Mentre il maltempo attanaglia la maggior parte dell’Italia, un esperto senior avverte che questa potrebbe essere la “nuova normalità”

La foto scattata il 1 agosto 2021 mostra gli incendi a Pescara, in Italia (Foto: Xinhua)


Una mucca in un'area bruciata a Oristano, Sardegna, Italia, il 26 luglio 2021 (Foto: Xinhua)

Una mucca in un’area bruciata a Oristano, Sardegna, Italia, il 26 luglio 2021 (Foto: Xinhua)

Una foto scattata il 26 luglio 2021 mostra un'area in fiamme a Oristano, Sardegna, Italia (Foto: Xinhua)

Una foto scattata il 26 luglio 2021 mostra un’area in fiamme a Oristano, Sardegna, Italia (Foto: Xinhua)

Tra temperature record, incendi, grandinate, uragani e frane, l’Italia è nella morsa del peggior periodo di maltempo della storia moderna. Un importante esperto di clima ha avvertito che la situazione attuale potrebbe essere la “nuova normalità”.

Secondo il meteorologo Roberto Morgantini, specializzato in eventi meteorologici estremi, eventi come quelli visti in Italia nelle ultime settimane sono diventati più comuni nell’ultimo decennio.

“Negli anni ’80 e ’90, l’Italia era solita vedere, in media, un evento meteorologico grave ogni mese, forse ogni due mesi”, ha detto Morgantini a Xinhua. “Ora ne vediamo quattro o cinque al mese, oltre a molti piccoli eventi legati al tempo”.

Quest’estate non sono mancati gli eventi in Italia per fare il punto. Grandi incendi boschivi sono scoppiati nell’isola di Sardegna e nelle regioni aride meridionali e centrali del paese. I funzionari locali hanno avvertito gli anziani e le altre popolazioni vulnerabili di rimanere in casa durante i periodi caldi della giornata.

Le forti piogge hanno causato allagamenti e frane in Lombardia e nella regione montuosa del Trentino, con circa 100 ospiti costretti a evacuare un albergo quando è stato sommerso da terra e detriti. Decine di regioni in tutta Italia hanno segnalato massicce grandinate nelle ultime settimane, con chicchi di grandine delle dimensioni di palline da tennis che hanno causato danni alle auto e ad altre proprietà, nonché all’agricoltura.

READ  Covid oggi: focolaio di Coronavirus in Italia, datato 5 dicembre. Infezione e dati

Secondo l’European Severe Weather Database, il gruppo agricolo italiano Coldiretti ha riferito all’inizio del mese che il numero di tempeste di ghiaccio nel paese quest’estate è stato tre volte superiore a quello di un anno fa, una media di 11 al giorno.

Confagricoltura, un gruppo del settore agricolo che rileva i danni, ha stimato che il reddito totale perso a causa dei danni alle colture a causa del maltempo potrebbe raggiungere i 2 miliardi di euro (2,4 miliardi di dollari).

“L’agricoltura è il primo settore economico a subire le ricadute della crisi climatica in questa stagione, poiché frutta e verdura sono pronte per essere raccolte dopo un lungo anno di lavoro e investimenti persi”, ha affermato Konvagricultura in una nota.

L’agenzia di protezione civile del paese ha persino emesso un avvertimento ai viaggiatori, esortandoli a evitare incendi nella parte meridionale del paese e piogge torrenziali nel nord e chiedendo ai residenti di segnalare alle autorità anche i più piccoli incendi o frane.

Morgantini e altri esperti di clima e meteo affermano che mentre è impossibile collegare un particolare evento climatico al fenomeno del cambiamento climatico, è chiaro che il numero crescente di tali eventi e la loro crescente intensità sono più gravi a causa dell’impatto del cambiamento climatico . .

“Oggi stiamo assistendo all’impatto del non agire per affrontare il cambiamento climatico 10 o 20 anni fa”, ha affermato. “Stiamo sentendo parlare di iniziative per ridurre i fattori che hanno portato al cambiamento climatico ora, e dovremmo assolutamente farlo. Ma questo non avrà alcun impatto ora. Vedremo l’impatto di queste azioni tra una generazione”.

A breve, Morgantini ha dato qualche semplice consiglio: “Dobbiamo abituarci a quello che sta succedendo ora, questa è la nuova normalità”, ha detto.

READ  I diritti del Mondiale 2022 sono garantiti da Al Rai in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *