Monitor continuo del glucosio iniettabile per diabetici in arrivo

Monitor continuo del glucosio iniettabile per diabetici in arrivo

New York, 19 novembre: I ricercatori della Texas A&M University negli Stati Uniti stanno lavorando alla creazione di un monitor continuo del glucosio (CGM) completamente iniettabile, così piccolo da rivaleggiare con un chicco di riso e può essere utilizzato con un lettore ottico esterno per misurare i livelli di glucosio in qualsiasi momento.

Due docenti del Dipartimento di Ingegneria Biomedica dell’università hanno ricevuto una sovvenzione dalla National Science Foundation (NSF) per finanziare un progetto interdisciplinare per sviluppare un biosensore di glucosio iniettabile e un dispositivo indossabile delle dimensioni di un chicco di riso.

“I monitor continui del glucosio (CGM) sono disponibili in commercio, ma la maggior parte sono statici, il che significa che c’è un ago nella pelle attaccato a un cerotto sul braccio”, ha detto il co-ricercatore principale e professor Dr Gerard Cote.

Ha aggiunto: “Esiste un dispositivo CGM che può essere completamente impiantato, ma è molto più grande del nostro dispositivo e richiede che il medico lo impianta chirurgicamente attraverso un’incisione”.

Cote e il suo laboratorio stanno progettando la chimica del sensore iniettato e sviluppando un dispositivo di lettura di tipo orologio.

Il sensore viene posizionato sotto la pelle e analizzato utilizzando la luce di un dispositivo simile a un orologio per determinare la concentrazione di glucosio.

Il lettore invia il segnale al cellulare e il paziente può condividere i risultati con il proprio medico.

“L’analisi chimica nel sensore iniettabile viene utilizzata per determinare la concentrazione di glucosio all’interno del tessuto e il dispositivo dell’orologio invia luce e misura la fluorescenza del sensore per fornire la concentrazione di glucosio”, ha spiegato Cote.

READ  Scopri tutto sui tipi più comuni di cancro che colpiscono le donne

Il sensore e lettore indossabile utilizza la tecnologia di rilevamento ottico che affronta le sfide associate al rilevamento biometrico per le popolazioni con tonalità della pelle più scure.

“Utilizziamo una chimica che ha un colore fluorescente che emette nella gamma del rosso e dell’infrarosso invece della luce verde, che funziona meglio con le tonalità della pelle più scure”, ha detto Cote.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *