L'importanza della vitamina A per le mucche

L'importanza della vitamina A per le mucche

La vitamina A è importante per molte funzioni del corpo, tra cui la crescita, la funzione immunitaria, la salute della pelle e degli zoccoli e la riproduzione. La carenza di vitamina A nelle mucche può portare a un peggioramento della salute generale e delle prestazioni, alla cecità o alla cecità notturna, a una diminuzione della fertilità, a una maggiore incidenza di ritenzione della placenta o di vitelli nati morti o deboli.

Il seguente articolo è stato scritto da Chelsea Siemens, specialista in bestiame e foraggio presso il Ministero dell'Agricoltura del Saskatchewan a Kindersley.

La vitamina A viene trasferita ai vitelli attraverso il colostro, quindi le mucche devono avere riserve sufficienti di vitamina A per produrre colostro di alta qualità. Se le mucche sono carenti di vitamina A o se i vitelli non ricevono abbastanza colostro, è probabile che i vitelli soffrano di carenza di vitamina A.

Le piante verdi in crescita contengono beta-carotene, un pigmento che si trasforma in vitamina A nel corpo. Durante i mesi estivi, le mucche solitamente consumano abbastanza beta-carotene per produrre la vitamina A di cui hanno bisogno. La vitamina A verrà immagazzinata nel fegato e nel tessuto adiposo della mucca per due o quattro mesi. Durante l'autunno e l'inverno gli animali consumano foraggi inerti o raccolti in cui il contenuto di betacarotene è molto più basso, rendendo necessaria l'aggiunta di vitamina A al mangime. Anche i foraggi raccolti verdi diminuiranno gradualmente la concentrazione di beta-carotene durante la conservazione.

Le difficili condizioni ambientali influiscono sulla qualità del pascolo e del foraggio, compreso il contenuto di vitamina A. Durante gli anni di siccità, le piante possono diventare dormienti all’inizio della stagione, prolungando il periodo di tempo in cui il bestiame rimane senza foraggio verde. Il bestiame può essere tolto dal pascolo già in autunno e iniziare a pascolare più tardi in primavera, quando l’umidità è bassa. La carenza di pascoli e fieno può anche comportare l’alimentazione del bestiame con residui colturali, razioni altamente concentrate e altre diete naturalmente a basso contenuto di beta-carotene. Tutte queste condizioni contribuiscono ad aumentare il rischio di carenza di vitamina A e la necessità di integratori alimentari.

Molte miscele minerali e integratori alimentari disponibili in commercio includono la vitamina A. Cerca l'analisi garantita sull'etichetta, dove le quantità di vitamine sono espresse in unità internazionali (UI) per chilogrammo di integratore. Per garantire che il bestiame riceva la quantità necessaria di vitamina A, gli integratori dovrebbero essere consumati entro l’intervallo raccomandato. Ad esempio, una mucca gravida necessita di circa 60 UI di vitamina A per chilogrammo di peso corporeo (Requisiti nutrizionali per bovini da carne, 8). edizione rivisitata). Ciò equivale a 38.100 UI di vitamina A per una mucca da 1.400 libbre. Supponendo che il mangime e il concentrato della sua razione invernale contengano pochissima vitamina A, la maggior parte di essa deve provenire da integratori. Se una miscela minerale contenente 500.000 UI/kg di vitamina A viene fornita in ragione di 100 grammi per mucca al giorno, ciascuna mucca riceverà 50.000 UI di vitamina A al giorno, una quantità superiore al suo fabbisogno. Tuttavia, se ogni mucca consumasse solo 50 grammi al giorno, il fabbisogno di vitamina A non sarebbe soddisfatto. Fai attenzione se stai assumendo più di un ingrediente che contiene minerali supplementari, poiché alcuni minerali sono tossici ad alti livelli o quando presenti nelle proporzioni sbagliate. Contatta un nutrizionista o uno specialista di bestiame e mangimi per consigli su come bilanciare la tua razione.

Altre considerazioni da tenere a mente includono la durata di conservazione degli integratori. Le vitamine si degraderanno nel tempo, quindi controlla la data di produzione di eventuali integratori contenenti vitamine e cerca di utilizzare questi prodotti entro un anno. Sono disponibili prodotti iniettabili contenenti vitamina A, ma la consegna deve essere attentamente programmata per coprire il periodo critico durante il quale le riserve di vitamina A devono essere a disposizione dell'animale. Le iniezioni non necessarie dovrebbero essere evitate quando possibile, quindi le fonti alimentari sono il metodo preferito per l’integrazione di vitamina A.

Sviluppare un piano per un’adeguata integrazione di vitamina A è un passo semplice e relativamente economico che può avere un impatto positivo significativo sulla salute e sulla produttività della mucca.

Per ulteriori informazioni, contattare l'ufficio dei servizi regionali locale o chiamare l'Agricultural Knowledge Center al numero 1-866-457-2377.

READ  Alcuni consigli quando ti prepari a tirare fuori la pala

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *