Michael Covrig: I diplomatici hanno rifiutato di entrare in Cina perché Kennedy era sotto processo per spionaggio

Covrig è una dei due canadesi detenuti dal 2018, dopo l’arresto a Vancouver del CEO di Huawei Meng Wanzhou, che attualmente sta combattendo per estradarlo negli Stati Uniti, dove le viene chiesta la presunta violazione delle sanzioni imposte all’Iran. Venerdì il canadese Michael Spavor È stato processato a Dandong, nel nordest della Cina. Il suo processo si è svolto a porte chiuse ed è durato solo due ore.

Covrig, un ex diplomatico canadese che ha lavorato con l’International Crisis Group (ICG), è accusato dalle autorità cinesi di “aver rubato informazioni e informazioni sensibili attraverso contatti in Cina dal 2017”, mentre Spavor, un uomo d’affari concentrato sulla Corea del Nord, è accusato di fornire informazioni Intelligence a Kovrig.

Il processo Spavor ha avuto luogo in un momento in cui funzionari statunitensi e cinesi si sono scambiati aspre critiche all’apertura di un vertice diplomatico in Alaska, la prima volta che i diplomatici di alto livello nei due paesi si sono incontrati da quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è entrato in carica.

Sia Washington che Ottawa hanno ripetutamente chiesto il rilascio di Kovrig e Spavor, denunciando la loro detenzione, descrivendoli come politici e arbitrari.

Parla con i giornalisti fuori dal tribunale L’incaricato d’affari canadese Jim Nickel, lunedì ha accusato la Cina di violare gli obblighi dei trattati internazionali per impedire ai funzionari consolari di accedere ai propri cittadini.

“Michael Covrig è detenuto da due anni ormai, ed è arbitrariamente detenuto, e ora vediamo che le procedure giudiziarie in sé non sono trasparenti, e ne siamo molto turbati”, ha detto, aggiungendo che l’accesso è stato negato a causa di ” questo. La cosiddetta questione della sicurezza nazionale “.

READ  Le piogge di meteoriti delle Geminidi questo fine settimana vedranno oltre 100 stelle cadenti multicolori all'ora

Nickel ha ringraziato altri diplomatici per la loro solidarietà con il Canada. Ha detto che lunedì c’erano circa 28 rappresentanti di 26 paesi diversi fuori dalla Corte Intermedia n. 2 a Pechino, “che hanno espresso la loro voce per il rilascio immediato di Michael Covrig”.

Reuters includeva Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Australia, Paesi Bassi e Repubblica Ceca tra i paesi con rappresentanza diplomatica fuori dal tribunale.

Questi diplomatici e giornalisti sono stati accolti da un’ampia presenza di polizia. I giornalisti presenti sulla scena hanno affermato che i ripetuti tentativi da parte di diplomatici di entrare nell’edificio prima dell’inizio del processo sono stati respinti.

Dopo il rapido processo di Spafor venerdì, il tribunale di Dandong ha dichiarato in una dichiarazione che “emetterà la sentenza in un secondo momento, in conformità con la legge”.

Familiari e conoscenti dei due uomini canadesi hanno descritto di essere stati trattenuti in cattive condizioni e di essere stati loro negati contatti esterni. Quasi tutte le visite consolari personali a prigionieri stranieri in Cina sono state temporaneamente interrotte dallo scorso anno a causa di Pandemia di coronavirus, Con diplomatici che possono parlare con i detenuti solo al telefono.

Dopo che Kovrig e Spavor sono stati accusati di spionaggio lo scorso anno, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha denunciato la natura “politica” del loro caso, dicendo che la loro detenzione è stata “una decisione presa dal governo cinese e noi la condanniamo”.

Il tasso di condanne nei tribunali cinesi è superiore al 99% e gli osservatori affermano che il rilascio dei due uomini può ora dipendere da una soluzione diplomatica, forse dopo condanne salva-faccia e una lunga pena detentiva.

Trudeau si rifiutò ripetutamente di contemplare qualsiasi scambio che i canadesi avessero con Meng, il cui arresto peggiorò le relazioni tra Ottawa e Pechino. Lo scorso mese , Il parlamento canadese ha approvato una mozione non vincolante che accusa la Cina di genocidio Contro le minoranze musulmane nella regione occidentale dello Xinjiang, che ha ulteriormente teso i rapporti tra i due Paesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *