L’Italia è ancora la campionessa mondiale della vinificazione, un coltivatore svizzero

Lo spumante italiano trova la sua strada per i clienti anche nei tempi cupi della Corona. Il produttore di vino numero uno al mondo deve lottare duramente per i suoi affari.

Gli italiani amano protestare contro Natale e Capodanno con il loro frizzante brindisi al Prosecco. Successivamente, per un dolce festivo, nel più grande paese produttore di vino del mondo, che produce circa 50 milioni di ettolitri ogni anno, un bicchiere di vino dolce è una parte tradizionale.

Prodotti all’ingrosso e di alta qualità

Gli esperti usano il Vin Santo, ad esempio, che proviene dalla Toscana. Santo significa “sacro” – il vino da dessert ottenuto da uve appassite all’aria, maturato per anni in botti di legno, è una specialità.

Le due bevande cerimoniali sono prodotti completamente diversi: prodotti di massa da un lato e prodotti costosi di alta qualità dall’altro. Nell’anno pandemico del 2020, l’industria vinicola italiana ha dovuto imparare a proprie spese per trovare nuovi modi per raggiungere i consumatori per entrambi. Perché bar e ristoranti, dove le bottiglie vengono svuotate in altro modo in rapida successione, sono stati completamente chiusi a tappe da marzo a causa di Corona. Anche le importantissime esportazioni, che di recente hanno rappresentato un buon 50 per cento delle vendite, si sono fermate in primavera.

Solo una leggera diminuzione

In qualità di campione mondiale di vino per volume, l’Italia è sotto pressione a causa della crisi del virus. Il settore ha un fatturato di circa 11 miliardi di euro (11,9 miliardi di franchi svizzeri). I principali acquirenti all’estero sono gli amanti del vino negli Stati Uniti, seguiti dai tedeschi. Tuttavia, gli italiani spesso diventano creativi durante una crisi.

READ  Guanti di applauso: Bernie Sanders si fa strada a Seattle nel social media di meme

“La situazione è grave, ma non è così disastrosa come alcuni temevano a marzo e aprile”, dice Julio Soma dell’Unione Italiana Vini. Nella prima ondata Corona, l’allarme chiama il calo delle vendite scambiate in un intervallo a due cifre elevato. Poco prima della fine dell’anno, l’OIV ha calcolato una leggera diminuzione della produzione nel 2020 a 47 milioni di ettolitri. Poi i produttori di vino tedeschi hanno raggiunto quasi i 9 milioni di ettolitri, un quinto della quantità in Italia.

L’export è di grande interesse per i produttori di vino italiani.
MaxRussi

Dividi l’immagine in un paragrafo

Sul fronte delle vendite il quadro è misto, come riassume Somma: i consumi nella gastronomia italiana sono crollati, come previsto. Ciò ha un doppio effetto perché i ristoranti ordinano in media vini più costosi e di qualità superiore. Ad oggi gli ospiti hanno trattato Barolo, Brunello o Amaron a lunga maturazione. Nel 2020, invece, i vini e gli spumanti sono sempre più venduti attraverso i negozi, anche attraverso la grande distribuzione e gli sconti.

In generale, i prezzi delle bottiglie sono più bassi là fuori, spiega Somma. Ma durante la crisi, i supermercati distribuivano sempre più prodotti di alta qualità sugli scaffali. “Alcuni produttori di vino non amano questo canale di vendita a causa della politica dei prezzi aggressiva”, dice Soma, “dovevano esserci barriere nella testa a causa di Covid”.

Metà dell’esportazione

“Le esportazioni hanno salvato alcuni produttori, specialmente quelli che hanno buoni canali per gli Stati Uniti”, dice. Anche i vini migliori e più costosi erano popolari lì. L’esperto dice: “I tedeschi, d’altro canto, hanno ordinato maggiori quantità di Spumante 2020 fino a settembre rispetto all’anno precedente”. Tuttavia, le vendite qui sono leggermente diminuite, del 3%. In Italia, i tedeschi sono davvero frugali quando si tratta di mangiare e bere. Nell’epidemia, la qualità richiesta dello spumante si è ridotta e in alcuni casi anche i grandi acquirenti hanno pagato i prezzi.

READ  ▷ ELNET Germany ha istituito una rete tedesco-israeliana per startup e piattaforme di medie dimensioni (GINSUM)

L’associazione agricola italiana Coldiretti prevede un calo complessivo delle vendite all’esportazione del 4,6% per vino e spumanti. “In tempi di crisi, molte persone in tutto il mondo ricorrono al consumo tradizionale. Bevono qualcosa che associano a bei ricordi, da casa e durante le vacanze”, spiega Soma.

L’associazione agricola italiana Coldiretti prevede un calo complessivo delle vendite all’esportazione del 4,6% per vino e spumanti.
Felix Wolf

Aumento delle vendite dirette

L’attuale turbolenza in Italia non è così radicale nella quantità, ma nei canali di vendita. Spesso i viticoltori devono fornire catene di supermercati piuttosto che bar e ristoranti regionali. Vince la vendita diretta. Il commercio di vini online è stato finora una nicchia, anche se con tassi di crescita elevati. Nel 2020 le fiere di vendita si svolgono principalmente in digitale tramite video e Internet, se applicabile.

La digitalizzazione è una parola chiave che molte piccole imprese del settore evitano da tempo. La tua presenza sui social media ha bisogno di espansione. La maggior parte di loro funziona solo con siti web in lingua italiana, senza una versione in lingua straniera.

Crisi e creatività vanno di pari passo

L’azienda agricola “I Veroni” vicino a Firenze è un esempio di come crisi e creatività si incontrano. Vendeva Chianti Rovina attraverso molti canali. Grazie a Corona, l’industria dell’ospitalità è precipitata in Italia e Svizzera, secondo un rapporto del direttore marketing Luca Innocenti. Poi è arrivata la richiesta di fornire una linea di produzione completa a un cliente negli Stati Uniti. L’azienda agricola, che detiene 20 ettari di vino, lavora con raccolta manuale e metodi biologici. “C’è stato un momento di indecisione”, ha ricordato il suo collega. Poi hanno sviluppato un poster per i giovani acquirenti americani – e il gioco è fatto.

READ  QOTD: Dopo Integra, quale altra targa ti piacerebbe vedere rivivere?

Con I Veroni sono aumentate anche le attività Internet e le vendite dirette in negozio. Tuttavia, nessun sito web di vendita ha una funzionalità di ordine. Innocenti teme: “Solo nel 2021 sperimenteremo gli effetti reali di Covid nel mondo”. È probabile che molti clienti falliscano o dimezzino la propria attività. “Vediamo se tutti quelli che hanno sopportato più duramente continueranno a farlo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *