I primi bambini in provetta di corallo sulla Grande Barriera Corallina hanno prodotto la generazione successiva

I primi bambini in provetta della Grande Barriera Corallina hanno prodotto la generazione successiva – la prima volta che una popolazione riproduttiva è stata creata nella Grande Barriera Corallina utilizzando il processo innovativo.

Restauro di larve di corallo Acropora sulla Grande Barriera Corallina – Peter Harrison / Southern Cross University

I ricercatori hanno scoperto che 22 grandi colonie di coralli nate attraverso il primo esperimento di inseminazione artificiale di corallo su una barriera corallina nel 2016 sono cresciute fino alla maturità, piene di uova e sperma pronto a riprodursi dopo l’ultimo evento di deposizione di massa del corallo.

Anna Marsden, amministratore delegato della Great Barrier Reef Foundation, ha dichiarato: “Non potremmo essere più entusiasti di vedere questi piccoli coralli cresciuti da larve microscopiche alle dimensioni di piatti della cena, non solo sopravvivendo all’evento di sbiancamento ma ora riproducendosi, aiutando per produrre larve in grado di ripristinare le scogliere degradate.” “.

Dalla dispersione larvale cinque anni fa, questi piccoli coralli sono cresciuti da larve microscopiche alle dimensioni dei piatti della cena. Molte dozzine di altre piccole colonie non sono abbastanza grandi per riprodursi, ma dovrebbero deporre le uova l’anno prossimo.

Dopo aver scoperto il potenziale di questa tecnologia rivoluzionaria, Fondazione della Grande Barriera Corallina Ha riunito i suoi partner e il pubblico nel 2016 per “aiutare la natura” vicino a Heron Island.

Il ricercatore principale e illustre professore presso la Southern Cross University Peter Harrison ha dichiarato: “Il programma Coral IVF è il primo progetto del suo genere per ripristinare le barriere coralline sulle barriere danneggiate raccogliendo milioni di uova e spermatozoi durante la stagione riproduttiva, facendoli crescere in giovani coralli. e rilasciandoli direttamente sulle aree delle barriere coralline degradate”.

READ  Congelato nel tempo: gli scienziati hanno trovato un raro fossile di dinosauri seduto su uova con embrioni

“Questo è un risultato entusiasmante nel vedere queste colonie in cui ci siamo insediati durante il primo studio pilota su piccola scala crescere in un periodo di cinque anni e diventare sessualmente riproduttive.

plurale: L’incredibile evento sui coralli di quest’anno genera speranza – e miliardi di bambini per la Grande Barriera Corallina (guarda)

Corallo Acropora spathulata, ora di cinque anni, con uova rosa mature e pacchetti di sperma pronto per riprodursi – Christina Langley/University of Southern Cross

“L’obiettivo finale di questo processo è produrre nuove popolazioni riproduttive di coralli in aree della barriera corallina che non hanno più coralli vivi a sufficienza perché sono colpite dagli effetti del cambiamento climatico”, ha affermato il professor Harrison.

Imparentato: Corallo gigante di 438 anni scoperto nella Grande Barriera Corallina in “condizioni eccellenti”

“Le larve generate da queste barriere coralline si sono diffuse all’interno della laguna di Heron Island e possono depositarsi su macchie di barriere coralline vicine, contribuendo a ripristinare più delle altre zone della barriera corallina colpite dai cambiamenti climatici.

“Questo ha dato a me e al resto del team un rinnovato entusiasmo mentre ricerchiamo ulteriori tecnologie a Lizard Island, attraverso il programma di ripristino e adattamento della barriera corallina in collaborazione con CSIRO e QUT e con il supporto dell’Australian Institute of Oceanography, che ci consentirà per ampliare e migliorare questa tecnologia”.

Il professor Peter Harrison ispeziona le colonie di inseminazione artificiale nel corallo a Lake Heron Island, dicembre 2020 – Southern Cross University

Il programma di ripristino e adattamento della barriera corallina è lo sforzo più grande e ambizioso al mondo per sviluppare, testare e implementare interventi di protezione, ripristino e adattamento su larga scala per garantire che la Grande Barriera Corallina e le barriere coralline siano resilienti, adattabili e si riprendano dagli effetti di cambiamento climatico.

“Salvare le barriere coralline è un compito enorme”, afferma Marsden. “Ma avere prove che questa scienza innovativa e all’avanguardia ci dà speranza”.

READ  La NASA e l'Agenzia spaziale canadese stanno formalizzando la partnership del portale per il programma Artemis

Diffondi delle buone notizie sui social media condividendole con gli amanti dell’oceano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *