Migliaia di israeliani in nuove proteste contro le riforme giudiziarie | Notizie di protesta

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha ritardato la proposta di riforma alla fine di marzo, ma gli oppositori vogliono che venga demolita.

Decine di migliaia di persone sono scese in piazza in Israele per protestare contro il piano del governo di riformare la magistratura, nonostante la decisione del primo ministro Benjamin Netanyahu di fermare le controverse proposte.

Più di 100.000 persone si sono presentate sabato alla manifestazione principale a Tel Aviv, secondo Channel 12 di Israele, e manifestazioni minori hanno avuto luogo in tutto il paese. Sono previste anche contro-proteste in diverse località.

Gli organizzatori delle proteste, che hanno organizzato queste proteste settimanali per più di tre mesi, mirano a mantenere lo slancio e ad aumentare la pressione su Netanyahu e il suo governo fino a quando i cambiamenti proposti non saranno annullati.

Di fronte all’opposizione della società civile, di parti dell’esercito e persino all’interno del suo stesso governo, Netanyahu ha sospeso i piani di riforma alla fine di marzo, affermando di voler “evitare la guerra civile”.

Il piano darebbe a Netanyahu, che è sotto processo con l’accusa di corruzione, e ai suoi alleati nel governo più aggressivo di Israele l’ultima parola nella nomina dei giudici del paese.

Decine di migliaia hanno partecipato alla protesta di Tel Aviv [Ariel Schalit/AP Photo]

Dà anche al Parlamento, che è controllato dai suoi alleati, il potere di ribaltare le decisioni della Corte Suprema e limitare la capacità della corte di rivedere le leggi.

Gli oppositori hanno affermato che avrebbe distrutto il sistema di controlli ed equilibri concentrando il potere nelle mani di Netanyahu e dei suoi alleati in Parlamento.

Hanno anche detto che Netanyahu ha un conflitto di interessi nel momento in cui è sotto processo.

READ  Risposta incredibilmente scarsa: un osservatore del settore sbatte BC dopo la morte di 4 minatori in Burkina Faso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *