L’Italia sta valutando la possibilità di proteggere auto e acciaio dall’interesse cinese

Fotografo: Matthew Lloyd / Bloomberg

Un ministro del governo ha detto che l’Italia sta valutando di espandere la protezione statale contro la proprietà straniera ai settori automobilistico e siderurgico, nel tentativo di proteggere le aziende dagli interessi cinesi.

Il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti della Lega anti-immigrati ha detto ai legislatori di Roma che la concorrenza sleale da parte della Cina – con forti sovvenzioni governative di solito non disponibili per le aziende italiane ed europee – è stata sottovalutata. Il risultato, ha detto, è stato la perdita di molti posti di lavoro e la chiusura di aziende in Europa.

“Alcune aree, come i settori automobilistico e siderurgico, hanno particolarmente bisogno di misure di sostegno a causa della loro natura strategica e perché sono particolarmente vulnerabili a tale concorrenza”, ha detto Giorgetti.

Ha aggiunto: “A questo proposito, stiamo valutando la possibilità di espandere la giurisdizione della regola del potere d’oro per includere settori che sono attualmente esclusi e che hanno una chiara importanza nel quadro economico nazionale”.

Per saperne di più: l’Italia rafforza la sua posizione sulla Cina, in linea con il rilancio degli investimenti nell’Unione Europea

Il cosiddetto potere d’oro include misure governative per prevenire o gestire la proprietà straniera in imprese considerate strategiche.

Il leader della Lega Matteo Salvini Il mese scorso ha invitato il governo a proteggere l’attività di autocarri e autobus Iveco come risorsa strategica, dicendo che sarebbe un disastro per l’Italia se la società fosse venduta a China FAW Group Co.

Per saperne di più: la paura degli acquirenti cinesi e americani costringe l’Europa a prendere una posizione difensiva

READ  "In Italia c'erano ancora circa il 4% di morti, e quando non avevano più posti all'ATI, è salito al 12%".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *