L’italiano Fortunato balza per conquistare la sua prima vittoria sul Monte Zoncolan, Bernal allunga il Giro in testa

Pilota italiano Lorenzo Fortunato (AFP)

Lorenzo Fortunato Sabato in vetta al Monte Zoncolan è salito alla vittoria nell’estenuante 14a tappa del Giro d’Italia con nebbia e grandine.

Il colombiano Egan Bernal di Eneos è stato il primo a tagliare il traguardo per consolidare la sua presa sulla maglia rosa della capolista.

Il venticinquenne italiano Fortunato, in sella alla Eolo-Kometa, ha concluso 26 secondi davanti allo sloveno Jan Tratnik, mentre l’italiano Alessandro Covey è arrivato terzo con 59 secondi per ottenere la sua prima vittoria della sua carriera.

“Non mi ero ancora reso conto di quello che ho appena fatto”, ha detto Fortunato, che corre con l’ex vincitore del Giro Evan Basu.

“Sapevo di essere in ottima forma e stamattina volevo davvero rompere.

“Sapevo che gli ultimi 3 chilometri erano i più duri e per questo ho aspettato che l’ultima parte dello Zoncolan attaccasse e poi gli ho dato tutto fino al traguardo”.

Bernal, 24 anni, è arrivato quarto in 1 minuto e 43 secondi per guadagnare tempo sugli avversari, dopo più di cinque ore in sella nella tappa di montagna di 205 chilometri che ha preso il via dal borgo medievale di Cittadella in provincia di Padova e finì al confine con l’Austria.

Il britannico Simon Yates è arrivato sesto al secondo posto, un minuto e 33 secondi di vantaggio sul vincitore del Tour de France 2019, mentre l’italiano Damiano Caruso è arrivato terzo al 51 ° minuto e 51 secondi.

Il russo Alexander Vlasov ha perso più di un minuto contro Bernal nella recente salita poiché la pendenza a volte era superiore al 20 percento.

READ  L'italiana Sofia Gogia ha vinto di nuovo la Coppa del Mondo

Il concorrente dell’Astana ha tagliato il traguardo al 16 ° posto, passando dal secondo al quarto posto assoluto.

Remco Evenepoel di Deceuninck ha perso il suo ottavo tempo complessivo (GC).

Calma e concentrazione

“Ho cercato di mantenere la calma quando abbiamo affrontato Zonkolan perché sapevo di essere in una buona posizione nel comando generale e non avevo bisogno di attaccare per primo”, ha detto Bernal.

“Ho seguito Simon Yates mentre attaccava e poi ho accelerato alla fine.

“Penso di aver fatto una buona gara. Adesso ho dei buoni progressi ma devo restare calmo e concentrato, nel giroscopio può succedere di tutto”.

L’australiano Jay Hindley, corridore estivo dello scorso anno, è stato costretto a ritirarsi prima della tappa a causa di “gravi dolori alla sella”.

Il suo team DSM ha dichiarato: “L’estate 2020 non è più adatta per le gare, ma andrà a casa per recuperare”.

“Ovviamente, non è così che volevo che finisse Jiro”, ha detto Hindley.

“La squadra ha già fatto molto per cercare di aiutare, ma la situazione non sta migliorando e non posso più continuare”.

Hindley si è classificato al 25 ° posto nella classifica generale.

Anche i corridori olandesi di Jumbo Dylan Groenewegen e David Dekker sono usciti davanti alle montagne.

La quindicesima tappa di domenica copre 147 chilometri da Grado a Gorizia, nel nord-est, e attraversa la vicina Slovenia prima di terminare nuovamente in Italia.

I risultati della 14a tappa del Giro d’Italia di sabato, oltre 205 chilometri da Cittadella alla vetta del Monte Zoncolan:

Il teatro

1. Lorenzo Fortunato (ITA / Eolo-Kometa) 5 ore 17 minuti 22 secondi 2. Jan Tratnick (SLO / BAH) 26 secondi 3. Alessandro Covey (Italia / UAE) 59, 4. Igan Bernal (Cole / Eni) 1: 43, 5. Bauke Mollema (NED / TRE) 1:47, 6. Simon Yates (GBR / BIK) 1:54, 7. George Bennett (NZL / JUM) 2:10, 8. Nelson Oliveira (POR / MOV) 2:18, 9. Daniel Martinez (Cole / Eye) 2:22, 10. Damiano Caruso (Italia / Bahrain) 2:22, 11. Giulio Ciccone (Italia / Turchia) 2:22, 12. Dan Martin (IRL / ISR)) 2:27, 13. Emmanuel Buchmann (Germania / Bauer) 2:29, 14. Hugh Karthy (Gran Bretagna / EF1) 2:37, 15. Roman Bardet (Francia / DSM) 2:45, 16. Alexander Vlasov (Russia) / AST) 2:55

READ  I giocatori dell'Italia pensano che Jorginho sia il contendente per il Pallone d'Oro dopo una grande stagione

Selezionato:

18. Joao Almeida (POR / DEC) 3:11, 19. Remco Evenepoel (BEL / DEC) 3:13.

Disposizione generale

1. Egan Bernal (Cole / Eneos) 58 ore 30 minuti 47 secondi 2. Simon Yates (Gran Bretagna / BIK) a 1 minuto 33 secondi 3. Damiano Caruso (ITA / BAH) 1:51, 4. Alexander Vlasov (Russia / AST) 1:57, 5. Hugh Karthy (Gran Bretagna / EF1) 2:11, 6. Emmanuel Buchmann (Germania / Bohr) 2:36, 7. Julio Ciccone (ITA / TRE) 3:03, 8. Rymco Evenbuell ( Belgio / dicembre) 3:52, 9. Daniel Martinez (Cole / Eni) 3:54, 10. Roman Bardet (FRA / DSM) 4:31.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *