Lo Junior Messias del Milan distribuiva frigoriferi prima di essere protagonista in Champions League

Dieci anni fa, Junior Messias stava soffrendo. Il ventenne brasiliano viveva nel nord Italia senza permesso di soggiorno e senza lavoro, con moglie e due figli da sfamare.

Il calcio ha salvato l’attuale ala del Milan, ma è stato lento. Oltre a giocare per una squadra di rifugiati peruviani, Messias ha passato molte ore a consegnare frigoriferi durante la settimana lavorativa prima di prendere parte ai campionati dilettantistici nel fine settimana.

Entrare nel campionato professionistico italiano è di per sé un miracolo, ma la storia dell’attaccante sfavorito in stile hollywoodiano è tornata utile mercoledì sera quando ha segnato il gol della vittoria nella drammatica vittoria all’ultimo respiro del Milan sull’Atletico Madrid per preservare i loro campioni profondamente vulnerabili. Campagna di campionato viva.

Junior Messias ha segnato il vincitore della vittoria del Milan in Champions League sull’Atletico Madrid

Appena sei anni fa, Messias giocava nei campionati italiani per la squadra peruviana dei rifugiati

Appena sei anni fa, Messias giocava nei campionati italiani per la squadra peruviana dei rifugiati

Dalla vita di un rifugiato che mangia “riso e pietre” per intraprendere una carriera nel calcio, fino a diventare l’élite del Milan e uno dei più grandi club del mondo, il brasiliano ha fatto il suo posto tra le storie dei perdenti del calcio.

Da adolescente, Messias avrebbe giocato per l’accademia dei giganti brasiliani Cruzeiro, ma quando non è riuscito ad arrivare al grado 20, ha trasferito tutta la sua famiglia nel nord Italia per legare con suo fratello.

L’esterno pensava che la sua esperienza nel calcio brasiliano gli avrebbe fatto guadagnare un posto in Serie A, la quarta divisione italiana, ma a nessuno importava.

Giocava invece gratis nello Sport Warique, una squadra amatoriale composta solo da profughi peruviani che si aprivano a braccia aperte ai connazionali sudamericani, ma solo se si assumeva il compito di consegnare un frigorifero di riserva che doveva sparire.

“Il calcio è divertente, non importa dove giochi”, ha detto Messias. Canale di Serie A su YouTube all’inizio di quest’anno. Mi sono divertito con i ragazzi. Mi è piaciuto giocare con loro.

Incontrarsi nel fine settimana e giocare a calcio era puro divertimento perché il mio lavoro diurno era duro.

Quindi, dopo una settimana di duro lavoro, il calcio era esattamente ciò di cui avevamo bisogno. Sono rimasto in contatto con i miei compagni di squadra da quei primi giorni.

Messias aveva bisogno di un miracolo da realizzare nel gioco professionistico e il suo angelo custode era l’ex giocatore e allenatore del Torino Ezio Rossi, che all’epoca era volontario allo Sport Waric.

Rossi ha visto il talento dell’attaccante e ha cercato di far sì che il brasiliano trovasse la sua strada attraverso la piramide del calcio italiano. I suoi sforzi furono quasi vani, poiché Messias quasi rinunciò al suo sogno.

L'ala (seconda a sinistra, ultima linea) ha quasi rinunciato al suo sogno di giocare a calcio professionistico

L’ala (seconda a sinistra, ultima linea) ha quasi rinunciato al suo sogno di giocare a calcio professionistico

“Ho cercato di metterlo in contatto con Fossano (il club di quarta categoria)”, ha detto Rossi. Gianluca Di Marzio all’inizio di quest’anno. Gli hanno offerto uno stipendio molto basso e Junior ha preferito continuare a lavorare come fattorino.

Mi disse che doveva pensare alla sua famiglia e che mangiava “riso e sassi” per giocare a calcio, ma non ne valeva più la pena. Ha dovuto affrontare la realtà.

Cinque anni dopo il suo sogno italiano, Messias ha finalmente avuto la sua occasione. Rossi ha assunto un ruolo di allenatore al Casal di quinta divisione e ha ordinato al club di firmare il brasiliano con un contratto di £ 315 a settimana.

READ  Il Chelsea 'monitora' lo stato del contratto di Gianluigi Donnarumma a Milano con il portiere dell'Italia nominato free agent in estate

Messias era sulla scala e continuava a salire. Ha segnato 21 gol nella sua prima stagione nel calcio italiano per promuovere Casal in Serie B.

Messias (secondo da destra) ha finalmente avuto la sua occasione nel 2015 e ha raggiunto la seconda divisione in quattro anni

Messias (secondo da destra) ha finalmente avuto la sua occasione nel 2015 e ha raggiunto la seconda divisione in quattro anni

La stagione successiva lo vede passare al Chieri di quarta divisione in un trasloco, con grande sgomento di Rossi, rimasto al Casale. Quella mossa è durata solo una stagione quando un altro club di Serie A ha catturato Gozzano nel 2017, con il brasiliano che li ha aiutati ad avanzare in terza divisione.

Dopo due anni al Gozzano, viene ingaggiato dal Crotone in Serie B e la sua prima stagione vi vede il club conquistare la promozione in Serie A. Dalla quinta divisione nel 2015 alla serie A in cinque anni, quella doveva essere la fine della storia.

Ma no, il Crotone ha subito una retrocessione imbarazzante la scorsa stagione subendo 92 gol in 38 partite, ma Messias è stato una luce splendente con nove gol in Serie A.

Un’altra stagione in serie B ma alla scadenza quest’anno il Milan ha chiamato. I rossoneri lo hanno tolto di mano al Crotone con un prestito di 2 milioni di sterline con l’opzione di renderlo permanente per 4,5 milioni di sterline.

Messias ha esordito in Serie A con il Crotone nel 2020, ma è stato retrocesso nel club la scorsa stagione

Messias ha esordito in Serie A con il Crotone nel 2020, ma è stato retrocesso nel club la scorsa stagione

Messias è stato escluso dalle sue prime sei partite per il Milan a causa di problemi di forma fisica, ma chi potrebbe biasimarlo: sei anni fa il 30enne non era un professionista.

READ  L'ex allenatore "sorpreso" che il Liverpool non abbia ingaggiato un centrocampista da 12 milioni di sterline

Ma a Stefano Pioli sono bastate due partite senza gol contro Atalanta e Fiorentina per mettere in campo il brasiliano nella sfida imperdibile di mercoledì contro l’Atleti.

Messias si è unito alla linea d’attacco al fianco di Zlatan Ibrahimovic e nei momenti finali della partita del Wanda Metropolitano, Frank Kessie ha tagliato un cross verso il punto in cui l’attaccante svedese era bloccato sul secondo palo.

Il 30enne è stato ingaggiato dal Milan per un prestito iniziale di 2 milioni di sterline con opzione di riscatto.

Il 30enne è stato ingaggiato dal Milan per un prestito iniziale di 2 milioni di sterline con opzione di riscatto.

Messias è emerso con un gol vincente per mantenere vivi i sogni di Champions League del Milan

Arrivato dal nulla – proprio come appariva invisibile dal calcio dilettantistico nel gioco professionistico – Messias era lì per segnare un gol fondamentale nella stagione del Milan. Ibrahimovic è stato il primo a congratularsi con lui.

Con il Milan che vince la Serie A in questa corsa aperta per lo scudetto, c’è un altro sviluppo nella straordinaria carriera del brasiliano?

Zlatan Ibrahimovic (a sinistra) è stato il primo giocatore a congratularsi con Messi per il suo gol

Zlatan Ibrahimovic (a sinistra) è stato il primo giocatore a congratularsi con Messi per il suo gol

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *