Nuove specie di antenati umani

Gli scienziati hanno nominato una nuova specie di antenato umano. a lui attribuito: Adam FagenCC BY-NC-SA 2.0

Gli scienziati hanno nominato un nuovo tipo di antenato umano, Homo bodoensis, giovedì. La dottoressa Mirjana Ruksandik, dell’Università di Winnipeg in Canada, ha guidato un team di ricercatori nella rianalisi dei fossili dall’Africa e dall’Eurasia per identificare con precisione le nuove specie ancestrali.

Il team ha scoperto che la specie viveva nel Pleistocene medio, un’epoca avvenuta 774.000-129.000 anni fa. Si ritiene che l’Homo bodoensis sia l’antenato più diretto dell’uomo, che vive in Africa e gli succede l’Homo sapiens nello stesso continente e paese. uomini di Neanderthal in Europa.

Questo periodo dell’evoluzione della razza umana è noto per essere stato frainteso ed è ampiamente conosciuto dai paleoantropologi come “la melma nel mezzo”. Roksandyk e il suo team hanno deciso di chiarire questo periodo e trovare una tassonomia accurata dei nostri antenati.

Il nome Homo bodoensis deriva da una nuova analisi di fossili già rinvenuti in Africa ed Eurasia. Prima dello studio, questi fossili erano attribuiti a diverse specie – Homo heidelbergensis o Homo rhodesiensis – entrambe definite in modo vago.

Ruksandek, l’autore principale dello studio, ha affermato che “parlare dell’evoluzione umana durante questo periodo di tempo è reso impossibile dalla mancanza di una terminologia adeguata che riconosca la diversità geografica umana”.

L’Homo bodoensis sarà ora utilizzato per la maggior parte degli esseri umani del Pleistocene medio dall’Africa e un po’ dall’Europa sudorientale. La maggior parte degli umani europei sarebbe ancora classificata come Neanderthal. Il nome “bodoensis” deriva da un teschio trovato a Bodo Dar, in Etiopia.

Il nuovo nome ha lo scopo di “tagliare il nodo gordiano e permetterci di comunicare chiaramente su questo importante periodo dell’evoluzione umana”, ha affermato Christopher Bay, professore di antropologia presso l’Università delle Hawaii a Manoa che ha lavorato allo studio.

READ  Astronauti in addestramento finale per volare sulla nuova capsula dell'equipaggio SpaceX - Spaceflight Now

Ruksandik ha concluso: “La denominazione di una nuova specie è importante, poiché il Comitato internazionale per la nomenclatura animale consente un cambio di nome solo in base a regole ben definite. Siamo fiduciosi che questo nome durerà a lungo e il nome del nuovo taxon sopravviverà solo se i ricercatori lo usano. altri”.

I Neanderthal e i primi esseri umani vivevano sull’isola greca di Naxos

in un GreciaI Neanderthal potrebbero avere Naviga da un’isola all’altra 200 mila anni fa – miti infranti sugli esseri umani.

Secondo le principali prove archeologiche, si ritiene che i Neanderthal e i primi esseri umani abbiano abitato l’isola greca di Naxos 200.000 anni fa, molto prima di quanto si pensasse in precedenza.

Un team di archeologi americani, canadesi e greci ha annunciato mercoledì la scoperta di strumenti di pietra sull’isola di Naxos che hanno dimostrato di avere almeno 200.000 anni. Naxos è un’isola greca delle Cicladi situata nel mezzo del Mar Egeo.

Gli strumenti, secondo il team di Tristan Carter della McMaster University, mostrano che in qualche modo sia i Neanderthal che i primi umani trovarono un modo per raggiungere quest’isola e vi rimasero per un po’ di tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *