L’ISRO pianifica la missione ExoWorlds per studiare le atmosfere di esopianeti lontani | Notizie scientifiche

L’ISRO pianifica la missione ExoWorlds per studiare le atmosfere di esopianeti lontani |  Notizie scientifiche

Illustrazione di un pianeta extrasolare distante. (Credito immagine: Bing Image Creator/News9).



La prima scoperta confermata di un esopianeta avvenne nel 1992, con la scoperta di un pianeta di massa terrestre in orbita attorno a una pulsar. Da allora, i telescopi terrestri e spaziali hanno monitorato più di 5.500 esopianeti. Circa 100 di questi mondi sono esopianeti rocciosi che orbitano attorno alle loro stelle ospiti nelle zone abitabili, il che significa che potrebbero avere le condizioni necessarie per la vita e sono simili alla Terra.

Con il lancio del telescopio spaziale James Webb il giorno di Natale 2021, c’è stato un cambiamento nella scienza esoplanetaria che dovrebbe continuare con la prossima generazione di osservatori dello spazio profondo. Finora gli scienziati hanno scoperto soltanto mondi in orbita attorno a stelle lontane. Ora, i ricercatori stanno studiando gli stessi esopianeti, comprendendo le temperature, la composizione chimica dell’atmosfera e i processi atmosferici in corso.

ISRO intende entrare in azione con la missione ExoWorlds. La navicella spaziale avrà la capacità di effettuare osservazioni in gran parte dello spettro elettromagnetico, nelle frequenze infrarosse, ottiche e ultraviolette. La navicella spaziale osserverà gli esopianeti durante il transito, mentre passano davanti alle loro stelle ospiti dal punto di vista della Terra, così come le eclissi secondarie, quando gli esopianeti passano dietro le loro stelle ospiti dal punto di vista della Terra.

Leggi anche | L’ISRO spera di rivelare il futuro della Terra attraverso le missioni Shukrayaan e Mangalyaan 2

I ricercatori sulla Terra possono caratterizzare l’atmosfera di un esopianeta esaminando da vicino la luce della stella ospite che passa attraverso l’atmosfera di un esopianeta, nonché confrontando la luce della stella ospite con la luce durante un’eclissi secondaria. L’ISRO prevede di schierare la missione ExoWorlds nel secondo punto Lagrange nel sistema Sole-Terra, lo stesso sistema del telescopio spaziale James Webb, da cui la luce di mondi lontani può essere studiata senza alcuna interferenza da parte della Terra, della Luna o dello spazio. sole.

READ  Health Canada richiama il prodotto a base di cannabis BC a causa della contaminazione da oidio - Williams Lake Tribune

Leggi anche | L’ISRO mira a lanciare un satellite per la polarimetria a raggi X a dicembre

In Conferenza pubblica per l’INSA“Prevediamo anche un satellite chiamato ExoWorlds”, ha detto il presidente dell’ISRO S Somanath. “ExoWorlds è una missione per osservare i pianeti extrasolari. Gli esopianeti sono pianeti che orbitano attorno ad altre stelle, non al Sole. Almeno centinaia di loro sono simili alla Terra. Molti Alcuni di loro hanno un’atmosfera. Se riesci a capire l’atmosfera, potrai farti un’idea se alcuni esopianeti sono abitabili e se gli esseri umani possono migrare. Ma non sappiamo ancora come viaggiare e arrivarci. qui e per arrivarci ci vorranno alcune generazioni, non so quante generazioni.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *