Perché Cristiano Ronaldo è negli occhi degli assassini dei colossi italiani mentre continuano la loro corsa alla Coppa del Mondo

“Preparati, Cristiano, sei il prossimo!”. Il presidente della Macedonia del Nord Stevo Pendarovsky potrebbe aver scherzato a metà dopo aver visto la sua squadra condannare l’Italia per la seconda assenza consecutiva in Coppa del Mondo, ma il Portogallo non aveva dubbi sul fatto che non avrebbe potuto gestire facilmente la finale di martedì.

“Questi giochi non sono uno scherzo”, ha avvertito il presidente Fernando Santos. “E’ come una finale e tutto può succedere… La squadra che va in Italia e batte i campioni d’Europa non ha bisogno di presentazioni”.

Questa non è la prima volta che la nazione, diventata indipendente nel 1991, sale alla ribalta. La loro prima partita ufficiale si tenne nel 1993, quando il capocannoniere Goran Pandev aveva già 10 anni.

A metà degli anni 2000, era alla guida di una squadra (che gioca ancora con il suo vecchio nome Macedonia) che ha impressionato il mondo con una sconfitta per 1-0 contro l’Inghilterra, arrivando sulla linea di porta per un pareggio nel finale. Peggio ancora è stata la campagna di qualificazione a Euro 2008 di Steve McClaren quando si è recato all’Old Trafford per affrontare una squadra che includeva Wayne Rooney, Steven Gerrard e Frank Lampard e se ne è andato con un pareggio a reti inviolate.

più di calcio

L’avanzamento non è stato un processo lineare e, sebbene ora siano sull’orlo della qualificazione per i principali tornei successivi dopo aver raggiunto Euro 2020 tramite le qualificazioni, ci sono stati anche dei minimi.

John Toshack ha vinto solo una delle sue otto partite in carica tra il 2011 e il 2012 e il suo regno è terminato in successione a causa del suo rifiuto di trasferirsi nei Balcani – che considerava “un po’ uno scherzo, dato che il 95% della squadra era con sede fuori dalla Macedonia”.

READ  Il Barcellona è stato scioccato dal Cadice nella Liga mentre il Napoli subisce un duro colpo al titolo italiano con un pareggio con la Roma | notizie di calcio

Se c’è stato un aspetto positivo dal suo periodo in carica, è stata l’attenzione del gallese sull’inserimento di una nuova generazione, incoraggiata dall’improvviso interesse per le accademie di Real Madrid e Barcellona per il giovane talento macedone.

Ora stanno affrontando una battaglia simile, sperando di dimostrare di essere più di un semplice Pandev. Tosh aveva ragione. Ora, quasi tutti i loro giocatori internazionali si trovano in altri paesi e la comprensione dei principali campionati europei è stata fondamentale per il loro sviluppo.

Storie correlate

Alexander Trajkovsky ha segnato 92 golseconda abbreviazioneVincitore del minuto contro l’Italia, ha trascorso quattro anni nel campionato italiano con il Palermo. Ilya Nestorowski è con l’Udinese dal 2019 ed Elif Elmas è uno dei centrocampisti più emozionanti del Napoli. Ci raccontava come l’allenatore Blagoga Milevsky ha riassunto la sua ultima uccisione da gigante: “Abbiamo vinto all’italiana, contro gli italiani”.

Trajkovski festeggia il gol contro l’Italia che ha mandato la Macedonia del Nord in finale con il Portogallo (Immagine: GETTY)

Poi ci sono Stole Dimitrievski (Rayo Vallecano) e Darko Churlinov (Schalke), che si sono avventurati rispettivamente in Spagna e Germania.

Il pioniere è stato Darko Banchev, che ha segnato il calcio di rigore vincente nella finale di Coppa dei Campioni 1991 con la Stella Rossa Belgrado, ma è stato superato in notorietà da Pandev, che è stato il primo giocatore della Macedonia del Nord a segnare 100 gol in uno dei primi cinque europei. Leghe di calcio.

Adesso la guardia sta cambiando. Da quando Pandev si è ritirato alla fine di Euro 2020, in cui la Macedonia ha perso tutte e tre le partite, l’ex ala del Leeds Ezjan Alewski è diventato uno dei loro campioni veterani.

Milevski sta gradualmente cercando un gruppo di stelle più giovani, incarnate da Elmas, che ora sono al 67esimo posto nella classifica FIFA. È abbastanza bello di per sé quando sono caduto solo cinque anni fa al 166esimo.

Storie correlate

Cristiano Ronaldo è un riflesso dell’identità moderna del Manchester United: una brillantezza individuale che nasconde profondi difetti

Il fatto che la Macedonia del Nord stia costantemente sviluppando la sua reputazione non significa diminuire la riluttanza a battere l’Italia.

Un anno fa, quando hanno battuto la Germania – la prima sconfitta della Die Mannschaft in una partita di qualificazione ai Mondiali in 20 anni – alcuni hanno chiesto a Joachim Low di dimettersi presto. “È finita, Joji”, gli ha detto la stampa. Tale è stato l’imbarazzo di perdere contro uno dei più grandi calciatori d’Europa, un paese di appena 1,8 milioni di persone, un quarto delle quali vive in una sola città.

Il Ct dell’Italia Roberto Mancini si trova ora di fronte a domande simili e Santos è determinato a non essere il prossimo, esortando i suoi giocatori a “mostrare per la Macedonia del Nord lo stesso rispetto che abbiamo per l’Italia”.

Il capitano Stefan Ristovsky pensa di meritarselo. “Possiamo battere il Portogallo? Sì, vinceremo. Faremo di tutto per vincere e lo faremo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.