L'Udinese squalifica a vita un tifoso che ha rivolto insulti razzisti al portiere del Milan Mike Maignan

L'Udinese squalifica a vita un tifoso che ha rivolto insulti razzisti al portiere del Milan Mike Maignan

Il club di Serie A dell'Udinese ha identificato un tifoso che ha insultato razzialmente il portiere dell'AC Milan Mike Maignan e lo ha squalificato a vita, mentre prometteva di fare lo stesso con altri “cattivi” tra le richieste di punizioni più severe da parte delle autorità dopo un altro fine settimana in cui… Il calcio italiano si sono svolte le partite. Oscurato dal comportamento scorretto dei fan.

Minyan, che è nero, ha lasciato il campo durante la partita di campionato italiano di sabato contro l'Udinese dopo essere stato esposto a quelli che in seguito ha definito essere suoni di scimmia. Il 28enne portiere si è unito ai compagni e la partita si è interrotta per circa cinque minuti prima della ripresa, con il Milan che ha vinto 3-2.

“In collaborazione con le autorità di polizia locali e grazie all'utilizzo delle telecamere di sicurezza del Blunergy Stadium, l'Udinese Calcio ha individuato il primo responsabile di comportamenti discriminatori nei confronti del giocatore del Milan Mike Maignan.

“Questo individuo dovrà affrontare una squalifica a vita dall'assistere a qualsiasi partita dell'Udinese Calcio. Questo divieto ha effetto immediato. Crediamo che misure così forti siano necessarie per inviare un messaggio chiaro che non c'è posto per il razzismo nel calcio e nella società.

Martedì il giudice sportivo italiano dovrebbe pronunciarsi sulla punizione dell'Udinese. All'inizio di questo mese, la Lazio è stata punita con la chiusura parziale dello stadio per una partita a causa dei cori razzisti rivolti a Romelu Lukaku.

READ  La mostra "Italian Wheels" si sposterà nel centro di Robbinsdale

Le autorità possono anche emettere ordinanze, note come Daspo, che vietano l'ingresso negli stadi per un massimo di cinque anni.

“Stiamo lavorando per cercare i responsabili, possono essere solo due o tre persone. Non ci sono stati cori, perché non se ne sono accorti né l'arbitro né la Procura. Lo ha detto lunedì il direttore generale dell'Udinese, Franco Colavino, prima della decisione. Identità del primo tifoso: “C'erano una, due, tre persone cattive, e tanto bastava perché fosse molto pericoloso”.

“Abbiamo già iniziato a guardare le immagini delle telecamere dello stadio, dobbiamo anche ascoltare l'audio… Il daspo ha una durata limitata, ma la società può decidere di vietare l'ingresso allo stadio a un tifoso per un periodo più lungo”. periodo di tempo. Lavoreremo per vietare loro l'ingresso allo stadio per sempre.

Minyan ha ricevuto un ampio sostegno dal mondo del calcio in seguito agli abusi e domenica ha rilasciato una dichiarazione chiedendo alle autorità di intraprendere azioni più forti.

La sua posizione è stata sostenuta da Umberto Calcagno, presidente dell'Associazione Giocatori in Italia.

“Combattere questo tipo di ignoranza è molto difficile, ma oggi è diventato possibile grazie alle regole del sindacato, come è successo sabato”, ha detto Calcagno. “C'è stata una grande collaborazione tra Mike Maignan, l'arbitro e i giocatori.

“Ma le regole consentono anche alle autorità pubbliche di prendere la decisione di sospendere definitivamente la partita… Oggi è necessario punire tali questioni in modo più severo.”

Esiste già un processo in tre fasi in cui una partita può essere interrotta due volte prima di essere annullata, ma il presidente della FIFA Gianni Infantino ha suggerito durante il fine settimana che qualsiasi squadra i cui tifosi abbiano abusato razzialmente dei propri giocatori dovrebbe automaticamente rinunciare alla partita.

READ  Un sondaggio mostra che i migranti faticano a soddisfare i loro bisogni primari dopo essere arrivati ​​in Italia

Il presidente della Federcalcio italiana Gabriele Gravina ha dichiarato: “Se il presidente della FIFA ritiene che questa idea possa diventare una regola, può farlo e noi ci adegueremo alle linee guida proposte dalla FIFA”. E aggiunge: “Fermare la partita è un messaggio forte, ma abbandonare una partita di calcio davanti a migliaia di tifosi all'interno dello stadio è un problema di ordine pubblico. La questione non è nelle nostre mani e non vogliamo sostituirci a chi lo ha fatto”. la missione, il dovere e la responsabilità.” Il diritto di amministrare l’ordine pubblico”.

Il calcio italiano ed europeo è testimone da anni di molti incidenti razzisti, con casi in Italia che hanno preso di mira Kevin-Prince Boateng, Mario Balotelli, Lukaku e altri.

Calcagno ha detto che metà degli abusi subiti dai calciatori sono di natura razzista, ma quello di sabato all'Udinese non è stato l'unico incidente degno di nota in Serie A nel fine settimana.

Un momento potenzialmente pericoloso a Salerno si è trasformato in uno molto più divertente dopo che i tifosi della Salernitana hanno lanciato oggetti contro i giocatori del Genoa mentre festeggiavano il gol di Matteo Retegui.

Retegui ha destato preoccupazione cadendo a terra dopo essersi scontrato con un oggetto. Si rivelò però essere uno snack al cioccolato e il compagno di squadra Kevin Strootman rispose raccogliendolo, mangiandolo e ringraziando beffardamente il pubblico. Il Genoa ha vinto 2-1.

“Abbiamo festeggiato davanti ai loro tifosi – ha detto Strootman -. Hanno lanciato alcune cose, ma nel calcio succede. Nessuno si è fatto male, quindi va bene”.

La cosa più preoccupante è che dagli spalti è stato lanciato anche un pezzo di cemento. La palla non ha colpito nessuno, ma è stata consegnata all'arbitro, e martedì la Salernitana potrebbe anche rischiare un rigore.

READ  Fonti dicono che il concerto di Kanye West in Italia sarà "molto improbabile" - Billboard

___

AP Calcio: https://apnews.com/hub/Soccer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *