Migliori pratiche in materia di diversità nella gestione delle risorse …

Il numero di donne supera di gran lunga le donne in tutti i settori della finanza, ma H.Soprattutto nel campo della gestione degli investimenti. Secondo i dati Morningstar, quando si parla di diversità di genere, il settore dei fondi globali sembra lo stesso di 20 anni fa.

Alla fine del 2000, il 14% dei gestori di fondi erano donne. Alla fine del 2019, il 14% dei gestori di fondi erano donne. Nel 2016, il CFA Institute, un’associazione globale di professionisti degli investimenti, ha condotto un sondaggio che ha dimostrato che gli uomini dominano il settore della gestione degli investimenti in tutto il mondo. Nelle Americhe, in Europa, nel Medio Oriente, in Africa e nella regione geografica dell’Asia-Pacifico, le donne in ogni paese rappresentano meno del 50% di tutti i membri della CFA. L’Asia ha la percentuale più alta, mentre l’America Latina ha la più bassa. Negli Stati Uniti la percentuale è di poco superiore al 18%.

La questione della maggiore divulgazione

Nuove leggi e investitori istituzionali stanno esercitando pressioni sulle società per migliorare la diversità del consiglio di amministrazione e divulgare la diversità di genere e il divario salariale. L’Harvard Law School Forum on Corporate Governance afferma che la Norvegia è stato il primo paese ad approvare una legge che impone alle società quotate di avere almeno il 40% dei seggi nel consiglio di amministrazione detenute da donne nel 2003. Ha promulgato altri paesi europei: Francia, Spagna e Italia Leggi simili sulla diversità.

Quasi 15 anni dopo, nel 2018, la California è diventata il primo stato degli Stati Uniti ad approvare un disegno di legge sulla diversità del consiglio di amministrazione, sebbene attualmente stia affrontando sfide giudiziarie. La California ha seguito l’Illinois, che ha approvato una legge nell’agosto 2019 che impone alle società di divulgare ulteriormente la diversità del consiglio di amministrazione. Washington è l’ultima aggiunta alla lista con la sua nuova legislazione sulla diversità del consiglio di amministrazione e altri stati, tra cui Hawaii, Massachusetts, Michigan e New Jersey, stanno elaborando leggi simili per essere efficaci nei prossimi anni.

READ  Le aziende cercavano manager capaci di adattarsi a situazioni inaspettate

Il sondaggio

Nel febbraio 2021, abbiamo condotto un sondaggio globale per esaminare le migliori pratiche DEI (Diversity Equality and Inclusion) nel settore della gestione patrimoniale. Abbiamo coperto 11 mercati: Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Spagna, Svezia, Stati Uniti e Regno Unito. Abbiamo posto tre domande principali:

1) Esistono leggi / regolamenti nel tuo paese in materia di diversità del consiglio di amministrazione, equità salariale e politica sulla diversità che si applicano alle società di investimento?

2) Esistono leggi / regolamenti relativi alla divulgazione della politica di diversificazione che si applicano alle società di investimento?

3) L’associazione di categoria locale AM ​​ha sviluppato alcune linee guida su diversità, uguaglianza e inclusione? Se sì, sono su base volontaria?

Diamo uno sguardo ai principali risultati:

Lista di diversità e divario salariale

Secondo la nostra indagine, cinque mercati su 11 hanno regolamentazioni sulla diversificazione e sul divario salariale che si applicano alle imprese di investimento e sei no.

La maggior parte dei paesi che hanno risposto affermativamente alla prima domanda hanno fatto lo stesso per la seconda. Canada, Danimarca, Germania, Italia, Spagna e Stati Uniti non hanno leggi sulla divulgazione della diversità che si applicano alle società di investimento. Il Regno Unito ha implementato queste informazioni, ma non ha una legge specifica sulla diversità a bordo che si applica alle società di investimento.

Linee guida delle associazioni di categoria

Poche associazioni di categoria di asset management hanno stabilito linee guida su diversità, equità e inclusione. Secondo il nostro sondaggio, solo tre associazioni su 11 hanno tali linee guida. Nel Regno Unito, la Investment Association sostiene D&I attraverso una serie di iniziative interne ed esterne, tra cui aiutare le aziende ad attrarre, reclutare, trattenere e promuovere con una prospettiva diversificata e inclusiva; Industrial Talent Service, la Women in Finance Charter (che obbliga le aziende ad aiutare le donne nelle posizioni di vertice fissando obiettivi e rendicontando i progressi) e il Diversity Project (con l’obiettivo di eguagliare le opportunità).
Torta 2

READ  L'epidemia ha raggiunto i 35.097 morti in Italia. Ci sono un totale di 245.590 casi di coronavirus

Panoramica per paese

La diversità di genere sta diventando una questione di crescente importanza in molti paesi, ma le normative e le migliori pratiche del settore della gestione patrimoniale differiscono l’una dall’altra. Di seguito, puoi trovare il breve rapporto dei nostri redattori e analisti locali.

tavolo

Canada

L’Equal Employment Act vieta la discriminazione sul lavoro da parte dei datori di lavoro del settore privato in Canada. La legge canadese sulle società commerciali, l’emendamento alla legge C-25 (in vigore da gennaio 2021) richiede alle società canadesi di fornire informazioni sulla diversità nei consigli di amministrazione e nell’alta dirigenza. Dal punto di vista regolamentare dei titoli, gli emendamenti dei Canadian Securities Managers allo strumento nazionale 58-101 – Divulgazione delle pratiche di governo societario – a partire da gennaio 2015, richiedono alle società / emittenti registrati presso TSX di fornire informazioni sulla rappresentanza delle donne nei consigli di amministrazione e nell’esecutivo posizioni. Il rapporto finale della Task Force per la modernizzazione dei mercati dei capitali della Ontario Securities Commission, gennaio 2021, raccomanda di modificare la legislazione sui titoli dell’Ontario per richiedere agli emittenti quotati in Canada di fissare obiettivi di diversificazione per la gestione del consiglio di amministrazione e dei dirigenti e le scadenze per l’implementazione.

Francia

L’Autorità commerciale francese sta attualmente lavorando al DEI, ma non sono ancora state pubblicate prove chiare. Sono state condotte numerose indagini di settore. Si concentrano principalmente sulla disuguaglianza di genere. I risultati principali includono che le donne rappresentano il 42% della forza lavoro, ma solo l’8% del top management nel settore francese della gestione patrimoniale.

Germania

In Germania è attualmente in discussione una legge relativa alla DEI. Se attuato, richiederà ai consigli di amministrazione delle società quotate con più di tre membri di includere almeno una donna. Tuttavia, viene elencato solo un numero limitato di gestori patrimoniali locali (con DWS il più grande), quindi l’impatto potrebbe essere molto limitato nella pratica.

READ  Un uomo della Geruba Valley accusato di aver partecipato a disordini all'interno del Campidoglio degli Stati Uniti - Press Enterprise

Italia

In Italia, Assogestioni ha condotto la più recente indagine su 14 asset manager che rappresentano l’85% del totale degli asset under management italiani (aprile 2019). I risultati principali sono che le donne costituiscono solo il 18% degli organi sociali, ma 13 aziende su 14 hanno almeno una donna nel consiglio di amministrazione.

noi

Negli Stati Uniti non esistono leggi sulla diversità che si applicano specificamente alle società di gestione patrimoniale. Tuttavia, esistono regole sul divario retributivo che si applicano in generale e sulla divulgazione della diversificazione.

Regno Unito

Il governo ha adottato un approccio volontario e guidato dalle aziende per aumentare la rappresentanza delle donne nei consigli di amministrazione delle società quotate. Secondo il rapporto di revisione di Hampton-Alexander del 2021, il numero di donne nelle schede FTSE 350 è aumentato da 682 a 1.026 in cinque anni. Il Financial Times 100, 250 e 350 ha raggiunto l’obiettivo di donne che formano il 33% dei consigli di amministrazione entro la fine del 2020.

Grazie al collega Morningstar Christopher Greenner, Emma Bergloo, Fernando Locke, Holly Black, Jackie Cook, Jocelyn Goffin, Matthias Mutola, Natalia Wolfstater, Pierre Matson e Ruth Saldanha per aver contribuito al sondaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *