L'epopea western in quattro parti è stata la “più grande lotta” della star.

L'epopea western in quattro parti è stata la “più grande lotta” della star.

Finalmente abbiamo dato il nostro primo sguardo all'epopea western del regista Kevin Costner, con un trailer Horizon: un'epopea americana.

“Questo è il conflitto più grande di tutti”, ha detto Costner ai giornalisti durante un evento virtuale per presentare in anteprima il trailer la scorsa settimana. “A volte sono rimasto scioccato da ciò che siamo riusciti a ottenere.”

Data di uscita di Horizon: American Epic: 28 giugno
Uscita: Kevin Costner
il libro: John Byrd, Kevin Costner
eiaculare: Kevin Costner, Sienna Miller, Jena Malone, Sam Worthington, Abby Lee, Michael Rooker, Danny Huston, Luke Wilson, Tatanka Maine, Jamie Campbell Bower, Danny Huston.
Orizzonte: Data di uscita per il secondo capitolo della saga americana: 16 agosto

Di cosa parla “Horizon: An American Epic”?

Ambientato durante la Guerra Civile, dal 1861 al 1865, il film esplora “il fascino del Vecchio West”, secondo la sinossi ufficiale, in una storia che intraprende “un viaggio emotivo attraverso un paese in guerra con se stesso, vissuto attraverso la Guerra Civile”. Guerra.” L’obiettivo delle famiglie, degli amici e dei nemici”.

Costner ha notoriamente affermato di aver parzialmente finanziato il progetto Horizon: un'epopea americanaincluso rivela a Tempi di consegna Ha ipotecato la sua proprietà di 10 acri a Santa Barbara, in Californiaper investire nel progetto.

Come Costner ha confermato ai giornalisti, questa sarà una saga in totale di quattro parti, che segnerà il viaggio trentennale della star.

“Quando nessuno voleva realizzare il primo, ho avuto la brillante idea di realizzarne altri quattro”, ha detto Costner.

Sebbene il film abbia una classificazione R, Costner spera che le famiglie non vengano “disorientate” dalla classificazione.

READ  Il principe Harry e Meghan Markle vogliono battezzare la figlia Lillipet davanti alla regina

“Non sto guadagnando una rupia senza giustificazione. Sto guadagnando una rupia per un dodicenne, se qualcuno gli dicesse: 'Sarà un po' difficile tra poco, ma voglio che tu veda esso'”, ha detto. “Voglio che la mia bambina veda cosa ha passato la sua bisnonna. Spero che la famiglia vada a trovarla.”

Skyline di Kevin Costner: un'epopea americana (Warner Bros.)

Skyline di Kevin Costner: un'epopea americana (Warner Bros.)

“Questa non è Disneyland, questa era la vita reale.”

Per il famoso attore, noto soprattutto per il suo lavoro nei western compresi Balla coi lupi, Silverado E la serie YellowstoneVoleva “allontanarsi” dalla tipica formula occidentale.

“A volte c'è una città, ed esiste davvero, e nessuno sa come sia nata, ma è solo un fungo che è spuntato fuori. C'è un uomo che appare all'orizzonte, per così dire, e non sappiamo molto di lui salvo che.” “Ha alcune abilità che vorrebbe lasciarsi alle spalle, e alla fine questa città ha un disperato bisogno di quelle abilità”, ha detto Costner. “È una formula per l'Occidente, e quando è fatta bene, non la dimentichiamo mai, e spesso è facile per un uomo eroico abbattere un uomo stupido.”

“Abbiamo molti western che non sono buoni, perché sono diventati troppo semplicistici. I western sono in realtà complicati, perché questa non è Disneyland, questa era la vita reale. Le persone stanno semplicemente facendo la loro strada, e le donne ci stanno solo provando.” cavarsela.” “Le loro famiglie pulivano, nutrivano e lavoravano fino alla morte. La vita delle donne era breve, tutto ciò che facevano era lavorare. E quindi sono attratta da questo. Voglio dire, seguirò sempre gli scontri a fuoco, ma sono attratta alle piccole cose che le persone hanno dovuto sopportare.”

READ  Kelowna's Rock the Lake Festival annuncia la prima serie di atti per il 2023 - Kelowna News
Sienna Miller all'orizzonte: un'epopea americana (Warner Bros.)Sienna Miller all'orizzonte: un'epopea americana (Warner Bros.)

Sienna Miller all'orizzonte: un'epopea americana (Warner Bros.)

Per quanto riguarda ciò che ha reso gli anni della Guerra Civile un contesto particolarmente avvincente per il progetto di Costner, ha descritto questo periodo di tempo come un “indicatore” degli Stati Uniti, dalla perdita di vite umane al motivo per cui è stato combattuto.

Ha aggiunto: “Tutto ciò che ha fatto è stato chiudere l’Occidente in un batter d’occhio”. “La guerra civile in realtà mantenne l'attenzione del paese sulla costa orientale, ma nel momento in cui la guerra finì, nel 1865, il paese guardò nuovamente a ovest, e in 25 anni qualcosa che era stato lì per migliaia di anni scomparve.”

“Non so se mi vergogno o mi imbarazzo, ma voglio mostrare cosa è realmente accaduto. C'è stata una grande ingiustizia in Occidente, ma ciò non diminuisce il coraggio che hanno avuto i miei antenati nel rinunciare effettivamente ai propri diritti”. “E per andare lì. E mi rendo conto dell'intraprendenza e del coraggio necessari per partire e attraversare questo paese. È semplicemente un film che mostra la categoria delle culture. È la nostra storia.”

Ha aggiunto che crede che sia “sbagliato” “giudicare” gli altri in base a come si comporterebbero in un secolo diverso.

“Penso che quando si pensa all’Occidente, bisogna capire che siamo usciti da quella terribile guerra civile”, ha detto. “La gente veniva in Occidente, e a volte aveva molta speranza, portava con sé le proprie famiglie, e altre persone venivano in Occidente perché erano state ferite. Altre persone venivano in Occidente perché stavano scappando da qualcosa, e non si sapeva chi era l'altro.”

READ  Shakira ammette di frode fiscale in un lungo caso spagnolo e ottiene la sospensione della pena detentiva

“La cosa strana… era l'uomo nero… la gente aveva paura di te, perché non sapevano se quello era davvero il tuo nome, o cosa facevi realmente, e la gente lo scoprì molto rapidamente in Occidente,” ha detto dice “se fossero abbastanza forti.” Lanciare, se sono abbastanza cattivi, possono restare fedeli a qualcosa. Possono prendertelo. E quando riesci a creare quella struttura in un film dove tutto è possibile, alcune persone sono state fortunate, altre non sono state così fortunate. E il motivo per cui le persone continuavano ad andare verso ovest, era perché guardavano queste tombe che seguivano la strada verso ovest. E quando cercarono di guardare la moglie che disse: “Perché andiamo da qui?” “Noi saremo più fortunati di loro”, disse semplicemente l'uomo. “E così questo paese fu colonizzato. Gli indiani nativi americani furono schiacciati da questo movimento. Non avevano alcuna possibilità. “

Horizon: An American Saga Capitolo 1 uscirà nelle sale il 28 giugno, seguito da Horizon: An American Saga Capitolo 2 il 16 agosto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *