Northern Bulb sta valutando una nuova sede

Northern Bulb sta valutando una nuova sede

La storia continua sotto questi video salati

https://www.youtube.com/watch?v=videoseries

Qualcun altro in Nuova Scozia vuole una cartiera?

Perché se i colloqui segreti ordinati dal tribunale tra la Northern Pulp e il governo locale non dovessero concretizzarsi, il proprietario di una cartiera nella contea di Pictou potrebbe essere interessato a parlare.

“Mentre i firmatari rimangono impegnati nel processo di cartiera (EA) e il riavvio di una cartiera nel sito attuale rimane il risultato preferito, mentre l’estensione della residenza (Northern Pulp) può esplorare opzioni per siti di cartiera alternativi come possibile opzione nel caso in cui si riavvii una cartiera nella sede attuale non è possibile”, si legge in una dichiarazione giurata presentata da Carlo Dal Monte, Vicepresidente, capogruppo di Northern Pulp Paper Excellence Canada Holdings.

A tal fine, i firmatari possono chiedere manifestazioni di interesse alle comunità della Nuova Scozia rurale. Queste esplorazioni non ritarderanno il funzionamento del mulino (valutazione ambientale).

L’affidavit fa parte di una richiesta a un tribunale della Columbia Britannica per estendere la protezione dei creditori per Northern Pulp dall’attuale scadenza del 30 aprile fino alla fine di agosto.

L’anno scorso, lo stesso tribunale ha ordinato al governo della contea e alla Northern Pulp Company di avviare una mediazione sotto la direzione dell’ex giudice della Corte Suprema Thomas Cromwell per risolvere le loro divergenze sulla proposta da 350 milioni di dollari della società di riavviare la sua cartiera e il suo mezzo miliardo $ querela contro la contea.

Queste conversazioni sono riservate.

E, secondo Dal Monte, il tempo stringe.

READ  Le migliori offerte Amazon Black Friday 2023 per lo shopping in Canada

“I ricorrenti hanno raggiunto un punto importante nel processo di mediazione”, afferma l’affidavit.

“Se non si raggiunge una soluzione tra le parti presto, e sicuramente entro i prossimi quattro mesi, i firmatari e le altre parti interessate dovranno reindirizzare la loro attenzione verso un mezzo alternativo di ristrutturazione”.

L’aspetto di “mezzi alternativi di ristrutturazione” non è accennato al di là del precedente riferimento alla considerazione di altri potenziali siti di impianto.

La Giunta provinciale non si è opposta alla richiesta di proroga della tutela dei creditori fino alla fine di agosto, come avveniva in precedenza.

Dal Monte e il direttore del mulino Bruce Chapman hanno anche acceso la caldaia del mulino per bruciare gli alberi distrutti dalla tempesta post-tropicale Fiona come biomassa per la produzione di elettricità.

Riconoscono che ciò richiederebbe una valutazione ambientale di prim’ordine. Sarà inoltre necessario un nuovo accordo di approvvigionamento idrico con la contea. Ad oggi, non è stata presentata alcuna valutazione ambientale per questa opzione e non vi è alcun accordo sull’approvvigionamento idrico.

Gli atti di notorietà indicano che l’impianto è ancora in fase di presentazione degli atti definitivi di Valutazione Ambientale per la riattivazione degli impianti/nuovo depuratore.

“Se queste ipotesi sono corrette, i firmatari si aspetteranno decisioni dal Ministro dell’ambiente e dei cambiamenti climatici in merito all’approvazione (valutazione ambientale) del progetto e dal NSECC in merito all’emissione di (approvazioni industriali per la costruzione del progetto e il funzionamento dello stabilimento nell’agosto 2024 e Settembre 2024, rispettivamente”, si legge nell’affidavit di Chapman. .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *