Home / Politica / Parco del Matese, finalmente la perimetrazione

Parco del Matese, finalmente la perimetrazione

Finalmente arriva la perimetrazione dell’area matesina per il Parco Nazionale del Matese. La relativa proposta è stata approvata dalla giunta regionale. Il territorio oggetto di proposta si estende su circa 263 Km2, abbraccia 17 comuni e conta una popolazione complessiva di 44.681 unità . Il Parco, oltre a garantire l’equilibrio dell’ambiente, punta anche al sostegno e alla valorizzazione delle imprese agroalimentari di qualità che, queste, tuttavia, stentano ad esprimersi in un’area più ampia del mercato locale per la quasi totale mancanza di filiere, di certificazioni, di innovazioni, di attività di trasformazione e di adeguate forme di commercializzazione. Un marchio del Parco del Matese potrebbe garantirne il sostegno nel marketing. Oggi, infatti, la quasi inesistente valorizzazione del territorio, un debole rinnovamento generazionale nel settore economico e un’insufficiente riqualificazione imprenditoriale, non portano valore aggiunto alle imprese agricole, agroalimentari, turistiche ed artigianali presenti sul territorio . I prodotti, pure, di eccellenza dell’area non sono conosciuti e valorizzati a causa della bassa vocazione all’associazionismo e della scarsa propensione all’innovazione . Il Matese è ricco di prodotti agroalimentari (prodotti caseari, carni, ortaggi, legumi, insaccati), che purtroppo hanno avuto nel corso del tempo evidenti difficoltà ad incanalarsi in nuovi sbocchi di mercato. A questo si aggiungono inadeguati servizi di accompagnamento alla costituzione di nuove imprese ed al potenziamento di quelle esistenti. La creazione di una struttura parco, quindi, potrebbe fungere da volano per il sostegno anche alla crescita di queste piccole aziende che rappresentano qualità ed eccellenza.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Iorio: 4 corsie, bocciata la proposta. La Giunta regionale dimentica il progetto dell’autostrada

Dopo la farsa del Trasporto Pubblico Locale che il Consiglio regionale è riuscito a bloccare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *