‘One Woman Factory’: la mania dell’albero di ceramica tiene occupato il Natale

Quando varchi la porta sul retro della casa di Edna Meisner a Blandford, NS, troverai un laboratorio che può rivaleggiare con quelli dei jeans di Babbo Natale.

Gli scaffali delle creazioni in ceramica sono nascosti in un piccolo spazio, mentre le luci brillano da ogni angolo della stanza.

Ci sono alberi di Natale in ceramica verde, bianchi e alcuni anche rosso pervinca, rosso ciliegia, rosa zucchero filato e blu notte. Alcuni sono lucidi. Altri brillano di neve fatata.

C’è ancora più bellezza da trovare in tutta la stanza: scintillanti vetrate sulle cappelle, intricate scene di meraviglie invernali e giocoso Babbo Natale.

Ma sono gli alberi di ceramica che fanno tornare le persone ogni anno.

Un punto fermo in molte case, grazie a uno o due strati di ceramica realizzati da molte nonne 50 anni fa, gli alberi sono ora disponibili in posti come Canadian Tire come Il ritorno della nostalgia zina.

Meisner dipinge tutti i suoi disegni e dice che spesso riceve complimenti dagli occhi dei suoi personaggi. (Emma Davey/CBC)

“Le persone sono fanatiche di questi alberi ora. È come il cioccolato, non puoi fermarti a uno”, ha detto Meisner, osservando che le persone spesso acquistano più alberi contemporaneamente.

In attività da 34 anni

È la proprietaria dei tesori di porcellana di Edna. Per 34 anni, Meisner ha venduto centinaia di alberi di ceramica, bambini delle nevi e altre decorazioni natalizie. Ognuno è stato progettato, realizzato e dipinto da lei stessa.

“È una fabbrica di una signora di un tempo e mezzo”, ha detto, ridendo.

Quello che era iniziato come un hobby per Meisner, è sbocciato nel corso degli anni in un’azienda e l’ha resa un appuntamento fisso nei mercatini di Natale delle Marittime.

“Mi stupisce ancora che la gente voglia comprare le cose che ho fatto”, ha detto. “Scommettevo, non scommettevo, ma stavo per scommettere che non sarei stato in grado di sostenermi”.

Meisner realizza fino a 250 alberi di ceramica in una stagione e centinaia di altri suoi design. (Emma Davey/CBC)

Tre decenni fa, Meisner si iscrisse a un corso di ceramica per fare qualcosa. Dopo un anno di gioco con l’argilla, ha deciso di spendere $ 10 su un tavolo in una piccola fiera dell’artigianato per vedere cosa poteva vendere.

“Beh, ho guadagnato $ 100 e pensavo di essere ricco. Mi ha attirato così tanto.”

Da lì le cose si sono moltiplicate. Ho partecipato a spettacoli sempre più grandi e alla fine sono arrivato a quello che gli artigiani chiamano “The Beast: The Halifax Forum”.

“Ho clienti da 30 anni. I loro figli ora hanno figli che sono clienti. Sono tipo, ‘Okay, sto invecchiando!'” “

Meisner dice che dice sempre ai suoi clienti la stessa cosa: “Faccio ogni pezzo come se lo tenessi per me”.

settimane da fare

Fare artigianato in ceramica è un’attività delicata, ma è anche disordinata.

Il processo inizia con un modello. A un certo punto Meisner aveva 2.500 stampi diversi, ma durante la pandemia ha svolto alcune pulizie e quel numero è ora molto più basso.

Gli stampi vengono riempiti di argilla, lasciati riposare, quindi puliti, asciugati e messi in forno per sette ore. Ma non puoi aprire il forno per altre 20 ore.

Si stima che occorrono dalle due alle tre settimane dall’inizio alla fine a causa del tempo di asciugatura completo. Ma Meisner non lavora mai in uno solo e ha costantemente un mucchio di elementi in diverse fasi del processo.

Sulla destra c’è un albero di ceramica prima che le cuciture fossero levigate. A sinistra, vengono praticati dei fori per le luci, cosa che Meisner fa con una cannuccia. (Emma Davey/CBC)

Man mano che mi sentivo più a mio agio con il fango lunatico occasionale, Meisner diventava anche più creativo.

Su richiesta di un cliente, ha ramificato i suoi alberi verdi e bianchi e ha realizzato un albero blu. È stato un successo.

Ora fa alberi con i colori dell’arcobaleno. Qualsiasi colore tu possa immaginare, lei può farlo.

Dice che gli alberi di porcellana sono particolarmente “esplosi” negli ultimi anni. Fino al 2019, produceva da solo da 200 a 250 alberi in una stagione.

Difficile fare provviste

Ma allo stesso tempo, ottenere rifornimenti sta diventando sempre più difficile. Meisner era in grado di avere tutto in Nuova Scozia, ma ora tutto deve essere ordinato dall’Ontario e dall’estero. La pandemia ha reso più difficile l’accesso ai materiali.

Era anche preoccupata che ciò significasse che i suoi clienti sarebbero scomparsi.

“Penso sempre di essere così dimenticato. E nessuno lo ricorderà. Quando è iniziata la pandemia, quella era la fine. Che potessi ottenere rifornimenti o meno, quella era la fine”, ha detto.

Ma da ottobre fino a Natale dell’anno scorso, e anche quest’anno, ho lavorato senza sosta. Le persone hanno persino iniziato a fare domanda nei mesi estivi.

I bambini di neve sono un altro articolo Meisner popolare. (Emma Davey/CBC)

Poi quest’anno, con un po’ di incoraggiamento da amici interessati e promotori dello spettacolo, ho deciso di partecipare di nuovo al Forum Show.

Gli alberi erano quasi esauriti la prima notte e la gente ne comprava fino a quattro alla volta.

“Era un fine settimana di quattro ore di sonno ogni notte perché tornavo a casa, dipingevo alberi, dipingevo alberi… e vendevo, vendevo e vendevo”, ha detto.

“Ero impegnato come qualsiasi altra cosa… lo era, togliti di mezzo e non parlarmi nemmeno.”

Meisner realizza anche scene natalizie dettagliate, come questa. (Emma Davey/CBC)

Quando ho iniziato, Meissner ha detto che ce n’erano altri, ma non ora. “Non c’è nessuno che conosco.”

Finché le persone rimarranno interessate, Meisner dice che continuerà a fare alberi.

“Ci sono sempre idee per le cose che farò”, ha detto, con gli occhi scintillanti. “Ho già iniziato alcune cose.”

READ  Rogers incolpa una grave interruzione con un errore di aggiornamento della rete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.