Pajari sale alla WRC2 Fabia in Italia

Il 20enne finlandese guiderà la Skoda Fabia Rally 2 della squadra vincitrice del titolo mondiale Toksport alla sua prima corsa nella 1a categoria Support del FIA World Rally Championship.

Dopo aver vinto il titolo juniores lo scorso anno, Bagary ha deciso di non accettare il premio per la promozione WRC2. Ha invece scelto di acquisire un altro anno di esperienza entry-level quando la serie è passata da una Ford Fiestas a due ruote a una versione Rally3 della trazione integrale M-Sport Poland.

Le impegnative piste di ghiaia della Sardegna saranno la prima uscita internazionale di Pajari nella classe 2 di auto da rally. Ha guidato la sua Fiesta R5 d’epoca al quarto posto all’Auto Sorsa Riihumäki-Rally nel suo paese d’origine a febbraio.



“Non ho fissato un obiettivo specifico per il risultato, l’importante è vedere il mio ritmo migliorare e acquisire più esperienza durante l’evento”, ha spiegato Pajari.

“Tuttavia, stiamo cercando di individuare dei bei momenti ad un certo punto. Abbiamo avuto il primo accesso in macchina lunedì della settimana di gara quando ci dirigiamo per alcuni test adeguati.

“Stiamo pianificando altri eventi di Rally2 più avanti nella stagione, ma quei piani non sono ancora stati fissati nella pietra”.

Davanti all’Italia, Bagari tornerà nel Campionato FIA Junior WRC per il terzo round del Vodafone Rally de Portugal (19-22 maggio), dove difenderà anche la sua leadership nel Campionato del Mondo WRC3, che si corre a fianco la serie Junior.

Il Rally della Croazia per i finlandesi si è concluso con grande tristezza

I problemi di pompaggio del carburante in Svezia, combinati con un incidente in Croazia, significano che attualmente è a 22 punti dai leader Laurie Jona e John Armstrong. Nonostante questo, il giovane rimane ottimista sulle sue speranze di campionato.

READ  Primi Ministri di Italia e Libia per lavorare insieme su migrazione ed energie rinnovabili

“Sinceramente non siamo molto lontani dalla vetta [of the championship]”Ci restano tre turni e poi abbiamo punti extra disponibili nell’ultimo turno.

“Penso che se riusciamo a stare abbastanza vicini, il round finale probabilmente farà comunque la differenza. Non credo che nulla sarà chiaro prima del recente rally perché ci sono molte cose che possono succedere”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.