Ora possiamo vedere crateri permanentemente in ombra sulla Luna

Ora possiamo vedere crateri permanentemente in ombra sulla Luna

Uno strumento chiamato ShadowCam fornisce alle missioni Artemis pianificate dalla NASA sulla Luna alcune viste avanzate del sito di atterraggio. È stato installato sul Danuri Korea Lunar Pathfinder, che è stato inviato sulla luna l’anno scorso. Di recente, questa straordinaria fotocamera ha restituito alcune immagini molto dettagliate delle regioni polari nord e sud della Luna.

Uno sguardo fissa il cratere Shackleton profondamente ombreggiato. Mostra il percorso di una roccia che è scivolata da una sporgenza. Questo cratere da impatto si trova in cima al polo sud della Luna. Risale a un impatto antico circa 3,6 miliardi di anni fa. L’interno di Shackleton è profondo 12 chilometri in ombra permanente. Cioè, il sole non splende mai al suo interno. Tuttavia, le montagne ai suoi margini sono sempre alla luce del sole.

Questa fa parte di una delle prime immagini di ShadowCam dall’orbita lunare del muro e del pavimento permanentemente in ombra del cratere Shackleton, che è stato trovato vicino al polo sud. La freccia indica il percorso di un masso che è rotolato lungo la parete del cratere. L’osservazione di queste tracce aiuta gli scienziati a caratterizzare la forma della roccia, la velocità e le proprietà della regolite, il che fa avanzare la nostra comprensione delle proprietà geotecniche della luna. Il corridoio è lungo diverse centinaia di metri. Per gentile concessione: NASA/KARI/ASU

La ShadowCam è 200 volte più sensibile alla luce rispetto alla maggior parte delle altre fotocamere utilizzate per studiare e mappare la Luna dall’orbita. Le sue immagini ad alta risoluzione forniranno una grande quantità di informazioni ai pianificatori della missione Artemis.

ShadowCam può vedere abbastanza bene all’interno di Shackleton e di altri crateri grazie a Earthshine. Utilizza anche la luce riflessa dalle montagne vicine e dalle pareti del cratere che ricevono la luce solare diretta. Alcune delle immagini di ShadowCam sono state scattate durante una luna nuova, quando la luce solare intensa dalla superficie terrestre raggiunge la Luna. Queste fonti di “luce riflessa” non sono così luminose, ma ShadowCam è stata in grado di rilevarle.

READ  Gli scienziati creano un progetto di citizen science per aiutare a trovare gli asteroidi terrestri nelle vicinanze

Shackleton: un interessante cratere lunare

La NASA e altre agenzie che fanno atterrare gli astronauti sulla luna vogliono esplorare la regione polare del cratere Shackleton perché ci sono buone probabilità che contenga depositi di ghiaccio d’acqua. Nel corso degli anni, gli orbiter lunari hanno studiato e mappato questa regione. Hanno studiato il regime di radiazione e le proprietà fisiche delle rocce e dei crateri lì. Sembra esserci abbondanza di idrogeno, ossigeno, silicio, ferro, magnesio, calcio, alluminio, manganese e titanio nell’area.

Aristarchus Crater visto su Earthshine durante la luna nuova.  È molto probabile che gli astronauti in superficie possano farsi strada solo attraverso la luce della luminosità della Terra.  Credito: NASA/KARI/ASU
Aristarchus Crater visto su Earthshine durante la luna nuova. È molto probabile che gli astronauti in superficie possano farsi strada solo attraverso la luce della luminosità della Terra. Credito: NASA/KARI/ASU

I futuri esploratori possono individuare impianti di lavorazione delle risorse nell’area per estrarre materiali per la costruzione e altre attività. Inoltre, grazie alla sua condizione di ombra permanente, quest’area offre un luogo ideale per future osservazioni astronomiche. Tutta questa attività cade più in basso, dopo che Artemis III ha fatto atterrare i suoi astronauti in superficie. La loro prima missione durerà solo pochi giorni, il tempo sufficiente per iniziare uno studio approfondito di questa affascinante regione della Luna.

I piani della missione Artemis coprono una varietà di basi, dalle opportunità di scoperte scientifiche e vantaggi economici, ma anche perché le nuove generazioni di esploratori torneranno sulla luna, più di mezzo secolo dopo la partenza degli ultimi esploratori. Le missioni Artemis fanno parte di uno sforzo di collaborazione internazionale che coinvolge la NASA, il Canada, l’Agenzia spaziale europea e altri. Per non essere da meno, la China National Space Administration ha puntato gli occhi sulla Luna. Recentemente hanno annunciato missioni che potrebbero portare i primi esploratori sulla superficie lunare più avanti nel decennio.

per maggiori informazioni

Le immagini ShadowCam della NASA della regione del polo sud lunare
Missioni di Artemide

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *