‘Mezzo patriota, mezzo traditore’: i combattenti di Wagner pensano alla ribellione fallita con risentimento e incertezza

‘Mezzo patriota, mezzo traditore’: i combattenti di Wagner pensano alla ribellione fallita con risentimento e incertezza

“Sarò in grado di sparare ai miei compagni?”

Vlad è stato tormentato da questa domanda durante gli eventi del 24 giugno, quando un convoglio di mercenari ribelli guidati dal leader del gruppo Wagner Yevgeny Prigozhin è avanzato su Mosca e la Russia sembrava essere sull’orlo della guerra civile.

Un ex combattente Wagner, Vlad, che ha chiesto di cambiare nome per motivi di sicurezza, ora presta servizio nell’esercito russo, da qui il suo timore di poter essere inviato a difendere la capitale dai suoi ex compagni d’armi.

All’indomani dell’ammutinamento, che si è concluso con un accordo che ha visto Prigozhin ei suoi uomini andare in esilio in Bielorussia, quattro ex e attuali combattenti di Wagner che hanno parlato con The Moscow Times hanno condiviso opinioni divergenti sull’ammutinamento e sul suo impatto sul futuro del PMC.

Come altri ex mercenari, Vlad, 29 anni, ha accusato Prigozhin di aver messo i soldati russi l’uno contro l’altro per avere il sopravvento nella sua disputa personale con il ministero della Difesa russo.

Vlad ha detto: “Non mi permetterei di rivolgere armi contro il nostro popolo e, in una certa misura, contro il nostro paese”. . “

“I miei compagni ed io abbiamo combattuto per il paese, non per un pazzo audace e le sue ambizioni personali”, ha detto Roman, 35 anni, un altro ex mercenario Wagner di Mosca.

Rumeni e altri mercenari Wagner nel villaggio di Klynov vicino a Bakhmut, in Ucraina.
archivio personale

Roman ha deciso di lasciare il suo lavoro in finanza l’anno scorso e unirsi a Wagner per un senso di “dovere civico”.

“Il mio paese è in guerra e non posso stare in disparte”, ha detto l’ex mercenario, che ha servito nove mesi in prima linea in Ucraina, facendo avanzare la sua unità da Popasna a Bakhmut. Per il suo servizio, è stato insignito della Croce Nera, uno dei premi militari di Wagner.

READ  Nazioni Unite: arrestata eminente attivista per l'educazione delle ragazze afghane | Notizie sull'istruzione

Dopo aver operato per anni nell’ombra nelle zone di conflitto globale – e essersi guadagnato una reputazione per le tattiche brutali e le violazioni dei diritti – il gruppo Wagner-Prigozhin ha assunto un ruolo molto pubblico nell’invasione russa dell’Ucraina.

Sia Roman che Vlad hanno affermato di essere rimasti scioccati quando Prigozhin ha dichiarato una rivolta armata contro il ministro della Difesa Sergei Shoigu e ha ordinato l’occupazione della città meridionale di Rostov sul Don.

Sebbene non fossero d’accordo con la ribellione di Prigozhin, incolparono anche gli alti ufficiali dell’esercito per aver permesso che il conflitto con Wagner si intensificasse fino a quel punto.

“A causa della loro disattenzione, l’unità militare meglio preparata nel nostro paese ha sofferto”, ha detto Vlad, riferendosi al “danno alla reputazione di Wagner causato dalla ribellione di Prigozhin”.

“Se la mia croce di ferro mi rende un patriota al 100%, ora sono mezzo patriota e mezzo traditore”, ha detto Roman.

Mentre la rivolta è stata sventata in meno di 24 oreha causato ancora enormi perdite: circa 15 soldati russi sono stati uccisi, compresi alcuni piloti, e diversi veicoli militari sono stati distrutti.

Foto di Roman alla periferia di Bakhmut.  archivio personale
Foto di Roman alla periferia di Bakhmut.
archivio personale

“I nostri compagni si sono uccisi a vicenda, un’enorme quantità di risorse militari è stata distrutta, la gente ha paura, per non parlare del danno arrecato alla reputazione della Russia sulla scena geopolitica”, ha detto Roman, che ha criticato la ribellione di Prigozhin per non aver raggiunto alcun risultato tangibile obiettivi.

“I generali ‘parquet’ sono ancora lì”, ha detto Roman, riferendosi ai leader militari corrotti e inefficaci che Prigozhin avrebbe mirato a eliminare.

READ  Kristen Lee: L'MI5 del Regno Unito afferma che una donna legata al Partito Comunista Cinese "cerca di interferire di nascosto nella politica del Regno Unito"

A differenza di Roman e Vlad, altri ex mercenari hanno affermato di essere rimasti assolutamente fedeli a Prigozhin, come Malik, 29 anni, che solo una settimana dopo il colpo di stato ha camminato lungo la Prospettiva Nevskij nel centro di San Pietroburgo con un berretto e una maglietta di Wagner. logo del cranio.

Malik, anche lui un veterano della battaglia di Bakhmut, ha detto, commentando i suoi vestiti: “Non è proibito. Sono ancora un patriota del mio paese”. Le ferite da scheggia sulle sue braccia erano appena guarite.

L’ex mercenario ha affermato: “Sia Rostov ha sostenuto Wagner che Prigozhin”. “Prigozhin parla e agisce correttamente, ha fatto molto per il Paese, mentre non credo che Shoigu abbia fatto nulla di utile”.

Alcuni dei mercenari hanno affermato di sperare ancora, nonostante l’incapacità di produrre risultati immediati, che la ribellione di Prigozhin porti a una riconfigurazione della leadership militare del Paese, che hanno accusato di corruzione e incompetenza.

“Spero che la ‘Marcia per la giustizia’ sia stata un campanello d’allarme per il nostro governo, e che abbiano visto che era tempo di cambiamenti”, ha detto Mikhail, 32 anni, un altro mercenario di Wagner, usando la definizione di rivolta di Prigozhin.

Mikhail, ex operaio della Russia centrale, fa parte del Gruppo Wagner dal 2020, operando nella Repubblica Centrafricana e in Ucraina.

Mentre criticava la ribellione di Prigozhin per essere “troppo radicale”, l’ammirazione di Mikhail per il leader di Wagner non era diminuita dal tentativo di colpo di stato, e ha detto che “rimane il leader della migliore organizzazione militare del mondo”.

Il destino del Gruppo Wagner sembra ora incerto. Nei giorni successivi al tentativo di rivolta, il reclutamento di mercenari per la guerra in Ucraina sembrava procedere come di consueto in diverse regioni russe. Pagine di reclutamento È riapparso sul social network russo VKontakte dopo essere stato rimosso durante l’insurrezione.

Medaglie assegnate a Roman per il suo servizio al gruppo Wagner.  archivio personale
Medaglie assegnate a Roman per il suo servizio al gruppo Wagner.
archivio personale

Ma come presidente del Comitato per la difesa della Duma di Stato, Andrei Kartapolov sottolineatoWagner dovrà ora firmare un contratto con il Ministero della Difesa, altrimenti perderà i finanziamenti statali e non potrà partecipare alla guerra in Ucraina.

Il 2 luglio, Wagner annunciare che i suoi centri regionali stavano interrompendo il reclutamento per un mese a causa della “temporanea non partecipazione” di Wagner alla guerra in Ucraina e del suo “trasferimento in Bielorussia”.

Per Mikhail, non è ancora cambiato nulla per la sua unità. A lui e ai suoi compagni è stato offerto di arruolarsi nell’esercito convenzionale, ma “non sono stati costretti” a farlo e lui non intende farlo.

Ha in programma di tornare alla sua unità una volta che si sarà ripreso dalle ferite.

“Non importa dove siamo, Wagner PMC rimane un’azienda russa che difende gli interessi della Russia”, afferma Mikhail. “Andremo ovunque ci diranno di andare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *