerre intermittenti sin dalla rivolta sostenuta dalla NATO che ha deposto Muammar Gheddafi nel 2011.

Il governo di unità nazionale riconosciuto a livello internazionale ha sede a Tripoli, a ovest, mentre un’amministrazione parallela opera a est, inclusa Derna.

READ  La donna che ha aiutato i nuovi arrivati ​​ucraini mette in dubbio il programma di reinsediamento della contea

Sono emerse critiche nei confronti delle autorità locali nella Libia orientale, comprese quelle di Derna, dove alcuni hanno affermato che i residenti locali non erano stati informati della necessità di evacuare prima che il torrente d’acqua scorresse attraverso la città.

Ma mercoledì Al-Ghaithi ha insistito affinché i residenti fossero informati prima che si verificassero le inondazioni.

Ha detto: “Abbiamo preso tutte le precauzioni e informato… i residenti delle zone della possibilità che si verificasse un disastro, e abbiamo allestito un pronto soccorso… e le forze di sicurezza hanno svolto il loro dovere”.

Ulteriori segnalazioni da Moataz Ali a Tripoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *